LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - La Speranza torna a Venezia Composto il "puzzle" di Vasari
di Enrico Tantucci
04 ottobre 2017 LA NUOVA VENEZIA

È uno straordinario "puzzle" artistico che si ricompone dopo trent'anni di ricerche quello che riguarda il grande ciclo decorativo che Giorgio Vasari dipinse nel 1542 a Venezia per il soffitto di Palazzo Corner Spinelli (oggi sede della grande azienda di tessuti veneziani Rubelli) e che poi andò disperso nelle varie tavole che lo componevano. Avviene con l'ultimo - o forse il penultimo - tassello mostrato ieri per la prima volta a Venezia. Si tratta di "La Speranza", una delle allegorie del ciclo vasariano, arrivato alle Gallerie dell'Accademia che con il ministero dei Beni Culturali al proprio fianco e il contributo dei Comitati privati internazionali di salvaguardia Venetian Heritage e Venice in Peril, hanno raccolto i fondi necessari per l'acquisto. E c'era anche il grande regista statunitense James Ivory ieri - con la direttrice delle Gallerie dell'Accademia Paola Marini, un funzionario illuminato come Giulio Manieri Elia e il direttore di Venetian Heritage Toto Bergamo - a salutare l'arrivo dell'opera, visto che è stato testimonial e primo sottoscrittore della campagna di raccolta fondi. Un onore e un piacere per me ha detto anche perché alle Gallerie dell'Accademia ho girato il mio primo film da studente di cinema. "La Speranza" rappresentava l'ultima tavola del ciclo, ancora di proprietà privata. Le Gallerie dell'Accademia avevano firmato con la celebre casa d'aste Christie's - incaricata dagli eredi di Lord Weidenfeld di vendere l'opera tramite trattativa privata - un contratto secondo il quale gli eredi Weidenfeld si impegnavano a vendere il dipinto al museo veneziano per un valore concordato di 470 mila euro (400 mila sterline circa), concedendo 12 mesi per raccogliere i fondi necessari. Ne sono bastati dieci per riportare a Venezia il dipinto. Il ministero dei Beni Culturali ha erogato per l'acquisto un finanziamento di 319 mila euro, mente i restanti 150 mila euro necessari sono stati raccolti da sottoscrittori privati, grazie all'azione dei Comitati.Il ciclo vasariano restò a Palazzo Corner Spinelli fino all'inizio dell'Ottocento, epoca in cui fu smantellato e venduto. Puntiamo ora ad acquisire in deposito dal Museo di Casa Vasari di Arezzo il frammento del "Giuda" del ciclo che era collegato direttamente a quello della Speranza ha detto ieri la direttrice Paola Marini proponendo iniziative di scambio. E l'obiettivo è presentare per la prima volta ricomposto il ciclo vasariano del soffitto di Palazzo Corner Spinelli in occasione della mostra dedicata al giovane Tintoretto che organizzeremo alla fine del prossimo anno per il cinquecentenario della nascita. Perché l'influsso di questo ciclo e della "maniera" vasariana su artisti come Tiziano, Veronese e lo stesso Tintoretto è stato importante, per le innovazioni nelle volumetrie, nel disegno e nello studio dei corpi. Ci sono però altre parti del ciclo, come una delle decorazioni con putti che non si sa più dove siano finite e lanceremo un appello internazionale per scoprire, se da qualche parte esistono ancora. Gli allora giovani Veronese e Tintoretto ammirarono il soffitto "manierista" di casa Corner, riprendendone lo stile nei soffitti da loro dipinti pochi anni dopo per la chiesa e la Sacrestia di San Sebastiano e per la Sala dell'Albergo della Scuola Grande di San Rocco. I riquadri dipinti raffiguravano cinque Virtù con la Carità al centro e Putti con tabelle posti agli angoli. Dopo lo smembramento, è iniziata dal 1987 la "caccia" di Venezia alla ricomposizione del ciclo - avendo ottenuto anche in deposito dall'Accademia milanese di Brera il comparto centrale - con l'acquisizione di "La Pazienza", "La Giustizia" e due Putti, appartenuti alla collezione Di Capua a Roma. Un altro Putto fu acquisito nel 1998, identificato dalla studiosa Luisa Vertova nella fotografia di un interno di un palazzo milanese pubblicato da una rivista di architettura. Nel maggio 2013, poi, la Soprintendenza Speciale per il Polo Museale di Venezia, sempre con il supporto della Fondazione Venetian Heritage, organizzò una raccolta di fondi per l'acquisizione del comparto "La Fede" che si trovava dal 1960 presso la collezione di Lady Kennet a Londra, dalla quale è stato acquistato per 413 mila euro, anche in questo caso con il contributo dei Beni Culturali. Ora con l'arrivo di "La Speranza", il ciclo si chiude, in attesa che anche il "Giuda" - che rappresentava nel comparto proprio il contraltare della speranza, e cioè la disperazione - giunga alle Gallerie dell'Accademia.Già individuata la sala del museo dove il ciclo del soffitto vasariano sarà esposto in permanenza. Da ammirare, come era stato concepito, dal basso verso l'alto. Ma ci vorrà ancora un anno e mezzo circa, perché prima le tele dovranno essere interamente restaurate e dovrà essere creato un nuovo progetto di comparto destinato a ospitarle per ricreare l'effetto-Vasari. Un ritrovamento che conferma anche la nuova vitalità di un museo come le Gallerie dell'Accademia, grazie anche alla nuova direzione.



news

24-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 24 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news