LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CASTELSEPRIO- Monastero di Torba, lezione in diretta di archeologia: In 20 cm un secolo
Francesca Bonazzoli
Corriere della Sera, 08/09/2017

Vedrete che troveremo subito qualcosa!. Il primo giorno di scavi la professoressa Alexandra Chavarra aveva provato a incitare cos i suoi ragazzi, undici universitari di Padova, studenti di archeologia appena arrivati a Castelseprio con la prospettiva di passare tre settimane carponi nella terra del monastero di Torba, sito Unesco longobardo. Doveva essere un modo per dar loro lo sprint, ma poi andata veramente cos, racconta mentre con tutta la giovane squadra mangia un piatto di pasta fredda sotto la tettoia del refettorio. Proprio quello dove nel Medio Evo consumavano i loro pasti le suore del monastero oggi propriet del Fai che, con un contributo della Regione Lombardia, finanzia da quattro anni una campagna di scavi diretta da Gian Pietro Brogiolo. Abbiamo sentito un grido: professore, venga! C una pietra con delle lettere!, conferma Brogiolo, che anche curatore della mostra Longobardi. Un popolo che cambia la storia appena inaugurata al Castello Visconteo di Pavia. Era un frammento di iscrizione tombale dove si leggono le lettere Petro, forse una tale Petronella. Dobbiamo ancora studiarlo, ma comunque un pezzo di marmo raro da queste parti dove ci sono soprattutto pietre e sassi. probabile che risalga al II secolo.

A causa dei crolli delle mura tardoromane, che univano il monastero al castello di Castelseprio, e delle frane fino a cinque metri di terra sullabitato distrutto dai milanesi nel 1287, il monastero di Torba una Pompei dellalto Medio Evo. Le tracce umane partono dalla fine del IV secolo perch il castello di Castelseprio, col suo monastero, era situato a presidio di unarea strategica del territorio alpino dove gi dal III secolo passavano numerosi contingenti barbarici. Nellarea del monastero tutto rimasto intatto sotto la terra mentre a Castelseprio, che si trova a dieci minuti, sulla sommit della collina, laccumulo di detriti fangosi stato pi superficiale lasciando cos i resti archeologici in balia di talpe e radici. Qui sotto, invece, ci sono cinque metri di sequenze stratigrafiche da scavare con un potenziale enorme: abbiamo aperto il cantiere il 21 agosto e in queste tre settimane abbiamo trovato un quarto di bue, alcuni elementi di una cintura in bronzo e ferro forse di un guerriero longobardo e poi, scendendo di quote e di secoli, un cumulo di spazzatura con migliaia di ossa e frammenti di materiali di vario tipo. Erano proprio l sotto, nellangolo di una casa, racconta fiero il professore.

E non scherza affatto. I rifiuti sono una fonte straordinaria di informazioni: dalla loro analisi riusciamo a capire cosa mangiavano gli abitanti, con chi commerciavano, cosa producevano, quali animali allevavano, come si scaldavano, quali suppellettili usavano. Altro che quattro pietre e pochi cocci. Visitare uno scavo archeologico con chi lo sta realizzando unesperienza straordinaria. E chi venerd, giorno di chiusura del cantiere, riuscito ad andare al monastero, trova docenti e studenti che, ginocchia a terra e cazzuola alla mano, si mettono a disposizione per raccontare il mestiere dellarcheologo.

Lappuntamento per le ore 15 e i visitatori verranno introdotti nei tre scavi aperti: sotto la torre; nellambiente sottostante il refettorio del monastero e nella casa del fabbro, un piccolo edificio diroccato costruito tra il 900 e il 1000 accanto alla chiesa, cos detto perch allinterno sono stati ritrovati scarti di ferro e forge servite per fabbricare chiavi, serrature, pezzi di sostegno. Nei giorni successivi, invece, fino alla chiusura del sito l8 dicembre, a fare da guide saranno gli esperti del Fai. Oltre al monastero, si potr visitare anche la chiesa che conserva tracce di affreschi del IX secolo dove le monache fanno gesti enigmatici con le mani, forse per contare le Ave Maria del rosario. E dopo la visita, ci si pu fermare a mangiare nel ristorante La cucina del Sole gestito proprio nellaffasciante ex refettorio medievale da una cooperativa di disabili che a Venegono Inferiore coltiva i prodotti serviti a tavola.

La professoressa Chavarra risfodera lottimismo di inizio lavori e profetizza nuove scoperte proprio per oggi. Succede sempre cos. A fine scavo si fa sempre qualche ritrovamento emozionante e anche questa volta saremo fortunati, assicura. Intanto nessuno si ferma perch ogni 20 centimetri di terra tolta corrispondono a un secolo. I giovani archeologi finora sono scesi di 700 anni. Prima di ricominciare, la prossima estate, c ancora un altro metro da cui tirare fuori nuove storie di guarnigioni, soldati, monache e contadini.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news