LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LE NUOVE SFIDE URBANISTICHE
Di Attilio Belli
Corriere del Mezzogiorno (Campania)22 Sep 2017






Imasterplan (programmi dindirizzo strategico) di sviluppo dellarea orientale di Napoli e della buffer zone (zona tampone) di Pompei promossi dalla Fondazione Mezzogiorno Tirrenico e dallAssociazione Naplest et Pompei cui si fatto riferimento nel seminario sul rilancio degli investimenti in Campania del 13 settembre scorso presso lUnione industriali accendono lattenzione su uniniziativa ambiziosa da seguire con molto interesse . Che da Napoli est ha esteso la sua attenzione alla fascia costiera orientale verso Pompei. Quali gli aspetti pi rilevanti? Anzitutto un rapporto pubblico-privato nel campo della trasformazione del territorio proposto nei termini di negoziazione esplicita, promosso dal privato. Cosa teoricamente inevitabile, ma che in concreto mette in tensione limpostazione prescrittiva dellurbanistica (pubblica) tradizionale, a favore di un approccio strategico denso di possibilit, ma anche di problemi nel rapporto con la strumentazione esistente. Problemi dichiarati esplicitamente quando si richiedono modifiche interpretative del Prg di Napoli, una generale accelerazione del processo decisionale, lestensione del silenzio-assenso e laccoglimento della progettualit dei privati a costo zero. Ma soprattutto quando si considerano le pianificazioni urbanistiche vigenti come griglie eccessivamente rigide per immaginare programmi di recupero produttivo e di attrazione di capitali e investimenti privati.

Avanzano proposte che ovviamente vanno sottoposte ad attenta valutazione in rapporto ad una complessiva visione metropolitana. Lambizione dichiarata di attivare, attraverso una logica di sussidiariet, la rigenerazione di una delle aree pi affascinanti del territorio metropolitano secondo modalit comparabili con le pi avvertite esperienze in corso in Italia e in Europa.

Liniziativa riguarda una dimensione molto ampia (77 kmq in 9 comuni nella zona tampone di Pompei, 265 ettari nei quartieri orientali di Napoli), che coinvolge numerose responsabilit e prerogative istituzionali. E si propone di attribuire allintervento nellarea est di Napoli il valore di una nuova citt (in termini di spazi verdi e di standard di qualit residenziale), una rigenerazione con nuove funzioni produttive (insediamenti di ricerca e start up in sinergia col nuovo plesso universitario) e nuovi insediamenti residenziali di diversa destinazione sociale, secondo un rapporto ribaltato rispetto alle previsioni del Prg, anche in considerazione delle caratteristiche sismiche del territorio. E nella fascia costiera verso Pompei, di affermare una prospettiva di accoglienza con una decisa discontinuit di sistema, in funzione della vocazione turistica e delle preesistenze archeologiche, allinterno di una complessiva decompressione demografica. Con la riconversione di grandi aree dismesse a Torre Annunziata e a Castellammare. Sorretta dallidea-forza di riconquistare il rapporto diretto con il mare mediante larretramento della tratta ferroviaria Portici- Castellammare.

promossa dalla Fondazione Mezzogiorno Tirrenico per attivit scientifiche e culturali finalizzate ai processi di crescita ed ha come soci Intesa Sanpaolo, Monte dei Paschi di Siena, Unione degli Industriali di Napoli, Unione delle Camere di Commercio

della Campania, Confindustria Avellino, Benevento, Caserta e Salerno. Mentre Naplest et Pompei unassociazione di ben 33 tra proprietari di aree e di immobili di diversa grandezza e attori economici, tra cui Kuwait Raffinazione e Chimica, Eni, Fs Sistemi Urbani, Marina di Stabia, Gesac.

I rapporti con il pubblico sono, per la zona orientale di Napoli, con il Comune, e, per la zona tampone di Pompei, con il Grande Progetto Pompei (Comuni, Mibact e altri ministeri competenti, Soprintendenza di Pompei, Regione Campania e sindaco della Citt Metropolitana), secondo un protocollo sottoscritto nel settembre dello scorso anno. In questo quadro, per i 9 comuni vesuviani, nel giugno-luglio di questanno stata raccolta una gamma di proposte puntuali da orientare alla definizione di un sistema generale. Un percorso positivo che per sottolinea di fatto la grave assenza del piano strategico della Citt metropolitana di Napoli. disperante tornare sullargomento, ma lassenza del piano strategico metropolitano, mentre in gestazione il piano paesaggistico della regione, decolla Bagnoli, si promuovono gli interventi nella zona orientale della citt e nella zona tampone di Pompei, paradossale.

Il programma fa riferimento prevalentemente a fondi pubblici anche di fonte Ue cosa che per le recenti difficolt di attivazione sollecita adeguata efficienza con lobiettivo di realizzare le condizioni di contesto per lattrazione degli investitori, attuando leve finanziarie e strumenti di ingegneria finanziaria.

Si tratta di una grande sfida al pubblico, soprattutto a quello che si appella costantemente alla tutela del bene comune, che sarebbe opportuno sottoporre al dibattito in maniera adeguatamente informata.



news

24-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 24 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news