LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bella e invisibile la Puglia antica a mezzo servizio "Mancano i custodi"
ANTONIO DI GIACOMO
04 ottobre 2017 LA REPUBBLICA





LA CULTURA dimezzata. È un quadro desolante quello che emerge attraverso i numeri dei vuoti in organico del personale nei castelli, parchi archeologici e musei statali in Puglia. Talmente elevati da mettere in discussione la possibile fruizione del patrimonio artistico e culturale disseminato per la regione. Esemplare, tanto per cominciare, è il caso del castello di Copertino che ha appena tre addetti per i servizi di vigilanza, tutela e accoglienza al pubblico. Talmente pochi rispetto alle necessità di un castello così grande, ma pochi sarebbero stati anche per un piccolissimo museo di qualche stanza, che il maestoso gioiello architettonico e storico di Copertino è chiuso nei giorni festivi e aperto, negli altri, appena mezza giornata, dalle 8 alle 14, con buona pace del turismo che prende d'assalto il Salento.

E beninteso - lamenta Matteo Scagliarini, coordinatore regionale per la Cgil dei lavoratori del ministero per i Beni culturali - si fanno pure i salti mortali per assicurare quella mezza giornata di apertura: per essere a regime, infatti, il castello di Copertino dovrebbe avere almeno 15 unità di personale. Vanno peggio, se possibile, le cose nel parco archeologico di Canne della Battaglia che, a fronte di appena 3 addetti contro i 10 che servirebbero per un'area così vasta insieme poi con l'Antiquarium, riesce ultimamente a essere aperto solo dal giovedì alla domenica. Per non parlare del museo archeologico Jatta di Ruvo Di Puglia, dove gli assistenti alla fruizione sono appena 2 e si compiono miracoli per garantire l'apertura al mattino (e il giovedì e il sabato anche di pomeriggio).

Solo da poco, d'altra parte, al Marta, il museo archeologico di Taranto la direttrice Eva Degli'Innocenti è riuscita a superare il problema della visita contingentata con l'apertura a piani alternati, fonte di non pochi disagi per turisti e visitatori. Drammatica invece è la situazione del castello di Gioia del Colle, al cui interno - denuncia ancora Scagliarini della Cgil - c'è anche un allestimento museale di tutto rispetto: sono appena 5 le unità di personale disponibili, il che vuol dire aprire al pubblico non certo in condizioni ottimali per la sicurezza senza contare i problemi rispetto a permessi e ferie.

Come a dire che le criticità emerse al castello normanno svevo di Bari con l'apertura ieri del nuovo livello espositivo non sono che la punta di un iceberg. Ne sanno qualcosa a Siponto, dove i 4 addetti a vegliare sulla basilica impreziosita dall'installazione di Edoardo Tresoldi fanno i salti mortali per garantire l'apertura.

La situazione dei siti culturali sta per esplodere, allora? Si sta trascinando e, per quanto il ministero stia prestando attenzione, questo è vero riconosce Scagliarini - si applicano soluzioni tampone coprendo ora un'emergenza in un luogo ora in un altro. Si navigherà a vista, insomma, finché non si attiveranno le procedure per nuovi concorsi . Ma il problema, riflette Eugenia Vantaggiato, segretario regionale del Mibact al quale da ieri è stata affidata una delega temporanea per il Polo museale della Puglia, il cui posto di direttore è vuoto da venerdì scorso a causa del pensionamento dell'ex direttore Fabrizio Vona, non riguarda solo il personale di custodia. A livello ministeriale finalmente è stato posto il problema degli organici e sono ottimista sulle procedure in campo. Siamo in una fase di completamento della mobilità volontaria e nel contempo vengono banditi concorsi a più livelli, perché i beni culturali non hanno bisogno soltanto di vigianza ma di professionalità tecniche come quelle degli archeologi e storici dell'arte.



news

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

17-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 SETTEMBRE 2018

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news