LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA. Trivelle e sanatorie cos il Pd ha perso l'anima ambientalista
11 settembre 2017 LA REPUBBLICA

Veltroni ha ragione nel porre come priorit politica del Pd la lotta al cambiamento climatico e questa sua richiesta non pu essere ignorata. Angelo Bonelli, leader dei Verdi, concorda con Walter Veltroni, che su Repubblica ha lanciato un duro j'accuse ai dem: Quando nacque il Pd io mi permisi di dire che sarebbe stato il pi grande partito ecologista italiano, ma non lo stato . E Bonelli invoca i tempi dell'Ulivo, quando un piccolo gruppo di parlamentari Verdi riusc ad ottenere importanti risultati per il Paese: dal sistema dei parchi al conto energia, dal sostegno delle energie rinnovabili sino al codice ambientale. All'epoca i catastrofisti eravamo noi.

Adesso il rapporto tra dem e ambientalisti sembra davvero tutta un'altra storia. Gli ecologisti mettono l'anno 2014 come grande spartiacque tra il loro mondo e quello del Pd: a settembre, l'allora premier Matteo Renzi, tenne a New York un accorato discorso al forum internazionale dell'ambiente sulle energie rinnovabili. Due mesi dopo firm lo Sblocca Italia, il decreto che per Greenpeace, Legambiente e Verdi il manifesto dell'attacco all'ambiente. Da l iniziato il nostro braccio di ferro con il Pd, dice il direttore di Legambiente Stefano Ciafani. Lo Sblocca Italia ha rilanciato le trivellazioni, prevedendo procedure semplificate per il rilascio dei permessi di ricerca ed estrazione. Non a caso Renzi al referendum per fermare le trivellazioni in mare ha invitato gli elettori a non andare a votare. Ma nello Sblocca Italia c' anche dell'altro, dicono in coro Legambiente e Verdi, che puntano il dito sul rilancio dei termovalorizzatori con alcune regioni, dalla Sardegna alla Sicilia, obbligate a incenerire migliaia di rifiuti. E, ancora, quella norma ha consentito l'avvio di appalti pubblici nel settore dell'edilizia con procedure accelerate. Messaggi, questi, arrivati anche alle Regioni guidate da governatori dem: nel 2014 il governatore siciliano Rosario Crocetta ha firmato un protocollo d'intesa con Assomineraria, l'associazione dei petrolieri di Confindustria, assicurando non solo autorizzazioni in tempi brevi, ma anche lo stop all'aumento delle royalties, mentre due mesi fa l'Assemblea regionale ha consentito deroghe ai piani paesaggistici.

Come fumo negli occhi gli ambientalisti hanno poi visto altri provvedimenti varati dai governi guidati dal Pd negli ultimi anni. Ad esempio il decreto "spalma incentivi" che ha bloccato, anche in maniera retroattiva, tutti gli aiuti sul fotovoltaico: Gli investimenti sulle rinnovabili sono passati dai 15 miliardi del 2013 a 4,3 miliardi dello scorso anno, con la perdita di 50mila posti di lavoro, dice Bonelli. L'ultimo scontro si poi avuto sul ddl Falanga sulla lotta all'abusivismo: Nella prima versione era una sanatoria, adesso migliorato anche se fissa criteri per l'abbattimento degli immobili che di fatto rendono difficile demolire abitazioni usate come residenza, dice Ciafani.

Ma se si d un'occhiata alle regioni guidate dai dem, in Campania Vincenzo De Luca si fatto promotore di una discussa legge che di fatto salva tutte le prime abitazioni abusive, almeno 70 mila, mentre se si va a ritroso nel tempo stata l'amministrazione Pd della Liguria guidata da Claudio Burlando che in una regione ad altissimo rischio idrogeologico ha consentito di edificare anche a tre metri dai corsi d'acqua dentro i centri urbani e a 5 metri fuori citt: correva l'anno 2011 e nel partito, allora guidato da Pier Luigi Bersani, l'attenzione sui temi ambientali gi non era delle migliori. Dall'Ulivo e i governi Prodi con ministri leader dei Verdi come Edo Ronchi e Alfonso Pecoraro Scanio, al Pd, sembra davvero che la battaglia ecologista si sia persa per strada. Anche i leader dei movimenti ambientalisti nei dem ormai si contano sulle dita di una mano: in sintesi, sono rimasti Ermete Realacci e Luigi Manconi. La questione ambientalista - dice Manconi - riguarda il Pd e tutta la politica italiana e rimanda a un pauroso deficit culturale dell'intera classe dirigente. Da noi si pensa ancora che l'ambientalismo sia una versione del pauperismo e non una strategia di sviluppo economico.



news

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

Archivio news