LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IL CORNO TRA AFFARI TURISMO E CULTURA
GUIDO TROMBETTI
17 settembre 2017 LA REPUBBLICA


LA prima puntata della saga del corno, ingigantita dall'attenzione estiva che le stata riservata, si conclusa. Con il diniego della soprintendenza. Si parla, si parla ma poi a qualcuno tocca il non invidiabile, ma doveroso obbligo di decidere. E per costoro ho sempre rispetto. Dio ci scansi dal paradigma del pappagallo Laverdure.
"Chiacchieri, chiacchieri non sai fare altro" (Zazie nel metro).
Ho letto in proposito su Repubblica le dichiarazioni dolenti di Marino Niola , Domenico De Masi e Luciano Stella (nelle quali mi ritrovo abbastanza). Come quelle di altri che esultano. Tutte, in fondo, posizioni comprensibili. L'estetica , in particolare, fatto soggettivo. Per inciso una cosa non ho capito. Che cosa c'entra Scampia? Perch non lo fanno a Scampia? Dobbiamo riqualificare le periferie, no? Visto che un attrattore, invece di metterci i rom, in quei quartieri ci mettano il corno. Boh! Sono certo che la parola ha tradito il pensiero. Che cosa voleva (o vuole) essere il corno nelle intenzioni dei suoi proponenti? Un attrattore turistico credo di aver capito.
Spesso quando si parla di turismo si chiama in ballo la cultura. Quasi le due cose fossero unite da un legame indissolubile. Ci forse perch si fa confusione facendo di tutta l'erba un fascio. Mescolando fini e mezzi. Molto perch non si ha il coraggio di ammettere che il turismo principalmente un affare. Uno strumento di sviluppo economico. E che gli affari a volte utilizzano elementi culturali. Ma restano comunque un fatto a se stante. Questa confusione fa spesso capolino sui giornali o nei discorsi al caff. Che si parli della costruzione di un complesso turistico. Del corno. O di una fiera libraria. Si tira in ballo la cultura. Certamente il patrimonio culturale pu essere ed un motore del turismo. Esattamente come le bellezze naturali. Come pu esserlo, e spesso lo , il genius loci. Che viene utilizzato in modo diffuso in tutto il mondo per trasformare il pi possibile il turista in un consumatore compulsivo. Di gadget, ristoranti, foto...
Si tratta per di mezzi e non di fini. Questo va osservato con serenit. Senza farne un problema etico. N estetico. E senza generare falsi illusioni. Perch un turista disposto a comprare un pastore del presepe a via San Gregorio Armeno mentre non comprerebbe mai lo stesso pastore, pur a un quarto del prezzo, in un mega store di Shangai? La risposta non difficile. Infatti come insegna il nostro amico Massimo Marelli, in economia esistono i "beni speciali". Per i quali non il prezzo la vera motivazione d'acquisto ma il loro valore edonistico o sociale. Di solito s'identificano con una marca o una firma di prestigio. Ma anche talvolta con il legame a una tradizione locale. In realt quando il turista compra il pastore a Napoli avverte la sensazione di portare a casa, insieme al pastore, anche un pezzo di (storia di) Napoli. come se avesse staccato una pietra da un sito archeologico. La cosa importante non la pietra o il pastore come oggetto fisico. Bens il suo legame con il territorio, con la sua storia. Insomma, il turista porta a casa il profumo della biografia di un luogo. Ma soltanto il profumo. Il suo livello culturale resta immutato. Della storia di Napoli nulla sapeva e nulla sa. E quando sar tornato a casa, nella stragrande maggioranza dei casi, l'oggetto acquistato andr al pi ad arricchire una confusa collezione di oggettini. Ora immaginiamo che i cinesi di cui sopra trasportino il megastore di Shangai alle porte di Napoli. E che l espongano migliaia di pastori perfetti a un quarto del prezzo di quelli del maestro Ferrigno.
Il turista resta disorientato. Voleva portare a casa un pezzo di Napoli, e invece si trova nella situazione di portare a casa un pezzo di Cina che imita Napoli a Napoli. D'altro canto il Venice Casin a Las Vegas riproduce alla perfezione un canale di Venezia Ovviamente una azione commerciale di tal fatta non ha nulla a vedere con la cultura. Alta o popolare che sia. La cultura appartiene a un altro universo.
Si tratta comunque solo di soldi. E, come si sa, i soldi non hanno odore. E non hanno storia, n cultura. Sono soltanto un mezzo per fare le cose.



news

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

20-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 febbraio 2018

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news