LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sos autocertificazione Appia, Ostia, Labaro dove osano gli abusivi
SALVATORE GIUFFRIDA
07 settembre 2017 LA REPUBBLICA






IN termini tecnici si chiama autocertificazione delle pratiche di condono edilizio ma, in una citt dove l'emergenza abitativa, l'abusivismo e l'incompetenza del Comune hanno fatto il bello e il cattivo tempo per decenni, il rischio ora di passare dai condoni di necessit alla sanatoria di necessit. Soprattutto nelle periferie, in tutti i quartieri lungo la fascia del Raccordo: Prima Porta, Tufello, Fidene, Trullo, Boccea, Primavalle, Prenestino, ma anche quelle che una volta erano aree agricole, come Labaro, Casal del Marmo, Casilina e pi a sud, Infernetto. Sono circa 40 i milioni di metri cubi abusivi per i quali sono state presentate istanze di condono negli ultimi 30 anni: il 50% delle attuali case di Roma sono costruite in aree non previste dal piano regolatore del 1965. Le pratiche di condono pi gravi, dal punti di vista della sicurezza, riguardano interi edifici o villette, in genere da due o tre piani, ma anche cambi di destinazione d'uso: magazzini diventati locali commerciali, piani adibiti a uso abitativo, mansarde occupate, ma anche lavori di ristrutturazione interna svolti in nero. A Roma, oltre ai quartieri gi citati, ci sono abusi edilizi che presentano problemi seri di sicurezza e agibilit anche nelle aree interessate da falde idriche o vincoli naturalistici e archeologici: a Ostia, all'Idroscalo, Stagni, Ostia Antica, Dragona, Acilia, ma anche Isola sacra e risalendo lungo il Tevere. Ma ci sono abusi anche nel parco di Appia Antica o nel parco di Veio, nel centro storico o, per ritornare nella parte sud della capitale, intorno alla riserva di Castelfusano. I numeri sono chiari: su 600mila domande presentate al Comune dal primo condono del 1985, 200mila sono ancora da completare. su queste che il Comune ha proposto di avviare il percorso di autocertificazione che comunque prevede, secondo l'assessorato all'urbanistica, controlli caso per caso. A spiegare l'iter l'assessore Luca Montuori: "entro dicembre porter in giunta il regolamento che prevede l'introduzione dei moduli di autocertificazione e l'aumento del personale di Risorse per Roma, che affiancher quello di Roma Capitale spiega il titolare dell'Urbanistica saranno garantiti i controlli sulla specificit di ogni atto prima del rilascio del titolo edilizio". Negli ultimi sei anni Risorse per Roma ha proposto il rigetto di circa seimila pratiche lavorando a grande ritmo, ma la vera sfida dell'assessore Montuori duplice: da una parte legalizzare case costruite e abitate da pi di venti anni, dall'altra garantire che queste abitazioni siano sicure e non presentino problemi di staticit, agibilit e salubrit. L'obiettivo evitare che l'autocertificazione diventi un maxi condono generalizzato e impedire problemi di sicurezza alle case. Sar garantita la verifica delle autodichiarazioni prodotte spiega ancora Montuori e il rilascio del titolo edilizio avverr solo dopo che sar verificata la conformit della dichiarazione. In sostanza, assicurano dall'assessorato, l'autocertificazione non comporta l'obbligo di sanare l'abitazione. Stiamo costruendo conclude l'assessore Montuori una mappa sulle tipologie degli abusi edilizi in modo da capirne la diversa gravit e in base a questo decideremo le verifiche e i controlli da fare.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news