LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BOLOGNA - L'arte antica e la città nelle rimpiante Edizioni Alfa
PAOLA NALDI
26 settembre 2017 la Repubblica




Nel 1954 Bologna era una delle tante città italiane che recuperavano la propria identità nella costruzione febbrile di nuovi quartieri, in nuove forme di aggregazione politiche e sociali. Un fare necessario che si accompagnò ad un fermento eccezionale, non così scontato, nel campo dell'arte. È in quell'anno che prendono il via le famose "Biennali d'arte antica", con le mostre dedicate a Guido Reni, ai Carracci, ai maestri del Seicento, all'Etruria Padana, organizzate da Cesare Gnudi, Francesco Arcangeli, Andrea Emiliani, con la partecipazione di sir Denis Mahon e visitate da personaggi illustri come Alfred Hitchcock. Nello stesso tempo la Soprintendenza, guidata sempre da Cesare Gnudi, avvia diverse campagne di rilevamento e catalogazione dei beni culturali nelle chiese ma anche nei borghi dell'Appennino. Non furono solo grandi eventi ma soprattutto occasioni di studi profondi e innovativi, raccolti da un editore illuminato quanto coraggioso: il giovane Elio Castagnetti che fondò le Edizioni Alfa appositamente per pubblicare i cataloghi delle mostre e le ricerche della Soprintendenza, chiamando l'artista Pirro Cuniberti a disegnare il logo e a curare la grafica dei volumi.

La sua avventura durò una trentina d'anni e oggi si ritrova nella mostra «Come eravamo. Le Edizioni Alfa di Bologna (1954-1984)», allestita fino al 19 novembre nel quadriportico superiore della Biblioteca dell'Archiginnasio, dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle ore 19 e domenica dalle ore 10 alle ore 14. La curatrice, Giovanna Delcorno, ha ripescato nei ricchi archivi conservati in piazza Galvani 1 le pubblicazioni più significative di Castagnetti, affiancando i famosi cataloghi a documenti, lettere, cartoline e fotografie. «La mostra racconta soprattutto il pensiero culturale di quel periodo bolognese, una visione dell'arte totale, tra la ricognizione dell'Appennino, le leggi sul centro storico e per la difesa della collina – spiega Andrea Emiliani -. Non sarebbe stato possibile se non ci fossero stati un sindaco irreprensibile come Guido Fanti, Leone Pancaldi incaricato di allestire le Biennali, Arcangeli, Gnudi e Castagnetti. In quei dieci anni Bologna fu al centro dell'Europa».

L'attenzione verso tutte le forme d'arte di Castagnetti non venne mai meno. Ad esempio nel 1970 venne pubblicato il catalogo dell'importante mostra sul centro storico, organizzata da Pier Luigi Cervellati a difesa di una zona della città da considerare come bene da tutelare. E nel 1987 invece Lamberto Trezzini curò l'uscita di «Due secoli di vita musicale», sulla storia del Teatro Comunale di Bologna.






news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news