LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - "La manutenzione c'è ma lo Stato destina ai beni culturali solo l'1% del suo bilancio"
MARIA CRISTINA CARRATÙ
21 ottobre 2017 LA REPUBBLICA



"Sulla base dell'esperienza storica, quel che è accaduto a Santa Croce sembra inspiegabile. Ma forse non lo è del tutto, e chissà che non abbia a che fare col miserrimo 1% del suo bilancio destinato dallo Stato ai beni culturali... ". L'architetto Francesco Gurrieri è uno dei protagonisti del dibattito internazionale sulla conservazione dei beni culturali, docente di restauro dei monumenti alla facoltà di Architettura nonché, con speculare coerenza, esperto di crolli', e autore di La città a pezzi/ Pezzi di città (Polistampa), compendio (tratto dai quaderni del Dipartimento di restauro dell'Università) di tutti i distacchi lapidei avvenuti a Firenze fra il 1977 e il 2009.

Professore, può fare almeno qualche ipotesi sulle cause del distacco di due giorni fa?

"Per quanto ne so, la manutenzione di queste grandi opere da parte delle rispettive amministrazioni è sempre molto accurata. Ho semmai l'impressione che possa trattarsi di un problema strutturale, e cioè della mancanza di mezzi adeguati per la manutenzione di tutti i monumenti".

Si spieghi meglio.

"Intanto va detto che il caso di Santa Croce è davvero singolare. Tutti i distacchi di materiali documentati a Firenze hanno sempre riguardato l'esterno degli edifici storici, mai l'interno. Quasi ogni anno cadono frammenti da Palazzo Vecchio e da Palazzo Strozzi, Palazzo Pitti non ha una sola bozza di pietra integra, Palazzo Medici Riccardi ha perso pezzi più di una volta, così come Palazzo degli Uguccioni, la chiesa di San Gaetano, e via dicendo. Gli interni invece non hanno mai subito danni del genere, il che si spiega col fatto che mentre fuori il materiale lapideo è soggetto a forti sbalzi termici, all'interno la massa d'aria dei grandi volumi ammortizza gli sbalzi riducendo al minimo l'impatto sulle superfici".

A Santa Croce si è staccato un pezzo di un peduccio', sorta di capitello che sostiene una trave, questo le dice nulla?

"I capitelli sono sempre ricavati da un unico blocco di pietra, mai composti da parti, e dunque non si capisce come possa essersene staccato un pezzo. Solo dopo aver raccolto e studiato i frammenti, valutato i carichi, e compiuto indagini petrografiche del materiale, si potrà capire qualcosa. Al momento, si può solo ipotizzare un collasso dovuto alla natura intrinseca della pietra forte, composta da piani di calcite geologicamente predisposti allo scivolamento l'uno sull'altro. Di solito questo materiale sfida i secoli, ma può anche darsi che proprio adesso, e proprio lì, qualcosa abbia ceduto".

In tal caso si tratterebbe di fatalità?

"Solo fino a un certo punto. Non so da quanto tempo noi restauratori invochiamo un serio impegno pubblico nella ricerca applicata ai materiali da costruzione. Con qualche risultato: l'avvicinamento delle scienze applicate ai beni culturali ha prodotto, per esempio, specifici corsi di formazione, di cui Firenze è all'avanguardia con il Centro interfacoltà dell'Università, dove per la prima volta competenze storico artistiche e tecnico scientifico lavorano sia allo studio dei materiali che alla messa a punto di strumenti per la diagnosi e la conservazione. E però non basta".

Vale a dire?

"Il problema è che non si è mai investito come si sarebbe dovuto sulla realizzazione di strumenti di diagnosi facilmente utilizzabili durante i sopralluoghi e le manutenzioni, in particolare per gli esami penetrometrici, che rilevano eventuali fessurazioni o cavità occulte delle masse murarie. Su strumenti, cioè, di dimensioni ridotte e maneggevoli, al contrario di quelli di laboratorio, da portare anche in altezza, dentro e fuori i grandi edifici, e non troppo costosi. In assenza di tutto ciò, i controlli si fanno ancora alla vecchia maniera, battendo leggermente la pietra e valutando la risposta' del materiale. Il personale addetto è di solito preparatissimo, ma è ovvio che uno strumento elettronico abbatterebbe ogni margine di errore. E' per questo che dico che se il bilancio dello Stato per i beni culturali non fosse dell'1%, forse questi crolli drammatici non ci sarebbero".



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news