LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tribunali, scuole, palazzetti sportivi ecco l'Italia dell'abusivismo di Stato
Antonio Fraschilla
31 agosto 2017 la repubblica


Lo Stato deve combattere l'abusivismo degli speculatori e di chi non ha alcun rispetto delle leggi, ma spesso dovrebbe combattere se stesso. Perch nel Paese della malaburocrazia e della malapolitica, non ci sono solo palazzinari e costruttori che hanno alzato su case ovunque senza alcun rispetto delle regole. Ma ci sono anche Comuni, Province e Regioni che hanno fatto altrettanto, realizzando ecomostri come case comunali in aree vincolate, dighe senza nulla osta della soprintendenza, tribunali in terreni privati, campi sportivi in aperta campagna senza alcuna opera di urbanizzazione. E, ancora, aprendo scuole mai collaudate oppure caserme senza certificati antisismici e in aree vincolate. il Paese degli abusivismi di Stato.

Da Nord a Sud le storie non si contano. A Taviano, in provincia di Lecce, l'ex Provincia ha pensato bene di costruire un mega impianto di atletica di 20 mila metri quadrati per un costo di 3 milioni di euro: peccato per che nel progetto non sono state previste opere di urbanizzazione, parcheggi e gli allacci di acqua e luce. Sulla carta l'impianto non agibile. Tradotto: abusivo. Rimanendo in tema sportivo, a Monza stata tirata su una tribuna senza autorizzazioni nel palazzetto dello sport, e un ex assessore ha patteggiato una ammenda ammettendo l'abuso, mentre per anni rimasto incompiuto il palazzetto dello sport di Camerota, in provincia di Salerno. Il motivo? Nel 2011 per la soprintendenza era abusivo, poi intervenuto il ministero e le carte sono state aggiustate perch, come diceva l'allora sindaco, si rischiava l'abbattimento dell'opera.

Uno dei casi pi eclatanti di abusivismo di Stato certamente quello del tribunale di Gela, che in base all'ultima sentenza del Cga rischia davvero di essere abbattuto. Una vicenda di espropri illegittimi iniziata ai tempi della giunta Crocetta e finita con un'ordinanza del Consiglio di giustizia amministrativa che apre le porte perfino alla possibile demolizione di un edificio inaugurato appena cinque anni fa. L'unica via d'uscita che Comune e privati trovino un'intesa, a oggi non siglata. E a proposito di tribunali, a Vicenza da anni va avanti una battaglia degli ambientalisti, Italia nostra in testa, contro la lottizzazione che ha portato alla costruzione del Palazzo di giustizia: la procura, che dentro quel palazzo si trasferita, ha chiesto anche il sequestro delle aree, il giudice ha rigettato la richiesta e adesso i pm hanno fatto ricorso in Cassazione: Ma la beffa che la ditta che sta realizzando le opere ci ha pure citato per danni chiedendoci tre milioni di euro, dice Giovanna Dalla Pozza Peruffo di Italia Nostra.

Ma nel Paese dell'abusivismo ci finiscono perfino le scuole. A Locri la Direzione distrettuale antimafia ha messo i sigilli a due istituti superiori che ospitavano 800 alunni perch era stato fatto un finto collaudo e mancavano i certificati relativi alla congruit all'uso. A Ischia, a poco distanza dalla casa crollata nel terremoto della scorsa settimana, erano emerse presunte irregolarit per una lottizzazione in un'area vincolata dove per erano stati alzati i primi piani della sede della forestale: poco pi in l si vedono invece i tre piani di quella che doveva essere la caserma dei carabinieri, uno scheletro di cemento abbandonato adesso per mancanza di fondi da parte del ministero dopo una lunga vicenda legale andata avanti per anni.

L'elenco degli abusi pubblici non finisce qui. In Sicilia una diga incompiuta da quasi trent'anni, quella di Pietrarossa tra Enna e Caltagirone: i lavori erano iniziati senza autorizzazione della soprintendenza e nel frattempo l'area diventata tutelata. Certi abusi poi non lo sono tecnicamente da un punto di vista legale, ma lo sono di fatto nei confronti di una comunit che deve subire la vista di un ecomostro: a Sassano, paese di cinque mila abitanti in provincia di Salerno, la vecchia amministrazione aveva deciso di realizzare una casa comunale di sei piani nella piazza del Paese che d sulla vallata di ulivi. Il nuovo sindaco ha deciso di abbattere due piani e ridare la vista del paesaggio ai suoi cittadini: Mi sembrato un atto di giustizia di fronte a un abuso non legale, perch le carte erano in regola, ma sostanziale, dice Tommaso Pellegrino. Forse l'abuso peggiore.





news

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

Archivio news