LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - La Grande Brera resta arenata. Cos l'Italia trascura i suoi tesori
MARIO BELLINI
CORRIERE DELLA SERA - 31 agosto 2017

Inerzia II materiale stato consegnato agli uffici della Pinacoteca.

Perch i musei oggi hanno sempre pi bisogno di spazio? Perch un numero crescente di concorsi o incarichi vedono noi architetti impegnati in ampliamenti ed estensioni di musei preesistenti? Perch persino Venezia la citt museo pi straordinaria del mondo oggi costretta a ricorrere a ingressi a numero chiuso? Il mondo evidentemente si allargato e la richiesta di accedere al Bello, in tutte le sue espressioni, aumentata esponenzialmente. Per fortuna, ritengo, perch a riabituarsi al brutto ci si mette poco, visti i precedenti. Non a caso oggi alcuni artisti si cimentano a riscattare muri, capanni e persino discariche, utilizzando l'espediente del camouflage e l'artificio della mimesi per cercare di nascondere il brutto che sempre in agguato; non solo nelle periferie, ormai meno trascurate, anche perch il concetto di periferia in evoluzione, ma anche in tanti altri contesti che ci sono cari, come quelli delle nostre innumerevoli citt storiche o delle realt paesistiche e agricolo-produttive, ora riconosciute e percepite praticamente da tutti come un patrimonio nazionale identitario e irrinunciabile. Senza questa premessa difficile spiegare perch la Pinacoteca di Brera (cos come l'Accademia che ogni anno attira un numero crescente di studenti da tutto il mondo) merita molto di pi che una ciclica ridipintura delle pareti, una continua ricollocazione di un capolavoro quale il Cristo Morto del Mantegna, seguendo gusti e intenti estetici meteoropatici, o una serie di iniziative che intercettano tanto i milanesi quanto i turisti di passaggio che, quando entrano nella Pinacoteca, vogliono trovarsi davanti agli occhi i capolavori di cui hanno sentito dire o favoleggiare, di cui hanno letto o studiato, pur abitando dall'altra parte del mondo. Deve aver pensato a questo il ministero dei Beni culturali (un'orchestra che suona a prescindere da direttori o solisti che arrivano, interpretano e se ne vanno) quando ha indetto un concorso nel wog per dare pi spazio alla Pinacoteca, e per far et che vi fosse un riallestimento all'altezza dei grandi musei che non sempre possiedono altrettanti capolavori. Un sacrificio perch si usano denari pubblici per dare alla Pinacoteca un assetto base di alto livello e sul quale, poi, se necessario, avviare questa o quella iniziativa. Il concorso stato fatto, il progetto consegnato, il resto buio. Dopo aver vinto la gara pubblica ho ricevuto l'incarico di realizzare il progetto architettonico definitivo della Grande Brera, il primo che prevedeva l'integrazione con Palazzo Citterio (fortunatamente ormai prossimo a essere inaugurato) e il trasferimento parziale dell'Accademia in una sede importante per sfidare il futuro. stato un lavoro multidisciplinare di vari anni, molto appassionante, che ho condotto a termine mentre nel 2012, tra i molti progetti, inauguravamo al Louvre di Parigi, nella Court Visconti, una nuova vasta estensione: il dipartimento delle Arti islamiche, progetto affidatoci dallo Stato francese dopo aver vinto un concorso internazionale. Concorsi come altri cui ho partecipato con successo e che sono stati alla base di realizzazioni/ristrutturazioni museali radicali, come quelle della National Gallery of Victoria di Melbourne o del Museo della Storia della Citt di Bologna. Tra la fine del 2013 e l'inizio del 2014 ho consegnato tutto il materiale agli uffici della Pinacoteca di Brera, dopo una lunga fase di controllo e di certificazione per verificare la sua congruit con il briefing del ministero e con la normativa pubblica. Da quel momento, per, non ho saputo pi nulla. E non lo sanno neppure i finanziatori di questo progetto: i cittadini italiani. Forse ha ragione Vittorio Gregotti, quando dice che l'architettura non interessa pi.... Ma va aggiunto un dato: non interessa pi in Italia. Un esempio per tutti: a Londra, dopo i due grandi ampliamenti della Tate Modern, il Victoria e Albert Museum ha appena chiuso un cantiere con uno scavo nel sottosuolo per contare su un ulteriore spazio. Io, per aver solo ipotizzato l'eventualit di una copertura praticamente invisibile del cortile d'accesso di Brera (che la tecnologia oggi consentirebbe) al fine di renderlo fruibile al meglio, sono diventato bersaglio di polemiche sterili. Peccato. Peccato, perch la Pinacoteca di Brera e tutti i suoi grandi capolavori meritano iniziative che superino il Tempo e le circostanze, gli sbigliettamenti e le rassegne stampa locali. I soldi ci sono ma vengono mal usati o sprecati (come nel caso del concorso che ho vinto e che, mi stato detto, con una bella dose di impudenza, non sarebbe stato nemmeno consultato per evitare di esserne influenzati). Spesso i soldi vengono sprecati, come ho dovuto io stesso verificare in molti altri casi, per far scatenare gli architetti in gare che alla fine non avrebbero portato mai un progetto a essere realizzato. Eppure i concorsi sono necessari ma dovrebbero essere indetti solo nei casi in cui si sa che alla fine il vincitore arriver all'inaugurazione. Sono necessari perch sono anche frutto di un percorso democratico: vince chi scelto da una giuria. E non chi sgomita nei salotti. Credo, infine, che ogni cittadino debba sapere dove vanno finire suoi soldi e che, se lo desidera, possa scegliere a chi e come donare opere e/o capolavori affinch essi possano essere ammirati dal pubblico del mondo. La Bellezza fastidiosa, controcorrente, rivoluzionaria. E senza tempo

Nato a Milano nel 1935, Mario Bellini (nella foto) un architetto e designer di fama internazionale. Presidente della Mario Bellini Architects, stato premiato otto volte con il Compasso d'Oro e insignito di numerosi riconoscimenti internazionali Direttore Bellini della rivista ha vinto Domus dal il concorso 1985 al 1991, indetto ha realizzato nel 2009 per numerose riorganizzare opere, tra cui la Pinacoteca il quartiere di Brera Portello in vista dello di Fiera Milano, spostamento il Centro dell'Accademia Esposizioni in via di Villa Erba a Mascheroni, Cernobbio, che perd non si il Tokyo Design ancora Center in verificato Giappone, la Fiera di Essen in Germania, la National Gallery of Victoria a Melbourne, il quartier generale della Deutsche Bank a Francoforte, il Museo della Storia della citt di Bologna, il Dipartimento delle Arti Islamiche al Louvre di Parigi II cortile del palazzo milanese dove sono ospitate l'Accademia e la Pinacoteca di Brera. L'Accademia venne fondata nel 1776 dall'imperatrice Maria Teresa d'Austria. Al centro la copia in bronzo della scultura di Napoleone come Marte pacificatore realizzata da Antonio Canova (1757-1822)



news

15-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 luglio 2018

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

Archivio news