LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PIEMONTE - Venaria, non tradite quel simbolo di rinascita
20 agosto 2017 LA REPUBBLICA



GENTILE REDAZIONE,

vi scrive un pensionato felice che sta trascorrendo un bellissimo mese di agosto in citt, scoprendo angoli della sua Torino che non conosceva. E non affatto una citt deserta, anche se troppi negozi sono chiusi: ma tutto sommato ne abbiamo un'esagerazione, possiamo pure farne un po' a meno per qualche giorno.

In particolare, una delizia visitare i musei quando la citt in vacanza, bello farlo senza fretta e senza ansia. A ferragosto sono stato con la mia famiglia alla Reggia di Venaria, la nostra Versailles: uno spettacolo unico. Ho visto un sacco di bambini, tra l'altro.

Bellissimo tutto, i fiori specialmente, ma che incanto quelle donne della Belle Epoque ritratte dal pittore Boldini! Da lasciarci il cuore!

Aldo Natta

(Torino)

CARO SIGNOR ALDO, la fila delle persone in attesa di entrare in un museo sempre un indicatore di civilt, non solo un segno culturale ma una sottolineatura sociale. Vederne tante in coda nello splendido viale che porta alla Reggia di Venaria, sotto il sole di agosto, conferma che non tutto perduto anche in questi tempi incerti, non poco immiseriti e feroci. I numeri confortano pi di ogni ragionamento: oltre 53 mila visitatori sono stati alla Reggia a partire dal weekend di ferragosto, come se un'intera cittadina di 10 mila abitanti si spostasse ogni giorno e andasse a Venaria.

La mostra su Giovanni Boldini una delle cinque pi viste in Italia in questi giorni, con oltre 8 mila presenze. E tra un Bucintoro dei Savoia e una serata d'estate nei giardini, la Reggia offre cose sempre diverse: ma volendo restare al classico, cio decidendo di visitare o rivedere "lei" e basta, c' comunque da rifarsi gli occhi.

Chi ricorda com'era ridotto questo luogo una ventina d'anni fa, quando lo usavano come deposito militare e magazzino semi abbandonato, pu pensare al miracolo. E va reso merito a Walter Veltroni, allora ministro della cultura, per l'idea di far rinascere la Reggia di Venaria con i soldi del Lotto. Sembra ieri, invece sono gi dieci anni da quando Torino e l'Italia hanno riacquisito un luogo meraviglioso. Dieci anni di mostre, restauri, crescita, innovazione, dieci anni di visite guidate per i bambini e gli studenti, dieci anni di serate piacevolissime, concerti e spettacoli. Ora, per, guai mollare.

palese che tagliare fondi alla cultura il primo passo per tornare indietro di un secolo, precipitando all'epoca in cui Torino non aveva un turista nemmeno a pagarlo, a parte quelli che guardavano vecchissime mummie dentro un museo quasi decrepito quanto loro, e invece adesso l'Egizio tutto nuovo all'avanguardia nel mondo.

Quant' lontana la citt che, oltre la cinta daziaria, era considerata solo piena di nebbia e automobili, tutt'al pi di ottimi giocatori di pallone. La Torino "fredda" e "chiusa", razzista e inospitale. L'ultimo decennio, che coincide con la rinascita della Reggia e con l'esperienza olimpica, ha visto al contrario affermarsi un'immagine di cultura e turismo da grande metropoli delle idee. Non dovrebbe essere difficile proseguire nella virtuosa scia; ma se si comincia a tagliare contributi e non crederci, se la cultura diventa una delle tante possibilit di cui fare eventualmente a meno, la preistoria di Torino dietro l'angolo. Pu arrivare di brutto, a colpi di clava.


MAURIZIO CROSETTI

m.crosetti@repubblica.it




news

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

20-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 OTTOBRE 2017

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

Archivio news