LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FELTRE - Pronta la rivoluzione al Museo
Raffaele Scottini
19 agosto 2017 LA NUOVA VENEZIA



Multimedialit, interattivit e visione in 3D del patrimonio archeologico. Sar una completa rivoluzione degli spazi espositivi quella che vedr trasformare il museo Civico in Civico-Archeologico con un investimento di 350 mila euro per l'allestimento della sezione romana al pianterreno (200 mila di fondi europei e 150 mila di mutuo comunale), a cui si aggiungono 61 mila euro ancora da canali europei per la produzione dei materiali digitali (con il Gal Prealpi e Dolomiti come regista). Al termine di un complesso iter fatto di diversi passaggi dopo l'accordo sottoscritto con la Soprintendenza archeologica del Veneto pi di un anno fa (era maggio 2016), stato approvato dalla giunta comunale il progetto preliminare in cui si definisce la creazione della sezione romana al piano terra dell'attuale museo Civico, dove verranno esposti la statua di Esculapio ora in sala Pia e molti reperti.Ad annunciarlo l'assessore alla cultura Alessandro Del Bianco, che alza il sipario insieme alla conservatrice del museo Tiziana Casagrande. Lavorare in termini di progettazione in un edificio come questo complesso, esordisce il vicesindaco. Intanto in via di completamento l'ascensore interno, che si pu definire un primo stralcio per il museo Archeologico perch permetter di collegare l'attuale palazzo Villabruna all'ex museo Gaggia e all'ex casa del custode. Adesso arriva la seconda parte, quella sostanziale della riorganizzazione completa del piano terra, prosegue l'assessore Del Bianco, che detta i tempi: A fine settembre-inizio ottobre avremo il progetto esecutivo, con l'obiettivo dell'inaugurazione in primavera. Il museo Archeologico avr un respiro innovativo sia sul carattere multimediale che illuminotecnico, ma stiamo pensando con la Soprintendenza di digitalizzare e rendere visibile in 3D l'intero patrimonio archeologico feltrino attraverso la rappresentazione in "virtual tour".Sotto l'aspetto espositivo, verr riconvertito tutto il pianterreno, con l'aggiunta di due stanze dell'ex museo Gaggia. La biglietteria verr ricollocata all'ingresso, liberando la stanza dove si trova attualmente, che accoglier le statue. E sar recuperata la cosiddetta Stanza dell'orso che ha un interessante tessuto decorativo affrescato, con la possibilit di avere anche una saletta di proiezione, spiega la conservatrice del museo. Con il posizionamento nell'atrio dei capitelli ed altri rinvenimenti locali, si delineer l'aspetto dell'architettura nel periodo romano. La seconda sala ospiter la statua di Esculapio e l'altare in calcare bianco dedicato alla divinit Anna Perenna. Nelle sale successive verranno affrontati gli aspetti geopolitico ed epigrafico. L'ultima sezione, nuova, recupera le due stanze dell'ex Gaggia che saranno dedicate agli aspetti funerari. un grande ampliamento delle possibilit museali, con l'intenzione di rendere fruibili tutti i reperti, senza lasciare niente nei depositi.Da sottolineare infine la cessione di parte del materiale ecclesiastico al museo Diocesano: L'idea, sottolinea Tiziana Casagrande, che ogni elemento abbia la sua valorizzazione nell'ambito di un percorso cittadino.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news