LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

POLITICA COMPLICE DELL'ABUSIVISMO
ROBERTO DELLA SETA
24 AGOSTO 2017 LA REPUBBLICA



SONO in tanti in queste ore al capezzale di Ischia ferita dal terremoto. Presenze fisiche provvidenziali: la protezione civile che organizza i soccorsi, i vigili del fuoco con la loro abnegazione e i loro miracoli, primo fra tutti il salvataggio dei tre fratellini tirati fuori incolumi dopo ore sotto le macerie. E poi voci soprattutto mediatiche: la politica, le istituzioni locali e nazionali, che manifestano solidariet e garantiscono assistenza alle popolazioni colpite e che s'interrogano, insieme a tutta l'opinione pubblica, sul perch un terremoto di forza contenuta (intorno ai 4 gradi Richter) abbia potuto provocare conseguenze disastrose e sul nesso tra tali conseguenze e l'abusivismo edilizio che da sempre imperversa ad Ischia.

L'isola flegrea, questo si sa, una sorta di capitale nazionale del mattone illegale. I dati raccolti e diffusi da Legambiente, da trent'anni mobilitata contro il cemento abusivo, sono eloquenti: 600 case abusive gi colpite da ordine definitivo di abbattimento e quasi tutte ancora in piedi, 27 mila domande di condono presentate in occasione delle tre grandi sanatorie edilizie (1985, 1994, 2003). Ora, abuso edilizio non un'espressione astratta: nel caso di Ischia, isola con una storia di terremoti anche molto pi intensi di quello del 21 agosto (la scossa che distrusse Casamicciola nel 1883 sfior i 6 gradi della scala Richter), significa centinaia di immobili costruiti dove per ragioni di rischio sismico e anche idrogeologico non si sarebbe dovuto costruire, e realizzati con tecniche e materiali scadenti. Dunque un problema immenso di sicurezza abitativa oltre che un danno insanabile al paesaggio e un business formidabile delle ecomafie, che vede Ischia come punta di un iceberg: la Campania che guida la classifica nazionale delle regioni pi sfigurate dall'abusivismo edilizio (60 mila abusi solo negli ultimi dieci anni).

Che vi sia un legame diretto tra questa totale anarchia urbanistica e gli effetti tanto devastanti di un sisma di per s modesto, sembra evidente e molti testimoni autorevoli l'hanno denunciato in queste ore, a cominciare dal capo della Protezione Civile Angelo Borrelli. Non la pensano invece cos i sindaci dei sei comuni ischitani, per i quali questo legame non esiste, e nemmeno il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca: Bestialit collegare i crolli all'abusivismo , ha detto De Luca, aggiungendo poi che quanto successo " colpa dell'ambientalismo che ferma tutto da 25 anni . Le affermazioni dei sindaci di Ischia e di De Luca suonano grottesche ma non sono sorprendenti. I primi si battono da anni per ottenere la riapertura dei termini dell'ultimo condono edilizio: sono espressione pi o meno consapevole di quel "patto scellerato" stretto in tanti altri territori del Mezzogiorno dalla politica locale di ogni colore con il "popolo degli abusivi" per ottenerne il consenso dando in cambio libert di costruire senza regole. Quanto a De Luca, pochi mesi fa ha fatto approvare una legge regionale (19/2010) che sotto il pretesto del cosiddetto "abusivismo di necessit" mette in salvo dalle demolizioni migliaia di case sorte illegalmente. La legge, impugnata dal governo dopo un ricorso presentato dai Verdi, replica i contenuti di una norma nazionale, il disegno di legge Falanga, attualmente all'esame della Camera e anch'essa basata sulla distinzione tra abusivismo speculativo e "di necessit": ma di necessario, quando una casa costruita illegalmente, vi soltanto l'esigenza di demolirla, pure nell'interesse di chi la occupa. Da segnalare, tra l'altro, che la legge blocca- demolizioni campana ha avuto tra i suoi sostenitori il consigliere regionale Verde Francesco Borrelli, sconfessato sul punto dal suo partito: un caso mirabile di "gattopardismo" visto che lo stesso Borrelli rilascia in queste ore dichiarazioni indignate contro l'abusivismo edilizio e chi l'ha favorito.

A Ischia, in Campania, in Italia in generale, si fatto infinitamente meno del necessario e del possibile per prevenire tragedie come questa di Ischia. Oggi dare priorit assoluta alla messa in sicurezza dei territori rispetto ai rischi naturali terremoti, vulcani, frane, inondazioni -, dunque combattere senza tregua l'abusivismo edilizio, il primo dovere di una politica responsabile: un dovere altrettanto urgente, per citare un esempio di stringente attualit, che difendere le nostre comunit dal rischio terrorismo, un dovere che spesso a quegli amministratori che lo compiono "con disciplina e con onore" come vuole la Costituzione caso pi recente il sindaco di Licata - costa il posto. Una classe dirigente che agisce in direzione contraria nemica dell'interesse generale: chi ne fa parte pu tirare a campare grazie alla demagogia e al clientelismo, ma come classe dirigente gi morta.





news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news