LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Addio museo a Quisisana, il Comune non ci dà i locali
ANTONIO FERRARA
17 ottobre 2017 LA REPUBBLICA


CASTELLAMMARE DI STABIA. LA DENUNCIA DI MASSIMO OSANNA, DIRETTORE DEL PARCO ARCHEOLOGICO DI POMPEI


LA CONVENZIONE doveva essere firmata da un anno: il Palazzo Reale di Quisisana doveva essere affidato al Parco archeologico di Pompei per aprire (finalmente) il Museo dell'antica Stabiae e una scuola di formazione in beni culturali. Ma fino a ora nessuna risposta è venuta dal Comune di Castellammare di Stabia, proprietario della reggia. Tanto che il Parco archeologico di Pompei dice addio al museo a Quisisana, allontanando la possibilità di aprire a Castellammare di Stabia anche la scuola.

Stabiae e il suo territorio meritano un museo e una scuola di specializzazione di alto livello dichiara il direttore generale del Parco archeologico di Pompei, Massimo Osanna - e la direzione del Parco archeologico, con il pieno sostegno del ministero dei beni e delle attività culturali, si è mossa da tempo in questa direzione per definire un accordo con il Comune di Castellammare di Stabia, individuando nella Reggia del Quisisana una location di prestigio per i tanti reperti stabiani, oltre che logisticamente opportuna. Devo, tuttavia, constatare con delusione che a oggi aggiunge Osanna - nonostante i nostri continui solleciti, non si è ancora giunti alla firma della convenzione da tempo programmata .

Di qui lo stop al progetto - inseguito da anni - di trasformare l'ex residenza borbonica in museo per esporre gli straordinari affreschi romani provenienti dalle ville di Stabiae e la collezione dell'Antiquarium stabiano, chiuso dal 1997. Un progetto per il quale Osanna ha previsto un impegno di due milioni di euro, ma che per il terzo anno consecutivo rischia di saltare. Ma non è solo il progetto di valorizzazione dei reperti dell'antica Stabiae che va in fumo, ma anche la scelta - condivisa dal ministro Dario Franceschini - di portare nelle stanze del Quisisana studenti da tutto il mondo per formarsi in beni culturali e turismo.

E se la Reggia di Quisisana resterà vuota, rischia di impantanarsi definitivamente anche il rilancio del sito archeologico di Stabiae, con le due ville di Arianna e di San Marco aperte al pubblico, e una gran parte di città antica ancora da scavare.

Anche qui Osanna usa parole dure contro il Comune stabiese: Per la collina di Varano non ci sono stati, nonostante i nostri appelli, segnali di seri di interventi a favore della lotta all'abusivismo e del recupero del territorio su cui insistono le aree archeologiche. La nostra volontà - denuncia Osanna - nel voler restituire dignità al ricco patrimonio archeologico di Stabiae, per quanto forte, incontra dei limiti che vanno oltre la nostra gestione. E purtroppo senza una sinergia consapevole tra le forze del territorio, che in altre situazioni hanno risposto in maniera proficua, non si può raggiungere alcun obiettivo concreto di rilancio.





news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news