LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PARIGI. L'Unesco, salvare il mondo senza un soldo in cassa
15 ottobre 2017 LA REPUBBLICA


Nominata venerdì scorso direttore generale dell'Unesco, Audrey Azoulay prende le redini di un'istituzione pesantemente fragilizzata da difficoltà economiche e diplomatiche, soprattutto dopo il ritiro di Stati Uniti e Israele annunciato tre giorni fa. Quarantacinque anni, franco-marocchina di religione ebraica, la Azoulay si è diplomata all'Ena per poi transitare alla Corte dei conti e al Centre national du cinéma, prima di approdare all'Eliseo come consigliera di François Hollande e da lì alla testa del ministero della Cultura. Per i diplomatici con cui avrà adesso a che fare, ha un solo handicap: non essere cresciuta nel vivaio dell'Unesco. Tuttavia, le parole pronunciate appena eletta riflettono bene la filosofia dell'organizzazione: Voglio che l'educazione sia fermento di uguaglianza tra i sessi e punto di riferimento per uno sviluppo sostenibile.

La sua prima missione consisterà nell'evitare ogni pretesto che possa prestarsi alla politicizzazione dell'agenzia Onu. Inoltre, come ha dichiarato la direttrice uscente, la bulgara Irina Bokova, dovrà riunire le forze in campo e trovare nuovi fondi. Infatti, a dispetto dell'elegante edificio che l'ospita, affrescato al suo interno da Picasso e costruito negli anni Cinquanta dai più grandi architetti dell'epoca davanti alla Tour Eiffel, l'Unesco è un'istituzione povera in canna. E ciò anche per via delle sue numerosissime missioni, dalla diffusione della cultura della tolleranza all'aiuto ai malati di Aids nei Paesi più poveri o a quello alle donne vittime di soprusi. Creato all'indomani della Seconda guerra mondiale per garantire la pace con altri mezzi che con le armi, ossia com'è scritto nel suo atto costitutivo con l'educazione, la cultura e le scienze, conta oggi 2000 dipendenti e un budget di 326 milioni che servono a organizzare conferenze ma anche a pagare legioni di esperti e collaboratori per salvaguardare il patrimonio e per mandare avanti i programmi scolastici.

Nel 2011 fu la prima organizzazione Onu a riconoscere la Palestina, provocando la fine dei finanziamenti israeliani e statunitensi (un quarto del totale), con gravi conseguenze sui suoi progetti. La Azoulay farà dunque di tutto per far rientrare Washington e Tel Aviv, anche perché le sfide che deve affrontare sono gigantesche. Tra queste, dovrà, per esempio, combattere il terrorismo con un sistema educativo che funzioni nelle zone di crisi e che non lasci il minimo spiraglio ai predicatori del fondamentalismo. Si tratta d'interventi su larga scala per i quali servono tanti soldi, così come per restaurare il patrimonio archeologico di Palmira distrutto dallo Stato islamico, i mausolei di Tumbuktu devastati anch'essi dalla barbarie fondamentalista o i templi nepalesi crollati durante il terremoto del 2015.

Altrettanto importante è il suo ruolo dell'Unesco nell'identificare, per meglio preservarle, le ricchezze del pianeta, siano esse culturali, storico-artistiche o naturalistiche come le riserve di biosfera di cui ne sono già state catalogate più di 600 in 120 Paesi. La sua lista del patrimonio mondiale conta 1073 "beni", mentre quella dei luoghi a rischio arriva a 54. Tra questi ultimi sono elencate sia le foreste tropicali di Sumatra sia il sito archeologico libico di Leptis Magna sia la valle afgana di Bamiyan. Vasto programma quello che aspetta Audrey Azoulay e bisogna augurarle che altri Stati non seguano l'esempio di Trump e Netanyahu. L'Unesco avrà infatti bisogno dell'aiuto di tutti, perché per garantire la pace di domani il modo migliore è quello di proteggere oggi la nostra cultura.



news

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

17-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 SETTEMBRE 2018

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news