LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino, l'università lancia la Tac del futuro in soccorso delle opere d'arte danneggiate
28 settembre 2017 la repubblica


La Tac del 2012 eseguita alle Molinette di Torino alla mummia di Shepsestaset, "Iside la nobile", vissuta in epoca tolemaica

L'annuncio al G7 della Scienza a Venaria: il macchinario sostituirà quello che cinque anni fa analizzò a fondo la mummia di "Iside la nobile" ma sarà mobile, in grado di raggiungere zone di guerra e di catastrofi naturali

Funzionerà come un'infermiera nei luoghi colpiti da catastrofi naturali o guerre, in aiuto non di persone, ma di opere d'arte danneggiate: è la nuova Tac, pensata dall'Università di Torino che, oggi dal G7 della Scienza, ha lanciato alla comunità internazionale il progetto per realizzarla. Alla delegazione del G7, tra cui la ministra Valeria Fedeli e il commissario europeo Carlos Moedas, il rettore Gianmaria Ajani e il responsabile dell'Innovazione e della Competitività Germano Paini, hanno spiegato la fattibilità della macchina che, partendo da quella attuale, vecchia di cinque anni, sarebbe capace di intervenire su oggetti e manufatti di grandi dimensioni e in maniera molto più sofisticata. Sarebbe, inoltre, mobile, trasportabile sui luoghi dove si ritiene necessaria.

Era il 2012 quando al Centro Conservazione e Restauro della Venaria si mi se in funzione la TAC mise in funzione la Tac scoprendo tutti i segreti ancora nascosti della mummia di Shepsestaset, "Iside la nobile", vissuta in epoca tolemaica. La tecnologia, nel frattempo, è andata avanti e sarebbe in grado di offrire nuove prestazioni. Da qui l'idea dell'ateneo torinese di costruire, in open science, la Tac del futuro. Università di Torino, Istituto nazionale di Fisica nucleare (Infn) e Centro di conservazione e restauro della Venaria Reale, mettono a disposizione di tutte le comunità scientifiche internazionali l'intera documentazione del progetto (piante, disegni, calcoli, immagini, test) e il loro know-how.

Durante la visita al Centro de La Venaria, terzo polo nazionale del restauro insieme a quelli
di Roma e Firenze, la ministra Fedeli "ci ha chiesto - ha riferito il rettore - se è possibile ospitare in questi spazi altre attività didattiche e noi abbiamo risposto positivamente. Qui è già stato attivato il primo corso di laurea per la formazione dei restauratori di beni culturali". Il Centro collabora anche con l'Istituto Centrale del Restauro, l'Opificio delle Pietre dure di Firenze e con l'Istituto Centrale per la Patologia del Libro.



news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news