LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MARCHE - Opere d'arte salvate dalle macerie ora preda di incuria, tarli e umidit
Lorenzo Sconocchini
CORRIERE ADRIATICO - 19 settembre 2017

La maggior parte si trova in depositi delle diocesi non attrezzati e nelle stesse condizioni di un anno fa.

Una pregevole lunetta di Cola dell'Amatrice custodita negli spogliatoi dell'ex Elettrocarbonium

IL CASO ANCONA Avevamo progettato tutto per fare questo nei nostri depositi, poi la paura delle nuove spoliazioni napoleoniche ha bloccato tutto. In uno sfogo domenicale sul suo profilo Facebook, sotto il titolo "Tempo perso, occasioni perdute", l'architetto Luca Maria Cristini, fino a pochi mesi fa responsabile per i beni culturali della Diocesi di Camerino, solleva il tema di come vengono conservati quadri e statue, crocifissi lignei e arredi sacri salvati dalle macerie di chiese e monasteri devastati dal terremoto. Molti di quei beni di propriet ecclesiastica, anche di pregevole valore storico-artistico, si trovano nelle stesse condizioni in cui dall'agosto 2016 sono stati portati in salvo, spesso a rischio della propria vita, dai carabinieri del Nucleo tutela del patrimonio culturale, dai vigili del fuoco, dai funzionari del Mibact e dai volontari di Legambiente. Giacciono dentro imballaggi provvisori e in magazzini delle Diocesi "terremotate" che non li mettono al riparo dall'umidit e dai tarli.

I restauratori del ministero
E per spiegare cosa avesse progettato insieme ai tecnici del Mibact prima di interrompere il rapporto con la Curia camerte, l'architetto Cristini posta delle foto in cui si vedono gli scaffali ordinati e gli imballaggi accurati che proteggono le opere d'arte ricoverate nei magazzini della Mole Vanvitelliana di Ancona. Una specie di Arca della cultura che da un anno ospita i beni culturali messi al sicuro dopo i crolli di chiese, musei e palazzi storici.

Nell'Arca 800 beni
Circa 800 opere d'arte - di propriet non ecclesiastica, tranne opere che necessitano di restauri e messa in sicurezza provenienti da chiese - sono protette in ambienti asciutti e arieggiati, sistemati su scaffalature metalliche allestite dal ministero dei beni culturali, dove le opere sono ordinate, classificate e ben tenute grazie anche alla presenza dei restauratori del Mibact che all'arrivo di ogni opera provvedono alla messa in sicurezza. Un modello che il Mibac, in una riunione tenuta ad Ancona prima dell'estate, aveva proposto di esportare anche nei depositi delle Diocesi pi interessate dal terremoto, dove i beni culturali erano stati stoccati con una soluzione d'emergenza che nei fatti divenuta stabile, anche sull'onda di prese di posizioni di alcuni vescovi e sindaci che temevano una spoliazione dell'entroterra. Parassiti e condensa Per i depositi in condizioni pi precarie - specie nelle diocesi di Ascoli e Camerino - il Mibact si era reso disponibile sin dal giugno scorso a sistemare gli spazi interni e a distaccare nelle diocesi gruppi di tecnici ministeriali per mettere in sicurezza i beni come avviene alla Mole. Il tutto a carico del ministero, ma a distanza di pi di tre mesi ancora non si mosso nulla e la maggior parte dei beni depositati nei magazzini delle diocesi si trovano nelle stesse identiche condizioni del loro prelievo. Con il rischio che oltre a eventuali danni dal terremoto (in realt piuttosto rari, perch la stragrande maggioranza delle opere sono state estratte integre) se aggiungano altri causati dalla condensa prodotta dal mancato disimballaggio e da parassiti, soprattutto tarli che possono essersi sviluppati aggredendo anche opere che ne erano immuni. Senza considerare poi il pericolo che, nella confusione, di qualche opera si possano perdere le tracce. Sono quattro, in particolare, i depositi diocesani per i quali il Mibact aveva suggerito interventi sul modello della Mole. Il palazzo vescovile di San Severino Marche. dove la Diocesi di Camerino ha stoccato parte delle opere, tra cui una pala d'altare del Tiepolo salvata a Camerino, ha locali buoni per essere utilizzati come depositi, ma sono privi di ripartizioni interne e le opere sono poggiate sul pavimento, per la maggior parte ancora imballate, con problemi di aerazione e senza alcuna valutazione di eventuali danni. Situazione ancor peggiore al Seminario di Camerino, dove i locali appaiono fatiscenti e privi di ripartizioni: l addirittura sono ammassati anche i beni prelevati dopo il terremoto del 1997. Nelle grotte medievali del palazzo vescovile di Camerino gli ambienti sono umidi e non areati e vengono utilizzati deumidificatori di tipo domestico a ciclo continuo. Anche l, niente ripartizione e opere ancora imballate.

Gli ex spogliatoi degli operai
La Diocesi di Ascoli Piceno utilizza per il ricovero delle opere (tra cui una lunetta di Cola dell'Amatrice) un deposito nell'ex stabilimento Elettrocarbonium, dove un tempo c'erano gli spogliatoi degli operai. Chi li ha visti parla di luoghi umidi con distacchi di intonaco e presenza di muffe, dove le opere sono ammassate e ancora imballate senza alcuna suddivisione. Per quanto ancora?



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news