LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Anfore e reperti in casa denunciati i tombaroli della villa alla Gaiola
STELLA CERVASIO
29 agosto 2017 la repubblica

UNA tavola da surf per muoversi agilmente tra gli scogli a pelo d'acqua, i remi per spaccarli e due "pali". Il ladro di antichit marine agiva con questo protocollo nell'Area protetta della Gaiola. Due denunciati dai carabinieri, l'ennesima violazione al Parco sommerso di Posillipo. Ma qualche volta anche la sorte avversa pu giocare a favore dei beni culturali. Il trafugamento ha fornito la conferma a un'ipotesi mai riscontrata: oltre alla villa di Vedio Pollione e alla Casa degli Spiriti, nella ricca area archeologica di Posillipo c'era anche un'altra domus, e a giudicare dalle tessere di mosaico che non sono risultate essere materiale di riporto, ma staccate dal pavimento originario, era una dimora lussuosa come le altre. A breve i carabinieri, che hanno sequestrato l'area per garantirla contro altri saccheggiatori, avranno una riunione con il soprintendente Luciano Garella e con l'archeologo Enrico Stanco, che ha collaborato per risalire all'identit dei reperti.

A scoprire i ladri stato un addetto alla sorveglianza, che li ha praticamente consegnati ai carabinieri filmandoli mentre agivano. Di solito lo specchio d'acqua viene preso di mira per ricci e frutti di mare. Stavolta l'antico porto romano stato oggetto di ruberie di tombaroli di mare. Uno dei due ha usato la tavola per arrivare agli scogli dove si presumeva che fosse l'ingresso della domus. I reperti che gli interessavano erano protetti da scogli che l'uomo non si fatto scrupolo di danneggiare a colpi di remi.

Una volta liberati dalle rocce, li avrebbe riposti in una busta nera che ha passato a un altro, il quale a sua volta li ha dati a un ragazzo perch l'appoggiasse su una barca. Nel video si vede l'intera sequenza.

Nella busta cocci, frammenti di anfore vinarie del I secolo dopo Cristo e magnogreche, manici, un frammento di tegame romano in ceramica del I secolo dopo Cristo e un frammento di affresco romano. I carabinieri hanno identificato un pescatore di frodo di 23 anni di Casoria e un pescatore di Pozzuoli di 35 anni, con precedenti penali per reati simili.

In casa uno dei due aveva anche un reperto rubato nella villa della Gaiola di Franco Ambrosio, il re del grano massacrato da tre rumeni nel 2009 insieme con la moglie Giovanna Sacco durante una rapina. una base di marmo con uno zoccolo di toro, di cui esisteva la denuncia di furto dello stesso imprenditore, che lo deteneva regolarmente, presentata prima del 2009. Ritrovati anche reperti dello scavo della soprintendenza in piazza Municipio per il porto di Neapolis.

La perquisizione in casa del pi giovane ha portato al sequestro di un frammento di un'anfora vinaria romana di et imperiale con parte del collo e le anse. In casa dell'altro denunciato i carabinieri hanno trovato un frammento di affresco policromo, anfore romane, capitelli, decorazioni in marmo e terracotta, la mano di una statua romana in marmo, un frammento di cornice pure in marmo, lucerne integre e con incisioni del I secolo dopo Cristo, monete del periodo romano imperiale (catalogate dalla soprintendenza e oggetto di ricerca), chiodi e una borchia e grappe in bronzo.

I due devono rispondere di furto aggravato, danneggiamento, ricettazione e impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato.

L'archeologo della Soprintendenza delle belle arti e del paesaggio per il Comune di Napoli ha certificato il notevole interesse archeologico dei reperti: provengono dal parco del Pausilypon, di cui l'area marina protetta della Gaiola fa parte. La Gaiola, dal 2002 Parco sommerso in virt di un decreto interministeriale, sottoposta a un continuo saccheggio, soprattutto nella parte naturalistica. Con una superficie di appena 41,6 ettari, si estende dal Borgo di Marechiaro alla Baia di Trentaremi racchiudendo una parte del grande banco roccioso della Cavallara. Ma difficile far capire l'importanza di questa risorsa per una citt come Napoli. Lo scorso Ferragosto 100 nasse illegali sulla secca della Cavallara in piena area marina protetta sono state sequestrate dalla Guardia costiera. Meno di una settimana prima la Guardia di finanza aveva sorpreso due barcaioli e un sub che pescavano 300 ricci di mare. Decimare il riccio significa alterare l'equilibrio marino. Infatti il Paracentrotus, il cosiddetto "riccio femmina", una specie protetta inserita nei protocolli internazionali, in quanto "specie che necessita di una gestione oculata" e la cui pesca in Italia regolamentata da un decreto ministeriale del 1995.






news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news