LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

INTERVENTI DEVASTANTI A PALAZZO D'AVALOS
MARIA LUISA MARGIOTTA
20 settembre 2017 LA REPUBBLICA






NAPOLI, si sa, citt d'arte ricolma di straordinari beni culturali. I pi noti e visitati riguardano ovviamente le propriet aperte al pubblico, siano esse ecclesiastiche, comunali e demaniali; sono numerosi anche i beni privati, noti perlopi solo agli studiosi di arte e di architettura. Dal punto di vista della tutela la loro vita appartata li preserva dal consumo del turismo di massa ma nello stesso tempo li rende pi vulnerabili sottraendoli alla attiva vigilanza della collettivit. il caso di Palazzo del Vasto o d'Avalos, il monumentale edificio di via dei Mille, per il quale il vincolo ai sensi del codice dei beni culturali, apposto negli anni 1958 e 1995 per ribadirne l'importanza, con molte probabilit non riuscir a salvare l'integrit di un documento storico unico per il rilevante interesse che riveste. Sono attualmente in corso radicali lavori edilizi che riguardano coperture, facciate e interni. Presto si estenderanno anche all'appartamento nobiliare, per il quale prevista la realizzazione di tramezzature, servizi igienici, spostamento di vani, tutte opere finalizzate ad ottenere varie unit immobiliari autonome grazie al frazionamento degli ambienti originari. Lavori provvisti di vari nulla osta della soprintendenza per i Beni architettonici di Napoli rilasciati tra il 2004 e il 2015. Tutto rientrante, dunque, nella normale routine della prassi tecnico-amministrativa in vigore, che, per, non ha tenuto in debito conto le conseguenze devastanti dell'intervento approvato. S, perch nel Palazzo d'Avalos, costruito a partire dalla fine del Quattrocento da Francesco Ferdinando (Ferrante) d'Avalos e dalla moglie, la grande poetessa Vittoria Colonna, l'appartamento burocraticamente definito "appartamento al primo piano" rappresenta la sontuosa dimora aristocratica di una delle famiglie pi autorevoli della citt sin dall'epoca aragonese. Non si tratta qui di fare l'elegia di una antichissima famiglia napoletana, ma piuttosto di rimarcare che la sua permanenza secolare in questo immobile ha permesso la conservazione di una rara testimonianza di architettura settecentesca, risalente al rifacimento radicale in forme neoclassiche che fu opera del noto architetto Mario Gioffredo. Il carattere preminente e di eccezionale valore del piano nobile in particolare consiste proprio nell'unit dell'architettura e dell'arte come attesta l'immagine complessiva di uno spazio composto da monumentali ambienti a volta uniti in successione funzionale e visiva, decorati da un organico apparato di affreschi parietali (alcuni di Fischetti), da preziose ornie di marmo e da pavimenti con un disegno che concorre a sottolineare l'unit compositiva. La scenografica percezione ottica degli ambienti in sequenza conserva, malgrado il rifacimento settecentesco, la maestosa spazialit delle architetture nobiliari cinquecentesche secondo uno schema che rimarr invariato, seppure a scale diverse, fino alla fine dell'800. Gino Doria ne "I Palazzi di Napoli" ne ha fissato il valore sottolineando il "contrasto tra la severa imponenza esterna dell'edificio neoclassico e la ricchezza interna della decorazione e della suppellettile". Immagine secolare che un intervento irrispettoso rischia di distruggere. Alcune note associazioni culturali napoletane (associazione Dimore storiche italiane, Italia Nostra, associazione per lo studio dei Giardini storici) sono in fermento e chiedono agli enti di tutela l'annullamento del parere espresso nel 2015 in quanto vanifica la conservazione di tale splendore con i devastanti interventi previsti. Gli ostacoli burocratici esistono ma in nome della storia e della bellezza opportuno che si trovi rapidamente una soluzione che aldil di articoli e commi consenta alle amministrazioni competenti l'esercizio della funzione di tutela in maniera reale e efficace.




news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news