LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO-Mummie animali allEgizio.Visitatori a lezione di restauro
Ilaria Dotta
Stampa, 01/09/2017

Allineate, una accanto allaltra sul lungo ripiano bianco, ci sono cinque piccole mummie dalla forma di gatto. Altre attendono sulle mensole degli scaffali, avvolte in fogli di carta. Sono coccodrilli e serpenti, cani, pesci, ibis e falchi. Aspettano, immobili nelle loro bende millenarie, le mani dei restauratori che si muovono delicate e precise nella luce di quello che ricorda da vicino un tavolo operatorio. Dallaltra parte del vetro sfilano gli occhi curiosi dei visitatori. Ma quello davvero un gatto? A che epoca risale? Qual era il procedimento per imbalsamare gli animali?, chiedono alle guide che li accompagnano nella visita al museo.

proprio per rispondere a queste domande che il team di ricercatori e restauratori dellEgizio di Torino, insieme con la Soprintendenza, ha avviato uno studio approfondito sulle 120 mummie di animali conservate in via Accademia delle Scienze. Un progetto cominciato lo scorso anno, quando tutti questi reperti organici sono stati sottoposti allesame della Tac, lo stesso procedimento adottato qualche mese fa per le 100 mummie umane del museo. La novit, da qualche giorno, che il lavoro sta continuando sotto gli occhi dei visitatori, dentro la Sala 10 a cui si accede percorrendo la galleria dei sarcofagi.
Uno spazio che normalmente ospita i reperti della regina Nefertari, in questo momento esposti allErmitage di San Pietroburgo nellambito della mostra Nefertari e la Valle delle Regine. Abbiamo deciso di approfittare di quella sala temporaneamente vuota per mostrare ai visitatori il restauro delle mummie animali - spiega Marco Rossani, collection manager del Museo Egizio -. Pensiamo possa essere un modo per far capire che il museo una realt viva, dinamica, in continuo movimento e trasformazione.
E a non stare ferme un attimo sono anche le restauratrici in camice bianco impegnate nel progetto. Una squadra che conta in tutto 15 persone. Presto, per permettere ai visitatori di osservare il loro lavoro ancora pi da vicino, si doteranno di telecamere Go Pro. I filmati potranno essere trasmessi in tempo reale sul monitor che si trova proprio accanto alla vetrina, anticipa Rossano. E chiss, magari in seguito potrebbero anche essere trasmessi in streaming, sul sito web o attraverso i social, permettendo linterazione del pubblico con i ricercatori. Perch lobiettivo - prosegue - mostrare al pubblico quante cose succedono tra queste mura e quante occasioni ci siano per tornare al museo.

Le analisi
Il progetto sulle mummie animali, realizzato in collaborazione con lEurac di Bolzano e il Gruppo Horus Usa, iniziato nel 2015 con linventario dei reperti organici e con la compilazione delle relative schede conservative. Lo studio prosegue ora con analisi mirate a determinare la razza e let degli animali, la composizione delle resine e dei pigmenti, le tecniche di imbalsamazione e la disposizione delle bende. In alcuni casi si potrebbe anche capire quale sia stata la causa della morte, dice il responsabile delle collezioni.
Oltre alla Tac, alcuni reperti sono stati sottoposti a radiografie e, in qualche caso, sono stati prelevati campioni di tessuti sui quali eseguire le analisi al carbonio 14. I risultati confluiranno in una pubblicazione realizzata con larcheologa ed egittologa pakistana Salima Ikram, che collabora allo studio torinese e che co-direttrice dellAnimal Mummy project al Museo Egizio del Cairo.
I lavori proseguiranno per almeno un altro anno, ma gi a dicembre cinque mummie animali restaurate partiranno da Torino per una mostra in Cina, nella provincia dello Henan. Le altre, mano a mano che i restauratori completeranno il loro intervento, verranno collocate, allinterno di apposite vetrine per la conservazione, in una stanza attigua a quella dove sono gi esposti i vasi e i piccoli sarcofagi in legno e in bronzo che contenevano gli animali imbalsamati. Una sala che in futuro, speriamo molto presto - dice Rossano - sar aperta ai visitatori.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news