LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CASTELSEPRIO- Monastero di Torba, lezione in diretta di archeologia: In 20 cm un secolo
Francesca Bonazzoli
Corriere della Sera, 08/09/2017

Vedrete che troveremo subito qualcosa!. Il primo giorno di scavi la professoressa Alexandra Chavarra aveva provato a incitare cos i suoi ragazzi, undici universitari di Padova, studenti di archeologia appena arrivati a Castelseprio con la prospettiva di passare tre settimane carponi nella terra del monastero di Torba, sito Unesco longobardo. Doveva essere un modo per dar loro lo sprint, ma poi andata veramente cos, racconta mentre con tutta la giovane squadra mangia un piatto di pasta fredda sotto la tettoia del refettorio. Proprio quello dove nel Medio Evo consumavano i loro pasti le suore del monastero oggi propriet del Fai che, con un contributo della Regione Lombardia, finanzia da quattro anni una campagna di scavi diretta da Gian Pietro Brogiolo. Abbiamo sentito un grido: professore, venga! C una pietra con delle lettere!, conferma Brogiolo, che anche curatore della mostra Longobardi. Un popolo che cambia la storia appena inaugurata al Castello Visconteo di Pavia. Era un frammento di iscrizione tombale dove si leggono le lettere Petro, forse una tale Petronella. Dobbiamo ancora studiarlo, ma comunque un pezzo di marmo raro da queste parti dove ci sono soprattutto pietre e sassi. probabile che risalga al II secolo.

A causa dei crolli delle mura tardoromane, che univano il monastero al castello di Castelseprio, e delle frane fino a cinque metri di terra sullabitato distrutto dai milanesi nel 1287, il monastero di Torba una Pompei dellalto Medio Evo. Le tracce umane partono dalla fine del IV secolo perch il castello di Castelseprio, col suo monastero, era situato a presidio di unarea strategica del territorio alpino dove gi dal III secolo passavano numerosi contingenti barbarici. Nellarea del monastero tutto rimasto intatto sotto la terra mentre a Castelseprio, che si trova a dieci minuti, sulla sommit della collina, laccumulo di detriti fangosi stato pi superficiale lasciando cos i resti archeologici in balia di talpe e radici. Qui sotto, invece, ci sono cinque metri di sequenze stratigrafiche da scavare con un potenziale enorme: abbiamo aperto il cantiere il 21 agosto e in queste tre settimane abbiamo trovato un quarto di bue, alcuni elementi di una cintura in bronzo e ferro forse di un guerriero longobardo e poi, scendendo di quote e di secoli, un cumulo di spazzatura con migliaia di ossa e frammenti di materiali di vario tipo. Erano proprio l sotto, nellangolo di una casa, racconta fiero il professore.

E non scherza affatto. I rifiuti sono una fonte straordinaria di informazioni: dalla loro analisi riusciamo a capire cosa mangiavano gli abitanti, con chi commerciavano, cosa producevano, quali animali allevavano, come si scaldavano, quali suppellettili usavano. Altro che quattro pietre e pochi cocci. Visitare uno scavo archeologico con chi lo sta realizzando unesperienza straordinaria. E chi venerd, giorno di chiusura del cantiere, riuscito ad andare al monastero, trova docenti e studenti che, ginocchia a terra e cazzuola alla mano, si mettono a disposizione per raccontare il mestiere dellarcheologo.

Lappuntamento per le ore 15 e i visitatori verranno introdotti nei tre scavi aperti: sotto la torre; nellambiente sottostante il refettorio del monastero e nella casa del fabbro, un piccolo edificio diroccato costruito tra il 900 e il 1000 accanto alla chiesa, cos detto perch allinterno sono stati ritrovati scarti di ferro e forge servite per fabbricare chiavi, serrature, pezzi di sostegno. Nei giorni successivi, invece, fino alla chiusura del sito l8 dicembre, a fare da guide saranno gli esperti del Fai. Oltre al monastero, si potr visitare anche la chiesa che conserva tracce di affreschi del IX secolo dove le monache fanno gesti enigmatici con le mani, forse per contare le Ave Maria del rosario. E dopo la visita, ci si pu fermare a mangiare nel ristorante La cucina del Sole gestito proprio nellaffasciante ex refettorio medievale da una cooperativa di disabili che a Venegono Inferiore coltiva i prodotti serviti a tavola.

La professoressa Chavarra risfodera lottimismo di inizio lavori e profetizza nuove scoperte proprio per oggi. Succede sempre cos. A fine scavo si fa sempre qualche ritrovamento emozionante e anche questa volta saremo fortunati, assicura. Intanto nessuno si ferma perch ogni 20 centimetri di terra tolta corrispondono a un secolo. I giovani archeologi finora sono scesi di 700 anni. Prima di ricominciare, la prossima estate, c ancora un altro metro da cui tirare fuori nuove storie di guarnigioni, soldati, monache e contadini.



news

22-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news