LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

E sull'Appia Antica spuntano due case nel centro sportivo
12 Ottobre 2017 LA REPUBBLICA




IL CASO/ L'IMPIANTO DAGLI ANNI 80 SI ALLARGA ILLEGALMENTE

NEL VI secolo dopo Cristo qui i barbari preparavano l'assedio a Roma. Oggi la storia si ripete: dove si accampavano le milizie del re ostrogoto Vitige, ora si consuma ogni giorno uno dei maggiori abusi che puntellano il parco dell'Appia Antica. Stretto tra gli acquedotti Felice e Claudio, il centro sportivo La Torre si staglia con disinvoltura tra le volte delle antiche condutture romane. Dalla metà degli anni '80, violando a ripetizione i vincoli apposti sull'area da Mibact, Regione e Comune, l'impianto non ha mai smesso di espandersi. Tra richieste di condoni mai accolte, ricorsi al Tar e indagini della procura con relative sentenze di condanna, i titolari hanno trasformato il civico 459 di vicolo dell'Acquedotto Felice nella loro dimora. Accanto alla piscina, ai campi da tennis e a quelli da calcetto sono sorte dal nulla due abitazioni.

Per ricostruire la storia dell'impianto, bisogna affidarsi alle carte. I report inviati dalla Soprintendenza per i Beni archeologici di Roma all'avvocatura capitolina sin dal 2007 sono durissimi: "La struttura è costruita in assenza di titolo". La lettera è accompagnata da un elenco di tutti gli abusi rilevati nel corso di ispezioni a sorpresa: "Tre unità distinte si legge nella missiva e separate con funzione rispettivamente di bar, spogliatoio, direzione, magazzino, centrale termica e impianti, poste a ridosso delle arcate monumentali dell'acquedotto Marcio Felice". Per il ministero sono "funzionali al centro sportivo di proprietà del ricorrente, anch'esso realizzato in assenza di titolo, composto da campi da tennis, di calcetto, una piscina e un parcheggio a raso posto a ridosso dell'acquedotto".

Anche la procura si è interessata al centro La Torre. Ad aprile 2016 i titolari dell'impianto, Mario e Antonella Fusco, sono stati condannati per abuso edilizio: per aver costruito in un'area sottoposta a vincolo paesaggistico e per la violazione dei sigilli per aver completato i lavori nelle due case tirate su all'interno dell'impianto sportivo. Due immobili in realtà sotto sequestro.

E non è finita qui. Se il Campidoglio non ha potuto ancora occuparsi degli abusi, deve ringraziare la giustizia amministrativa. Quando il Comune ha rigettato la richiesta di condono dei Fusco, è partito il ricorso al Tar. Che, in un tira e molla che comprende cambi di avvocati e lunghi mesi di attesa, non è ancora arrivato a sentenza. Nel frattempo, il centro La Torre è sempre al suo posto. Sul campo dei barbari. (l.d'a. e g.s.)




news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news