LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Recuperate dai Carabinieri per la tutela del Patrimonio Culturale opere d'arte per 7 milioni di euro. C' anche una statua del Cinquecento
www.ilgiornaledellarte.com, 13/09/2017

Sono oltre 100, per un valore stimato di 7 milioni di euro, i beni recuperati nellambito delloperazione Start up dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale. Un anno dindagini del nucleo dei Carabinieri di Napoli e Roma, coordinati dalle procure di Isernia e Velletri, ha portato al recupero dei tesori darte rubati in chiese e istituti religiosi del Centro e Sud Italia, provento di ventiquattro furti. Denunciate venti persone responsabili a vario titolo di ricettazione, furto aggravato e reati connessi.

Il freddo linguaggio burocratico non rende giustizia della realt dei fatti che appare in tutta la sua ampiezza vedendo gli oggetti esposti. Una selva di ostensori, pissidi, calici, angioletti e statue di santi che torneranno nelle loro piccole chiese di campagna per la gioia degli abitanti. Oggetti anche di grande valore economico, ma soprattutto identitario. Fra le opere pi significative il gruppo scultoreo in marmo raffigurante la Madonna col Bambino dellinizio del Cinquecento (privi entrambi della corona), sbiancata forse per essere venduta meglio. Venne rubata a luglio 1997 nella chiesa di Santa Marta dellArciconfraternita di San Vitale a Napoli. Le due statue lignee settecentesche di San Biagio e San Nicola da Bari furono asportate dalla chiesa Madonna degli Angeli di Barrea a maggio 2015. Vengono dalla chiesa di San Bartolomeo di Cassano Irpino 15 dipinti a olio su tavola raffiguranti i Misteri del Rosario. Dolcissimi gli angeli, i putti alati, i piccoli Ges Bambino in legno e cartapesta, preziosi i turiboli in argento sbalzato, i reliquiari del Settecento, i calici e le pissidi in argento bagnate in oro.
Lopera pi importante sicuramente il dipinto a olio su tavola del 1520 raffigurante la XII stazione della Via Crucis Ges muore in croce, rubato il 2 luglio 1980 nella Collegiata Sainte Waudru di Mons in Belgio. Si ricongiunger alle due parti mancanti in alto, che i ladri non riuscirono o non fecero in tempo a staccare. Un recupero inatteso e molto gradito certamente dallufficiale di collegamento del Belgio presente in sala.
Come altri pezzi esposti anche questa Pala era conservata in una casa di Ciampino, di un medico sembra, ingombra ovunque anche in cucina di opere darte. Non so come facesse a vivere in questo Museo, esclama il procuratore di Isernia Paolo Albano. Un collezionista compulsivo, non lunico in famiglia, che si occupava di queste cose e che accumulava senza scrupolo ogni ben di Dio.

Lindagine inizia a luglio 2016 a seguito di una serie di furti a distanza di poco tempo luno dallaltro in piccole chiese e istituti religiosi di paesi confinanti delle provincie di Isernia, Salerno, Avellino e Caserta. E portati a compimento con la stessa tecnica, sempre di giorno, senza scasso, approfittando dellapertura e della mancanza di controlli. La svolta si avuta dopo un furto nella chiesa di San Michele nella piazza principale di Monteroduni, un piccolo centro della provincia di Isernia. Lattivit investigativa, tuttora in corso, ha accertato lesistenza di unorganizzazione criminale con base logistica nella provincia di Napoli, sembra a Scampia, ma in grado di ricettare opere darte rubate a livello internazionale in Italia e allestero e di operare ovunque. E qui lapprezzamento va al gruppo di Napoli che ha svolto un lavoro difficilissimo, sottolinea il procuratore di Velletri Francesco Prete. Presuppone la conoscenza dei meandri del traffico illecito. Partendo dal controllo dei venditori ambulanti napoletani si scopre che cera chi si occupava dei furti, chi della collocazione delle opere. Seguendo gli spostamenti dei primi ricettatori, si ricostruita la filiera. Lindagine non conclusa, ora si prova a ricostruire i flussi finanziari, cercando di giungere ai vertici dellorganizzazione, formata da professionisti del crimine.
Oltre le opere esposte di cui stata individuata lorigine, ci sono altre che si stanno analizzando, provenienti anche da siti archeologici. Degli oggetti sono stati scoperti nel mercato di Porta Portese, mentre alcuni pezzi molto noti come le statue lignee di San Biagio e di Nicola di Bari erano state inserite nei bollettini dellArma.



news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news