LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il gran pasticcio delle scuole di restauro
Bruno Zanardi - Corrado Augias
La Repubblica 29/9/2017

Caro Augias,
lo scandalo universitario, finalmente venuto alla luce, presenta sfaccettature per dir così collaterali che meritano uguale attenzione. Per esempio le scelte del Miur relative ai corsi universitari di restauro avvengono al di fuori di qualsiasi meritocrazia e competenza. Esemplifico. I 26 corsi per la formazione dei restauratori (tra Università e Accademie) sono tutti diretti da persone che non hanno mai eseguito un restauro con le loro mani; il rappresentante scelto dal Miur per presiedere alla qualità di questi corsi è un docente non di restauro, ma di disegno, inoltre bocciato nella sua stessa materia all’ultimo concorso da Ordinario; i rappresentanti del Consiglio superiore dei BB.CC., cioè del massimo consesso chiamato a decidere su questioni conservative di interesse nazionale, sono archeologi e storici dell’arte che mai hanno fatto un restauro con le loro mani. Qui mi fermo, ma potrei continuare a lungo.
Lei mi dirà: si faccia sentire, esponga, denunci. L’ho fatto, ho scritto a chi di dovere ma non ho mai avuto da nessuno di loro nemmeno un cenno di risposta. Sarebbe la solita solfa, non ci fosse in gioco la formazione di chi nei prossimi decenni dovrà occuparsi della conservazione del più importante patrimonio artistico dell’Occidente, il nostro.
Bruno Zanardi

Risposta di Augias.
Ogni volta che conversando con persone competenti il discorso cade sulle scuole di restauro, il profano (cioè io) capisce che c’è un gran pasticcio su un’attività nella quale bisognerebbe invece agire con la massima attenzione e solerzia. Anche perché una volta, nemmeno troppi anni fa, non era così. Quando l’Istituto Centrale del Restauro era retto dal professor Giovanni Urbani, la sua fama era tale che arrivavano allievi da tutto il mondo per imparare a mantenere o riportare alla vita un’opera d’arte. Passione, competenza ma anche l’insegnamento di quell’abilità e pazienza manuali senza le quali non c’è restauro ma pasticcio. Un episodio personale: una volta Urbani mi portò con sé sui ponteggi per il restauro della Sistina. Un avventuroso americano aveva lanciato l’allarme scrivendo che la stavano “scorticando”. Nulla di più falso, il Capo restauratore Gianluigi Colalucci mostrò con quale delicatezza si stava invece procedendo alla ripulitura da secoli di fumi, umori, colle animali usate come vernici inquinamento aereo. Urbani accarezzava le pareti come se fossero la guancia di un bambino. Approvò. La forzosa polemica poco dopo ebbe termine. Oggi i corsi per la formazione dei restauratori, tra quelli delle Università e quelli delle Accademie, sono poco meno di trenta. Tre di queste scuole, mi assicura una fonte competente, funzionano bene: le due scuole (Roma e Matera) dell’Istituto centrale del restauro, e l’Opificio delle pietre dure. Per il resto proliferano scuole di livello mediocre. Troppe, soprattutto. Non si capisce dove si trovi una tale quantità di validi insegnanti. L’assurdo è che mentre i corsi aumentano, gli allievi diminuiscono. Ho chiesto al prof Zanardi i nomi dei destinatari che non hanno nemmeno risposto. Sono Francesca Dovetto, Carla Barbati, Giuliano Volpe. Le loro cariche (importanti) non contano. Inerzia burocratica li accomuna.
Corrado Augias



news

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

20-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 febbraio 2018

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news