LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Appia Antica ha il piano d'assetto stop ad abusi e autodemolitori
CECILIA GENTILE
11 ottobre 2017 LA REPUBBLICA




IL parco dell'Appia Antica ha finalmente un piano d'assetto, una specie di piano regolatore che fissa regole certe su cosa si può fare o non fare in ogni ambito dei 3.700 ettari del territorio protetto. La giunta regionale lo ha approvato ieri mattina. L'ultimo passaggio sarà il via libera della Pisana.

Ci sono voluti 15 anni. Il piano era pronto dal 2002 - racconta il commissario del parco Mario Tozzi - Ora abbiamo uno strumento urbanistico sovraordinato a tutti gli altri, che ci permetterà di realizzare questioni troppo a lungo rimaste in sospeso. Quello compiuto oggi è un passo decisivo sulla strada della legalità e della trasparenza - commenta il presidente della Regione Nicola Zingaretti - Attraverso la tutela dell'ambiente incentiviamo anche nuove opportunità di sviluppo turistico e sostenibile .

Il primo obiettivo su cui punta il piano d'assetto è il trasferimento di tutte le attività incompatibili con il parco, come gli sfasciacarrozze e i rivenditori di auto. Il Comune deve accelerare l'iter di delocalizzazione con l'individuazione certa delle aree - spiega Tozzi - In questo modo potremo riqualificare 51 ettari di territorio degradato. Le norme certe del piano d'assetto permetteranno di intervenire con più fermezza contro lo scempio degli abusi edilizi. Pratiche rimaste in sospeso potranno essere finalmente chiuse - conferma Tozzi -Si potranno rimandare al mittente tutte le richieste di sanatoria avanzate nel 1985 e nel 1994 e procedere rapidamente per quelle del condono del 2003.

Altri nodi da sciogliere: l'apertura al pubblico delle aree private, che costituiscono complessivamente il 70% del parco. L'ente potrà istituire accordi con i proprietari per l'istituzione di servitù di passaggio e procedere poi alla realizzazione di sentieri per camminatori e ciclisti. E visto che il parco oltre che protetto va anche valorizzato, il piano d'assetto intende incentivare le attività agricole tradizionali promuovendo le produzioni biologiche, proponendole sul mercato con il marchio dell'Appia Antica. Rilancio dell'agricoltura che passerà anche attraverso il recupero di antichi casali per realizzare strutture ricettive leggere, come punti sosta e ristoro. Fondamentale anche affrontare il nodo della mobilità sostenibile. La stazione di Torricola, davanti alla Villa dei Quintili, dista appena sette minuti da Termini, dal cuore di Roma. Per questo bisogna riattivarla e sfruttarla al meglio, così come Capannelle e Santa Maria delle Mole, aggiunge il commissario Tozzi.

Ora bisognerà vedere come conviveranno i due parchi dell'Appia Antica, quello regionale e quello archeologico istituito dalla riforma Franceschini.





news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news