LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La crisi delle biblioteche storiche: politiche sbagliate o declino strutturale?
Walter Canavesio
http://emergenzacultura.org, 12/10/2017

È sotto gli occhi di molti per lo meno di chi ne è coinvolto che le biblioteche umanistiche, in particolare le biblioteche storiche e di storia, ma anche di arte, non godano più dellaura di intoccabilità di un tempo, garantita da istituzioni che credevano alla loro importanza ed alla loro funzione.
E non si tratta soltanto di istituzioni vecchiotte un po messe da parte dagli sviluppi della struttura universitaria attuale, si tratta in alcuni casi di raccolte vive ed attive, o almeno con alto potenziale, come ad esempio la biblioteca del torinese CESMEO (Centro per gli Studi sul Medio ed Estremo Oriente), oppure, caso eclatante e ben noto, della biblioteca della Galleria dArte Moderna di Torino.

Perché questo disinteresse? Perché una rimozione così netta dopo che Torino si è dotata di un Museo di Arti Orientali, invidiato ed apprezzato in tutto il mondo (oggi anche dai torinesi, che faticavano a capirne la necessità), e di una GAM rinnovata e oggi finalmente ben indirizzata tra moderno e contemporaneo? Non esistono solo questi due casi: le piccole e meno piccole città della regione hanno biblioteche sempre più limitate negli acquisti, sempre più indirizzate, se non alla chiusura, a cambiamenti radicali del proprio ruolo, fino ad oggi prioritario, quello di trasmettere conoscenza (mi giungono, ad esempio, da Saluzzo notizie inquietanti di una riduzione radicale della Biblioteca Civica, già ricca e aggiornata, a modesta raccolta di paese).

Dovè il problema, ovvero perché sacrificare proprio i libri, e con essi la lettura? Il tema, ragionando sempre su Torino e il Piemonte, tocca anche la Biblioteca di Storia e Cultura del Piemonte, oggi in forte sottoutilizzo rispetto ad alcuni anni fa, con le raccolte dei periodici chiuse agli abbonamenti e in discussione nel suo stesso destino, strettamente collegato a quello dei due palazzi (Lamarmora e Dal Pozzo della Cisterna) oggi in predicato di dismissione. Gli ingenti valori patrimoniali che ospita, con le sue raccolte, pezzi unici anche per originalità (si pensi ma è solo un esempio agli incunaboli fotografici di Luigi Sacchi, nati assieme allinvenzione della fotografia, ma delicatissimi nella loro natura), sono tutelati dalla legge e si spera, anche in questo caso, in una futura collocazione presso una grande istituzione universitaria che li assorba senza farne perdere lidentità. Ma la presa di distanza dal patrimonio bibliografico ha origini più lente e radicali, e tocca, nel campo umanistico, risvolti di varia natura. Uno è senzaltro il mutato indirizzo degli studi universitari dopo listituzione della laurea triennale, che ha trascinato con sé il significato delle tesi di laurea, riducendole a semplici relazioni. Un altro motivo è implicito nella rivoluzione informatica, e non perché i libri si possano comodamente leggere da casa o sotto il parasole, a queste fandonie, già accampate da autoritari ma non autorevoli personaggi, non crede chi lavora quotidianamente, per un motivo o per laltro, sui libri: leditoria on-line è ben lontana, ancora, dal permettere una autonomia dalle biblioteche. Ma è fuor di dubbio il fatto che è in corso una flessione della cultura dello studio, che porta ad una riduzione della disponibilità di tempo e delladeguata formazione sugli strumenti di lavoro e sul loro uso: la metodologia della ricerca storica, la filologia testuale, la bibliografia. A monte, ancora, cè sempre la scuola, quella secondaria anzitutto, con le sue carenze, ma anche un mondo del lavoro inesistente, soprattutto per gli umanisti. Limpressione è tuttavia che ci siano anche altre ragioni, più specifiche: biblioteche come quella di Palazzo Cisterna, nata in origine come centro di documentazione per lo studio del Risorgimento italiano e degli antichi Stati Sardi, poi divenuta di storia, arte e cultura del Piemonte, vive la crisi di alcuni filoni di studio specifici, dalla storia risorgimentalista alla storia locale, alla letteratura dellOttocento, tutto un campo vastissimo ma di poco fascino oggi per il mondo accademico. Ne ho parlato con amici autorevoli, Adriano Viarengo, Giuseppe Zaccaria, Filippo Morgantini, Albina Malerba: lopinione è ricorrente, questo è senzaltro laspetto più preoccupante, perché radicale (segnalo una sola voce non allineata: quella di Vitale Brovarone). Una crisi che si misura con il crollo della storia quale portato della realtà contemporanea, con la marginalizzazione del passato rispetto alla moderna produttività caotica tipica del Mainstream. Stretti fra un futuro che non osiamo neanche immaginare ed un passato che ufficialmente non serve più, è naturale che si condannino i luoghi dove questo passato permane ma non può essere esibito per far denaro unico vero interesse del presente assoluto ed è altrettanto naturale che non si perda più tempo-vita con lacquisizione di nozioni inutilizzabili e private del pathos che un tempo possedevano. Qualcuno ha pensato di risolvere il problema con aperture a tutti dei magazzini e delle sale auliche delle grandi biblioteche storiche, cadendo nellingenuità di porre in rappresentazione ciò che dovrebbe essere in funzione: nulla di male, per carità (fino al primo furto eventuale) ma non passa di lì una autentica valorizzazione di strutture che, nonostante tutto, rimangono strumenti per la formazione.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news