LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO-Mummie animali allEgizio.Visitatori a lezione di restauro
Ilaria Dotta
Stampa, 01/09/2017

Allineate, una accanto allaltra sul lungo ripiano bianco, ci sono cinque piccole mummie dalla forma di gatto. Altre attendono sulle mensole degli scaffali, avvolte in fogli di carta. Sono coccodrilli e serpenti, cani, pesci, ibis e falchi. Aspettano, immobili nelle loro bende millenarie, le mani dei restauratori che si muovono delicate e precise nella luce di quello che ricorda da vicino un tavolo operatorio. Dallaltra parte del vetro sfilano gli occhi curiosi dei visitatori. Ma quello davvero un gatto? A che epoca risale? Qual era il procedimento per imbalsamare gli animali?, chiedono alle guide che li accompagnano nella visita al museo.

proprio per rispondere a queste domande che il team di ricercatori e restauratori dellEgizio di Torino, insieme con la Soprintendenza, ha avviato uno studio approfondito sulle 120 mummie di animali conservate in via Accademia delle Scienze. Un progetto cominciato lo scorso anno, quando tutti questi reperti organici sono stati sottoposti allesame della Tac, lo stesso procedimento adottato qualche mese fa per le 100 mummie umane del museo. La novit, da qualche giorno, che il lavoro sta continuando sotto gli occhi dei visitatori, dentro la Sala 10 a cui si accede percorrendo la galleria dei sarcofagi.
Uno spazio che normalmente ospita i reperti della regina Nefertari, in questo momento esposti allErmitage di San Pietroburgo nellambito della mostra Nefertari e la Valle delle Regine. Abbiamo deciso di approfittare di quella sala temporaneamente vuota per mostrare ai visitatori il restauro delle mummie animali - spiega Marco Rossani, collection manager del Museo Egizio -. Pensiamo possa essere un modo per far capire che il museo una realt viva, dinamica, in continuo movimento e trasformazione.
E a non stare ferme un attimo sono anche le restauratrici in camice bianco impegnate nel progetto. Una squadra che conta in tutto 15 persone. Presto, per permettere ai visitatori di osservare il loro lavoro ancora pi da vicino, si doteranno di telecamere Go Pro. I filmati potranno essere trasmessi in tempo reale sul monitor che si trova proprio accanto alla vetrina, anticipa Rossano. E chiss, magari in seguito potrebbero anche essere trasmessi in streaming, sul sito web o attraverso i social, permettendo linterazione del pubblico con i ricercatori. Perch lobiettivo - prosegue - mostrare al pubblico quante cose succedono tra queste mura e quante occasioni ci siano per tornare al museo.

Le analisi
Il progetto sulle mummie animali, realizzato in collaborazione con lEurac di Bolzano e il Gruppo Horus Usa, iniziato nel 2015 con linventario dei reperti organici e con la compilazione delle relative schede conservative. Lo studio prosegue ora con analisi mirate a determinare la razza e let degli animali, la composizione delle resine e dei pigmenti, le tecniche di imbalsamazione e la disposizione delle bende. In alcuni casi si potrebbe anche capire quale sia stata la causa della morte, dice il responsabile delle collezioni.
Oltre alla Tac, alcuni reperti sono stati sottoposti a radiografie e, in qualche caso, sono stati prelevati campioni di tessuti sui quali eseguire le analisi al carbonio 14. I risultati confluiranno in una pubblicazione realizzata con larcheologa ed egittologa pakistana Salima Ikram, che collabora allo studio torinese e che co-direttrice dellAnimal Mummy project al Museo Egizio del Cairo.
I lavori proseguiranno per almeno un altro anno, ma gi a dicembre cinque mummie animali restaurate partiranno da Torino per una mostra in Cina, nella provincia dello Henan. Le altre, mano a mano che i restauratori completeranno il loro intervento, verranno collocate, allinterno di apposite vetrine per la conservazione, in una stanza attigua a quella dove sono gi esposti i vasi e i piccoli sarcofagi in legno e in bronzo che contenevano gli animali imbalsamati. Una sala che in futuro, speriamo molto presto - dice Rossano - sar aperta ai visitatori.



news

24-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 24 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news