LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Smog e materiali corrosi in città è rischio crolli
di Alberto Vitucci
21 ottobre 2017 LA NUOVA VENEZIA




Monumenti che vanno in pezzi. L'usura del tempo e le criticità dei materiali antichi, la manutenzione non sempre puntuale della pietra e dei mattoni, i fondi sempre più scarsi a disposizione. Il crollo del pezzo di marmo nella chiesa di Santa Croce a Firenze che ha colpito e ucciso un turista riapre il dibattito sul tema. A Venezia la concentrazione di monumenti antichi non è certo inferiore a quella di Firenze. Pietre che possono avere anche cinque o sei secoli di età. Due casi hanno risollevato l'attenzione su questo aspetto negli ultimi anni. Il crollo di un barbacan, un sostegno in pietra in Merceria che uccise il gioielliere Carlo Carraro, nel 1992. Il distacco di una pietra di trenta chili dalla facciata del palazzo Ducale verso il Molo, nell'estate del 2007. Allora solo un ferito dalle schegge, un turista tedesco. Inchiesta e sopralluoghi, ispezioni sulle facciate di palazzo Ducale. Come fare a garantire la sicurezza dei monumenti nelle città d'arte?La sicurezza assoluta è una pura illusione, spiega Mario Piana, architetto e docente Iuav, per decenni responsabile tecnico della Soprintendenza veneziana, si fa quel che si può, si controlla, Ma il rischio esiste sempre.Chi controlla lo stato di salute dei monumenti?La Soprintendenza. Ma il discorso è molto complesso. Nel caso di edifici privati dovrebbero farlo i proprietari, così per gli edifici demaniali.Un'impalcatura da tirar su ogni volta per controllare?Chiaro che è difficile.I fondi sono troppo pochi per la manutenzione.Verissimo. Ma anche una manutenzione capillare sanerebbe alcune emergenze, ma non metterebbe al riparo dal rischio. Ricordiamo che la pietra caduta dal palazzo Ducale era appena stata restaurata da specialisti. È praticamente impossibile ispezionare tutte le pietre della città.Quanti sono gli edifici antichi da controllare?Gli edifici notificati della città sono circa 1.800. E il guaio è che sono di proprietà diverse.Come si fa allora a intervenire?Per le situazioni critiche si deve almeno poter verificare la situazione. Nel caso recente del campanile di San Giorgio ci siamo accorti che erano venuti giù frammenti della foglia in rame dell'angelo. Due-tre centimetri quadrati. Segno di un possibile cedimento. Abbiamo mandato sul campanile la squadra specializzata su corda doppia e hanno verificato. Ma non si può fare sempre.Venezia ha una situazione particolarmente critica rispetto ad altre realtà?Alla precarietà dei materiali antichi si aggiunge l'effetto dell'inquinamento. Le condizioni delle pietre sono aggravate dalle sostanze chimiche che in qualche caso sciolgono i marmi o accelerano i processi di invecchiamento.A questo si può ovviare con la pulizia dei marmi, oltre che con la riduzione delle sostanze inquinanti?Non è solo un problema di pulizia. Le croste nere sulla pietra d'Istria indicano una situazione di degrado. Che può precipitare e provocare microcrolli.È una questione che riguarda le città d'arte?Sì, ma è dovuta all'evoluzione. Alle trasformazioni che avvengono nei secoli nei materiali. Ripeto, a Venezia aggravate dall'inquinamento dell'aria. Ma succede anche per le montagne. Le rocce a un certo punto collassano e crollano. Nelle nostre Dolomiti è successo spesso ultimamente.Dunque non è possibile fare prevenzione?Qualcosa si può fare, e si cerca di farlo al meglio. Restauri dove è possibile, controlli dove si può e i materiali sono in vista. Un appello ai proprietari a segnalare le criticità che dovessero riscontrare. Ma con questo non ridurremo il rischio. La caduta di una pietra dall'alto è sempre possibile. La fatalità può succedere. Non credo che i frati di Santa Croce abbiano in questo responsabilità alcuna.




news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news