LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Lazzaretto Nuovo, lo Stato chiede gli arretrati ai volontari
di Alberto Vitucci
LA NUOVA VENEZIA 21 agosto 2017


Quindicimila euro di arretrati. Pi mille euro di canone l'anno. Per fare i volontari e badare al patrimonio archeologico dello Stato si deve pagare. la storia incredibile dell'associazione Archeoclub, fondata da Girolamo Fazzini, che da trent'anni ha in cura l'isola del Lazzaretto Nuovo. Dal 2013 anche in vigore un protocollo d'intesa con il ministero dei Beni culturali che affida ai volontari la gestione e la sorveglianza dell'isola e del Lazzaretto Vecchio. Ma un altro ufficio dello Stato, il Provveditorato alle Opere pubbliche di Venezia (ministero delle Infrastrutture) ha scoperto che per andare sull'isola i volontari utilizzano la barca. Dunque, l'ormeggio va pagato. Multe su multe e alla fine la contestazione pi pesante: Occupazione abusiva di spazi demaniali.L'associazione ricorre al giudice, e l' udienza stata fissata per il 20 ottobre. Abbiamo cercato di spiegare, dice l'avvocato Andrea Grigoletto, che quell'ormeggio serve per effettuare un incarico istituzionale. Cio la vigilanza a titolo gratuito nell'isola e la custodia dei depositi archeologici della Soprintendenza e di tutti i reperti trovati in laguna. Una vicenda incredibile. Lo Stato da una parte chiede servizi necessari alla tutela del suo patrimonio, dall'altra vuole far pagare i volontari. Fazzini ha recuperato un'isola prima abbandonata e l'ha trasformata in un centro culturale.Adesso sono numerosi gli studiosi e i ricercatori che vengono nell'isola per ammirare le meraviglie del Tezon Grande, il pi grande edificio della laguna dopo le Corderie dell'Arsenale, adibito per decenni a Lazzaretto, dove merci e uomini provenienti dall'Oriente sospetti di peste venivano tenuti in quarantena. L'isola viene visitata da docenti e studiosi, finestra d'eccezione sulla laguna non ancora invasa dal turismo. Da qualche anno fa parte del grande progetto benedetto - ma non ancora finanziato - del ministero dei Beni culturali. Al Lazzaretto Nuovo e nell'isola del Lazzaretto Vecchio al Lido, di recente restaurata e anch'essa affidata per la vigilanza ad Archeoclub, dovrebbe trovar posto il nuovo museo della laguna. Reperti archeologici e testimonianze che saranno presto visitabili.Un gioiello che adesso ha visto accendersi i riflettori per le proiezioni annunciate dalla Biennale cinema. Che merita per attenzioni maggiori.I due Lazzaretti fanno parte di un progetto unitario, dice Fazzini, grazie al lavoro dei nostri volontari sono adesso ripuliti e sorvegliati. Speriamo che il progetto del museo parta al pi presto. Intanto c' da risolvere l'emergenza demaniale. Se dovesse pagare decine di migliaia di euro per lavorare, Archeoclub potrebbe chiudere i battenti. E con essa il futuro dei due Lazzaretti, monumenti storici di prima importanza per ricostruire il passato della Serenissima.



news

17-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 luglio 2018

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

Archivio news