LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Edilizia rurale, recupero possibile
Saverio Russo
Corriere del Mezzogiorno - Bari 3/9/2017

La nona edizione della Summer school Emilio Sereni, svoltasi nei giorni scorsi a Gattatico (nel Reggiano) e dedicata questanno a Paesaggio, patrimonio culturale e turismo, ha parlato pugliese, non sono perch vi sono stati impegnati chi scrive e il collega Giuliano Volpe. I temi trattati hanno molto a che fare con la nostra regione, se si pone mente al fatto che il volume cui si sono ispirate molte ricerche paesaggistiche negli ultimi decenni, la Storia del paesaggio agrario italiano, di Sereni, che non trov attenzioni presso altri grandi editori nazionali, venne pubblicato da Laterza nel 1961. Inoltre quasi cinquantanni dopo, nel 2010, ancora Laterza a pubblicare il Catalogo dei paesaggi rurali storici, volume rapidamente esaurito, di cui auspicabile una ristampa; in Puglia viene approvato nel 2015 il primo piano paesaggistico territoriale italiano adeguato al Codice dei beni culturali e del paesaggio del 2004. Potremmo ricordare, inoltre, a pochi mesi dai 70 anni dallentrata in vigore della Costituzione, che si deve ad un pugliese, al democristiano Aldo Moro, insieme al costituente comunista Concetto Marchesi, linserimento nella prima parte del testo dellarticolo 9, in cui si legge che la Repubblica, quindi non solo lo Stato centrale, tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.
Non il caso di ricordare come il paesaggio, da fatto estetico, sia divenuto, nella percezione non solo degli studiosi e dei pianificatori pi lungimiranti, ma di quote crescenti di popolazione, patrimonio culturale, testimone del lavoro degli uomini che nel corso di generazioni hanno modellato il territorio, per produrre cibo e ricavare risorse per la loro vita, preoccupandosi, parimenti, della sostenibilit delle loro azioni. E cos abbiamo imparato a distinguere e ad apprezzare anche i nostri paesaggi agrari, non solo quelli della Costiera amalfitana, delle Cinque terre o della campagna toscana, e non solo, per venire alla Puglia, quelli della Valle dItria. Abbiamo imparato ad apprezzare il colore cangiante dei campi di grano durante le stagioni, la tessitura dei campi del Tavoliere visto da Rignano garganico, a cogliere la traccia del tratturo verde sulle colline, i pascoli pietrosi murgiani; a percepire i nostri terrazzamenti in abbandono nel Gargano meridionale, gli oliveti e i vigneti osservati da Castel del Monte, e quelli del Sud est barese e del Salento.
Non possiamo per nasconderci che il territorio rurale pugliese minacciato, non tanto dallabbandono, quanto dallo sprawl urbano, dalla disseminazione di edifici nelle campagne, dallesplosione delle citt che diventano meno dense quante case vuote e immobili abbandonati nei vecchi perimetri urbani! - ma continuano a dilagare consumando suolo. La Puglia al terzo posto in Italia nel periodo 2001-2011 hanno ricordato gli esperti dellIstat nella graduatoria nazionale del consumo di suolo da sprawl. In una ricerca fatta per il Piano territoriale di coordinamento della provincia di Foggia anni fa documentammo come divorino voracemente suolo non solo i centri del Gargano o il Tavoliere centro-meridionale, in cui compresa Foggia (in questultimo caso si passati da 990 ettari di superficie urbana a ben 6.200 ettari nei quarantanni finali del secolo passato, mentre la popolazione solo cresciuta meno del 25%), ma anche i centri in abbandono deli Monti dauni. E dati analoghi relativi al Salento ha proposto Maddalena Tulanti in queste pagine.
C un altro dato che ci ha molto colpito: dalle statistiche ministeriali, analizzate da Mauro Agnoletti, in Puglia risultano solo 353 aziende agrituristiche, in confronto delle 4.108 della Toscana, delle 3.098 della sola provincia di Bolzano, delle 653 dellAbruzzo. Certo, la Puglia ha una superficie media aziendale pi elevata di altre regioni e, in alcune sue aree, una minore densit di edifici rurali, una pi bassa percezione dei valori paesaggistici, una minore sicurezza nelle campagne. Tuttavia crediamo si possa dire che i vantaggi della multifunzionalit in agricoltura non sono stati colti a sufficienza e che rimane una quota rilevantissima di edifici rurali di pregio abbandonati, pure in contesti caratterizzati da valori paesaggistici, dalla vicinanza al mare e dalla presenza di beni culturali diffusi (siti archeologici, castelli).
Infine, unultima considerazione sul rapporto tra questo patrimonio inutilizzato, al pari di quello dei borghi storici, e il turismo. Anche questanno la Puglia sta registrando un boom di presenze turistiche, con incrementi in doppia cifra. Non siamo certi che questo trend possa durare a lungo, sapendo del suo carattere eccezionale, legato allimpraticabilit di molte mete mediterranee. Se, come auspicabile, il trend sar in crescita, sia pure con incrementi annuali inferiori, ma con un allungamento della stagione turistica, ricordiamoci che c un patrimonio edilizio inutilizzato nelle campagne e nei borghi che spesso distano pochi chilometri dal mare. Non abbiamo bisogno di nuove lottizzazioni e di mega villaggi turistici, ma di politiche orientate al recupero.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news