LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - L'ultimo erede dei nobili d'Avalos "Fermate quei lavori nel palazzo"
STELLA CERVASIO
21 Settembre 2017 LA REPUBBLICA





NON bisogna farsi trarre in inganno da quel che sembra. L'esterno del Palazzo d'Avalos, l'edificio che celebr sin dal 1500 la famiglia di pi antica nobilt di Napoli, in via dei Mille, all'interno conserva i fasti del passato. Se la facciata esterna puntellata e in vico Vasto pure i tubi Innocenti appaiono una corazza invincibile, dentro la dimora dimostra tutto il suo valore artistico e architettonico: gli affreschi di Fedele Fischetti sugli ambienti voltati, l'infilata di saloni, "vani di porte e infissi - come scriveva Gino Doria in uno dei suoi pi famosi volumi, I palazzi di Napoli - delineati da preziose ornie di marmo e sormontate da fastigi e pavimenti con un disegno che concorre a sottolineare l'unit degli spazi". C'era anche un magico giardino pensile, "Il giardino delle camelie", che appariva fantastico dai balconi di casa del principe.

Uno scenario da fiaba, che ancora si conserva. Non sappiamo fino a quando. I tempi moderni minacciano il monumentale palazzo nel cuore elegante di Chiaia, vincolato sin dal 1958, che nel Settecento aveva goduto di un restauro prezioso, quello dell'architetto Mario Gioffredo (per intenderci il primo a metter mano alla Reggia di Caserta, chiamato da Carlo III). Facendo gola a molti che vorrebbero andare ad abitare in uno dei 70 appartamenti nei suoi 16 mila metri quadrati o occupare uno dei numerosi negozi che fanno parte del piano di riutilizzo, per cos dire.

Un progetto di ristrutturazione della societ attuale proprietaria del palazzo, la Vasto srl, approvato dalla soprintendenza di Palazzo Reale nel 2015, prima dell'arrivo di Luciano Garella, e male accolto da Italia Nostra e da altre associazioni come quella per le Dimore storiche italiane con l'associazione per lo Studio dei giardini storici, che tutelano i beni culturali napoletani e non solo. La ristrutturazione ormai compiuta per l'ala dell'edificio che d sul vicolo laterale, ma a momenti dovrebbe arrivare a coinvolgere anche il piano nobile, alcune migliaia di metri quadrati dove vive con la madre l'erede dei d'Avalos, Andrea, musicista come il padre (ma contemporaneo), il principe Francesco, morto nel 2014, compositore e direttore d'orchestra.

Un progetto che vuole compiere uno scempio di una dimora storica e vincolata, innalzando tramezzi nei saloni e chiudendo le porte con delle mura, rompendo cos l'effetto della scenografica fuga delle grandi stanze, dice Andrea d'Avalos, che vede minacciata la sua casa coinvolta per giunta in vicende giudiziarie annose e complicate - ma anche un edificio che parte della storia di Napoli. L'erede del principe musicista ha scritto una lettera al presidente della Repubblica Mattarella perch blocchi l'operazione che distruggerebbe un'opera d'arte . Non il solo a dire no all'avanzata del cemento. Guido Donatone, presidente di Italia Nostra, con una lettera al ministro dei beni culturali Dario Franceschini ha chiesto la revoca da parte del nuovo soprintendente del provvedimento che, "noncurante del vincolo monumentale ha autorizzato nei saloni del piano nobile i frazionamenti degli ambienti attraverso tramezzature e spostamenti dei vani di collegamento per realizzare lotti di quartini autonomi", sottolineando che " quindi in corso un totale stravolgimento della preziosa unitariet architettonico- decorativa del complesso monumentale". Nel vuoto cadde, ai tempi di Giovanna Melandri ministro dei beni culturali, la proposta di Italia Nostra allo Stato di acquisire il palazzo. Nel 2007 la soprintendenza diede parere positivo per la ristrutturazione di tutti gli spazi eccetto il piano nobile, ma poi, nel 2015, aggiunse anche quelli. Palazzo d'Avalos sconta anni di vicende giudiziarie e passaggi di pacchetti azionari. Nella Vasto srl azionista di maggioranza era Corrado Ferlaino, ma quote sono andate anche alla societ di armatori Deiulemar, quelli del crac da 700 milioni di euro che ha rovinato 11 mila investitori di Torre del Greco. Per un periodo parte del palazzo ospit feste e catering. I lavori di restauro sono cominciati a marzo scorso e ora annunciato il proseguimento.




news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news