LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PARIGI-La Gioconda senza veli di Chantilly opera di Leonardo o della sua bottega?
Luana De Micco
www.ilgiornaledellarte.com, 28/09/2017

E se ci fosse la mano di Leonardo in quel disegno di una «Gioconda nuda» conservato al museo del castello di Chantilly? Gli esperti restano prudenti ma l’opera intriga. Il disegno, che appartiene alla collezione donata nel 1897 da Enrico d’Orléans, duca d’Aumale, e che da allora non ha mai lasciato il Musée Condé, si trova ora nei laboratori del Centre de recherche et de restauration des Musées de France, che occupano un’ala segretissima e blindatissima del palazzo del Louvre.
Stando al quotidiano francese «Le Figaro», che ha dato la notizia sul suo sito web, vi si troverebbe già da un mesetto. Gli esperti del museo parigino stanno effettuando tutte le radiografie e le analisi necessarie per capire se il disegno, che misura 72 x 54 cm, è stato realizzato, almeno in parte, dal maestro toscano. Le prime analisi accertano che il foglio è databile tra il 1485 e il 1638. Sono stati notati inoltre alcuni ripensamenti che confermano che si tratta di un originale e non di una copia. Ma si è anche individuato che i tocchi intorno al viso della modella sono di un artista destro, mentre si sa che Leonardo era mancino. Una ventina di quadri della «Gioconda nuda» sono noti e non tutti facilmente databili. Si conosce la «Gioconda nuda» (o «Monna Vanna») di Gian Giacomo Caprotti (detto «Salaì»), allievo di Leonardo (e forse dipinta a quattro mani con lui). Ma alcuni esperti ritengono che la bella Lisa Gherardini posò senza veli anche per il maestro. Gli specialisti francesi privilegiano per ora l’ipotesi che il disegno di Chantilly sia stato realizzato nella bottega di Leonardo. Stanno dunque cercando di stabilire se è anteriore o posteriore alla «Gioconda» del Louvre e se è presente l’eventuale tocco del maestro. Il disegno resterà nei laboratori del Louvre ancora un mese e sarà esposto nel 2019 in occasione dei 500 anni dalla morte del genio toscano.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news