LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Come cambia la musica alla Reggia di Caserta
di Valeria Parrella
20 agosto 2017 LA REPUBBLICA


Che cosa significa andare a sentire un concerto in un posto straordinario come questo? Non semplicemente una bella esperienza ma vuol dire anche riprendersi un luogo e imparare a viverlo diversamente

Sulla Reggia di Caserta sera: coppie passeggiano sottobraccio lungo la facciata vanvitelliana. Donne fruscianti si sventolano incedendo lente nel lungo viale che dal carraio arriva "dritto per dritto" alla stazione dei treni. Il viale, di qua e di l illuminato debolmente, rivela due grandi emicicli coevi: gli edifici che servono la reggia: prima di tutto per le truppe di stanza. Che vita regale e serena, quella che ti fa sentire a casa tua in un palazzo che non ha eguali ( la residenza reale pi grande del mondo): regale perch allontana per un poco quel senso di stracci e miseria che invece spesso incombe sulle vite, e serena perch tutto ci che ortogonale allude alla perfezione. Che non siamo in epoca borbonica, per, lo ratifica la luna che illumina i prati e, sui prati, ragazzi stesi a chiacchierare, a baciarsi, birre in mano ch fa caldo: appena finito il concerto di Stefano Bollani. I prezzi dei biglietti vanno da democratici a sopportabili, e un ragazzetto ossuto tutto occhiali si alza proprio da un posto di platea: uno studente del conservatorio, innamorato dell'arte sua, che ha messo i soldi da parte e ora si sente un privilegiato. Ha ragione. un privilegio tutto riconquistato sciamare da questa reggia a mezzanotte, dopo essere stati in uno dei suoi cortili ad ascoltare musica.

Per anni i giardini della reggia sono stati chiusi nei giorni che i casertani dedicano alle scampagnate: troppi danni per un solo giorno, una scia di spazzatura quella che restava. Qui si dice che il pesce puzza dalla testa, e cos come credo che un generale senso di malgoverno della cosa pubblica e di degrado fosse sottostante a quei comportamenti incivili, allo stesso modo quando, la scorsa Pasqua, il direttore decise che si sarebbe potuti entrare di nuovo nei giardini per il picnic, fu il segno meraviglioso di chi si sente sicuro di ci che fa. pronto a vivere la responsabilit solo chi ineccepibile, perch solo quello pu dire: "mi fido". Fino a sera, noi partiti in viaggio per il fine settimana pasquale, si rimase con il fiato sospeso. Ci si chiedeva tra amici, con la frequenza con cui ci si informa dei risultati di una partita alla domenica: "si sa come andata a Caserta?".

And bene: fiducia chiama fiducia, andata bene. Entrare e uscire democraticamente dagli orti dei re d uno di quegli abbagli che dovettero provare le guardie rosse tornando sulla Neva dal Palazzo d'Inverno. E d un senso a questo procedere della periferia, che non sia solo la meta diurna di un pullman gran turismo appaltato dalle scuole, non il frettoloso selfie da riportare a casa.

Qualcosa di pi: dei luoghi dove potersi concentrare sulla bellezza, mentre di bellezza siamo circondati.

Bateson lo chiama deuteroapprendimento, significa che mentre attivamente ci si dedica a un'osservazione, si presta attenzione a un fenomeno, intanto, sotto ne scorre un altro che comunque segna la coscienza, la sensibilit. Che rester l da qualche parte, sub-limine, sotto la soglia della porta dell'immenso carraio della Reggia di Caserta. Pensavi di star varcando quel limes per andare ad ascoltare Bollani e intanto imparavi ad appropriarti di uno spazio della tua citt, del tuo sud, a farlo tuo di notte: quando il tempo, se c' tempo, te lo scegli. lo stesso senso di duplicazione della possibilit che si avverte entrando di sera al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il gioved, dopo le sette, a biglietteria chiusa. Due euro e si resta dentro fino alle 23 ad ascoltare musica jazz in uno dei suoi giardini, mentre fuori la cappa di caldo asserraglia la citt.

Le mura doppie difendono dal grande incrocio male ammaestrato, dalla guerriglia della movida, e a loro volta proteggono il passato: tutto ci su cui si fonda la civilt occidentale sta qui. Chiudi gli occhi e ascolti Dario Deidda, li apri e una Minerva ti guarda dallo scalone cos come Canova la volle. Due euro e tu e Canova guardate la stessa cosa "nello stesso momento". Ed misticismo voler credere che le due manifestazioni dello spirito sono coerenti e coese? Non che la musica si aggrega alla scultura per trasformarsi poi, entrambe, nella nostra coscienza, cos come l'idrogeno e l'ossigeno combinandosi fanno l'acqua? Le regge spalancate, i musei di notte, quello che era stato pensato per pochissimi che diventa di tutti anche un civile escamotage che i direttori dei nostri poli museali hanno trovato per bilanciare decisioni indifendibili, per esempio quella che dal 2014 condanna gli over 65 a pagare il prezzo pieno del biglietto, togliendo loro il miele del potersi rifugiare in una pinacoteca, in una galleria anche ogni giorno, ch se un vantaggio c', a nascere italiani - se c' - solo questo: che alla stessa distanza del salumiere c' una chiesa barocca o un mosaico bizantino, o gli occhi bianchi dei bronzi tirati su dal mare. Un pensionato non sta due ore in fila la prima domenica del mese: si stanca (e i nostri anziani che si sono alzati dopo quarant'anni dalle cattedre non sono cos fessi da farsi bastare un centro commerciale). Ma questa solo una declinazione della storia, la stessa storia che racconta un momento di costruzione per non addetti ai lavori, uno di quelli in cui nasce l'immaginario: il modo in cui il marmo si fa curva nel toro Farnese, ci entrato nell'anima assieme a quella nota jazz. Sono le cento sostanze semplici che formano milioni di composti, i mattoni dell'edificio del mondo in cui viviamo. I souvenir dal nostro personalissimo Grand Tour: quando poi ricomincia la scuola, la fretta, la corsa a prendere la metro ti trovi in tasca un pezzo di bellezza che non sapevi manco di aver raccolto.



news

21-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 21 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news