LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Salviamo i brandelli della memoria fiorentina a Napoli
c. k.
Corriere del Mezzogiorno 3/9/2017

Nessuno ha ancora copiato le iscrizioni delle lapidi depositate nella chiesa dei SS. Apostoli

Il 25 marzo 1953 il sindaco di Firenze Giorgio La Pira scrisse al collega napoletano Achille Lauro, chiedendogli notizie sui resti mortali delle antiche famiglie toscane tumulati nella chiesa di San Giovanni dei Fiorentini. La Pira pensavache il tempio stesse per essere distrutto. Invece la lettera arriv quando la demolizione era in atto da un mese. Lauro la pass al soprintendente ai monumenti Antonino Rusconi, il quale spedi a Firenze un elenco di dieci nominativi, i cui resti erano stati salvati e depositati nella chiesa di SantAnna dei Lombardi: 1) Ignoto, 2) Philippo Guidi, 3) Angeli Josephi Acciaiuoli, 4) Antinori et Del Rosso/ex Patritia Florentinorun Gente, 5) Ihoanni Tanusio, 6) Ignoto, 7) Michael Delherede, 8) Bindus Franciscus, 9) Leonardo Spinello Balducio, 10) Gualtierus Panciaticu. Alcuni di quei personaggi erano noti. Il matematico conte Filippo Guidi era stato intendente della real villa di Capodimonte. Il marchese Angelo Acciaiuoli aveva ricoperto la medesima carica nella real villa di Portici. E Giovanni Tanucci era un nipote di Bernardo. Ma di questi dettagli il soprintendente non fece menzione. In aggiunta egli ignorava che nella Cripta degli Abati della chiesa di SantAnna dei Lombardi erano state depositate non dieci ma venticinque cassette di compensato, contenenti i resti di altrettanti defunti provenienti dalla chiesa di San Giovanni dei Fiorentini. Adesso il legno di quei contenitori sta marcendo e le etichette di carta coi nomi stanno staccandosi. Tra breve le suddette fonti di documentazione saranno sparite. Inoltre sappiamo che nella chiesa dei SS. Apostoli furono depositate nel 1953 dalla soprintendenza ventiquattro lapidi sepolcrali provenienti da Giovanni dei Fiorentini. Qualcuno ha forse cercato di trascriverle? Siamo certi che esistano ancora? Ugo Ojetti aveva definito lItalia un paese di contemporanei senza antenati n posteri perch senza memoria di se stesso. Forse per questo motivo la marchesa fiorentina Enrica Viviani della Robbia il 20 gennaio 1939 gli aveva chiesto aiuto: La demolizione della chiesa di San Giovanni dei Fiorentini mi fa piangere il cuore. []. Firenze non leva la voce a difesa delle sue vecchie memorie?. Ojetti cerc dintervenire, senza risultati. Adesso, dopo quasi un secolo, dovremmo aver capito che, se si vuole avere un futuro, bisogna conoscere il passato. Ed pertanto auspicabile che, cercando di salvare il salvabile, le universit di Napoli e Firenze decidano di intervenire insieme. Riuscendo in tal modo a recuperare almeno i brandelli della documentazione superstite.



news

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

17-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 SETTEMBRE 2018

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news