LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, Uffizi. Schmidt: una riforma mutilata
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 3/9/2017

Il direttore e laddio agli Uffizi: In Italia tanti freni, non posso neanche scegliere il mio staff

Innanzitutto il tempo: Sono stato invitato dal Ministero austriaco a candidarmi alla guida del Kunsthistorisches Museum di Vienna, dopo la sentenza del Tar che ha bloccato la nomina di alcuni direttori dei musei autonomi italiani. Molto dopo, dice. Eike Schmidt a 24 ore dallannuncio che tra due anni lascer la guida degli Uffizi ribadisce che si trasferir perch ritiene questo passaggio positivo, e non solo per la sua carriera. Ma i tempi sono tempi, la sua affermazione spiazza. Davanti a un caff in via della Ninna (lui lo prende doppio, perch dice ho ancora tanto lavoro da fare) lo invitiamo a parlare della vicenda che in questi giorno ha fatto di nuovo parlare della riforma Franceschini sui Beni Culturali.

Quella sentenza (che bloccava alcune nomine per via della scelta di personalit non italiane, ndr ), ha amareggiato molti. E guardi non parlo per me. Io non sono stato toccato da quel pronunciamento. Ma i colleghi di Mantova, Napoli, Taranto, Reggio Calabria e Modena s. Sono stati bloccati mesi di lavoro e progettazione. stato uno choc. Una parte dItalia ha frenato questa riforma. Non lunica questione aperta, quella tra il direttore tedesco e lItalia, ci sono altri elementi da tenere in considerazione per capire la sua scelta. Se vero che Franceschini ha avviato lautonomia dei 20 musei pi grandi dItalia vero anche che la riforma, come spiega lo stesso Schmidt, rimasta mutilata. Sul personale non sono io, in quanto museo, a bandire un concorso. Non posso neanche assumere o scegliere collaboratori statali. I concorsi sono banditi al livello centrale. Oggi in pianta organica gli Uffizi hanno 420 persone pi altre 60 unit assunte dallAles (la societ dei Beni Culturali che assorbe anche personale da altre istituzioni culturali, come accaduto per il Maggio musicale fiorentino) e lo mette a disposizione di altre istituzioni di sua competenza.

Queste 60 persone sono pagate direttamente da noi, con un surplus di circa il 20 per cento perch, trattandosi di una societ in house dobbiamo pagare anche lIva spiega il direttore. A conti fatti se avesse ottenuto un bando di concorso per avere queste 60 unit in pi Schmidt avrebbe risparmiato 60 stipendi maggiorati dellIva. Ma, attenzione, non neanche questa la ricetta che lui suggerisce.

E qui si ritorna alla questione delle questioni. Lautonomia che c ma parziale. Una questione non da poco. Anche se lui aggiunge: Guardi lautonomia un processo. Si fa nel tempo. normale che sia cos. Per me essere qui agli Uffizi e gestire questo processo unopportunit grandissima. Altrimenti non mi avrebbero cercato da Vienna. Per esempio uno dei progetti su cui si vedranno di pi gli effetti dellautonomia il restauro botanico di Boboli. Facciamo tutto con soldi privati (i due milioni di euro pagati da Gucci per sfilare a Palazzo Pitti, ndr) . E per i risultati di questo intervento che finir entro i prossimi due anni che io trascorrer qui, si vedranno in parte subito e in parte nel tempo, anche fra 80 anni. Un risultato di cui usufruiranno i nostri nipoti.

Esempio chiarificatore ma che ne chiama in causa un altro. Il grande progetto di Schmidt la riapertura del Corridoio Vasariano, col camminamento da Palazzo Vecchio a Palazzo Pitti percorribile per intero. E dati i tempi necessari per i lavori potrebbe accadere che non sia lui a tagliare il nastro. Io penso che ce la far, senn spero che mi inviteranno dice ridendo. Adesso aggiunge abbiamo concluso la progettazione. Entro lanno metteremo a bando i lavori, perch non stato possibile inserire questi interventi, come fossero una variante del progetto dei Nuovi Uffizi. Questo allunga un po i tempi, ma noi ci siamo attenuti a un parere legale, non si poteva fare altrimenti. E considerato che si tratter di fare un bando europeo e che potrebbero esserci ricorsi o contro ricorsi chiss quando tutto sar pronto. Malgrado tutto Schmidt si mostra ottimista, grato ai suoi collaboratori pi stretti senza cui non avrei potuto fare gran parte delle cose fatte e aggiunge Il museo che andr a dirigere ha una collezione che va dal Medioevo al 900, con sezioni sugli strumenti musicali, larte applicata, e letnologia. pi ricca del Metropolitan di New York, per me una grande occasione, ci sono tutte le collezioni degli imperatori del Sacro Romano Impero. Immagini la collezione di Palazzo Pitti, ma molto pi grande. E poi spero ci sia una proficua collaborazione tra il Kunsthistorisches Museum e gli Uffizi.

Durante la nostra chiacchierata ha solo un cedimento. un attimo in cui parliamo di Vienna, di distacchi e di scelte. Soprattutto quando si sofferma a parlare di alcuni collaboratori: Penso a quelli della seconda fascia, penso agli assistenti in sala, gente che si sacrifica e difende il patrimonio degli Uffizi come fosse il proprio, e senza di loro non potremmo combinare niente. Parla anche degli storici dellarte, tra i quali ci saranno anche quelli che a luglio hanno approvato un documento contro di lui in cui lamentavano di essere stati esautorati. Li capisco, hanno cambiato ruolo, prima erano definiti direttori di dipartimento, ora sono ritornati ad essere funzionari, come da mansionario. Ma questo risulta direttamente da una norma ministeriale del 2014, ovvero prima del mio arrivo a Firenze. Comunque quella lettera nella mia scelta ha inciso per lo 0%. Poi una considerazione, quando gli diciamo se non teme che avendo gi firmato altrove per i prossimi due anni sar un direttore dimezzato. No. Far tutto quello che mi sono prefissato di fare. Sarebbe stato pi facile dirlo sei mesi prima della scadenza. Ma Vienna ha preferito cos. Loro sono abituati a muoversi con largo anticipo.



news

21-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 21 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news