LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Colosseo, belvedere mozzafiato "Apre l'attico, ora faremo l'arena"
CARLO ALBERTO BUCCI
04 ottobre 2017 LA REPUBBLICA





UNA vista mozzafiato, sull'arena dei giochi gladiatori e sulla città eterna. Perfino sui poveri muri di contenimento spuntati fuori adesso dai lavori della metro C su via dei Fori imperiali e che appartengono forse ad edifici d'età Flavia costruiti a ridosso della Velia: muri rasati dalle benne quando nel 1933 la collina fu abbattuta per dare spazio alla via dell'impero, spiegano gli archeologi.

È quanto il Parco archeologico del Colosseo, la nuova entità statale che gestisce il monumento simbolo e bancomat di Roma, ha regalato ai visitatori più fortunati dell'anfiteatro Flavio. Ossia agli eletti che dal primo novembre avranno prenotato (allo 06 39967700) la visita guidata al quarto e quinto livello del gigante di travertino e marmo. Venticinque alla volta, e per 75 minuti di tour in italiano, inglese o spagnolo, gli spettatori potranno accedere al settore della plebe. Vivranno l'emozione delle lotte tra fiere e guerrieri dagli scranni degli ultimi, il popolino per le cui terga gli imperatori Flavi, e i loro successori, avevano progettato sedili in legno, laddove al primo settore, destinato all'imperatore e ai senatori, le sedute erano di marmo e morbidi cuscini.

Suppellettili e sedili non ci sono più, perché di marmo pregiato o perché si trattava di deperibili supporti lignei. E l'ascesa all'ultimo settore destinato agli ultimi è faticosa, dal momento che l'alzata degli scalini è maggiore di quelli che portavo alla tribuna dei cittadini, mercanti e "borghesi". Ma lo sforzo ginnico è ripagato dal belvedere sui sotterranei (che il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini ha promesso di coprire presto con l'arena in legno dal costo di 18 milioni, tre dei quali già erogati) e dallo sguardo che va oltre le murature sbreccate dell'emiciclo simbolo di Roma, e si posa sui pini monumentali oltre i quali parte la via Appia, l'altro Parco disegnato, ma ancora senza sede né fondi, né personale, dalla riforma del Mibact.

Il Parco del Colosseo non distaccherà l'area archeologica da Roma, ma la valorizzerà fino in fondo, ha ribadito ieri il ministro, forte del giudizio dei giudici amministrativi ai ricorsi presentati dalla giunta grillina in Campidoglio. Franceschini accompagnato dall'architetto Federica Galloni, direttore generale e pro tempore del Parco del Colosseo, in attesa che sia espletato il concorso per la guida del sito (entro la fine dell'anno si saprà chi ha vinto tra i 75 pretendenti) ha voluto ieri mattina partecipare all'annuncio ufficiale delle visite guidate ai piani alti dell'arena. Assente il soprintendente Francesco Prosperetti, che ha lasciato a luglio il Colosseo e che aveva immaginato di inaugurare lui stesso il nuovo tour dentro il monumento, è stata la direttrice "storica" del monumento, Rossella Rea, a spiegare il nuovo percorso che porta in cima e che passa per l'unica galleria superstite nella sua interezza. È un semplice spazio di collegamento tra secondo e terzo settore, ma non era mai stato visibile prima e svela intonaci bianchi riportati alla luce dai restauri , costati un milione e 418mila euro, ma anche tracce di vernice rossa distesa dai cavatori di travertino nel Medioevo.

Rea ha ricordato che a breve inizieranno i restauri dei sotterranei: la gara è stata aggiudicata e il contratto è in via di stipula. I lavori dureranno almeno un anno e mezzo ha precisato e sono divisi in due lotti: uno nell'ambito del progetto Tod's (lo sponsor Della Valle che ha versato 25milioni per interventi in tre fasi, ndr), l'altro del progetto per il piano dell'arena finanziato dal ministero stesso.

Entusiasta Franceschini: Con la ricostruzione dell'arena (l'idea è dell'archeologo Daniele Manacorda, ndr) si capirà davvero cosa volesse dire vedere uno spettacolo al Colosseo. L'arena in legno esisteva sin dall'antichità, sopra il doppio ordine di sotterranei attrezzati. Sì precisa Rea vi si saliva tramite montacarichi. Comunque precisa nelle stagioni in cui non si tenevano gli spettacoli il piano di legno veniva smontato. Sarà smontabile anche quello di Manacorda?




news

24-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 24 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news