LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La guerra delle mense coinvolge il Redentore stop al centro cottura
FRANCESCA RUSSI
24 ottobre 2017 LA REPUBBLICA



STOP ai lavori di realizzazione di un centro cottura all'interno dell'istituto Redentore di Bari. Almeno per ora. È stato l'ufficio di vigilanza e polizia edilizia del Comune di Bari a disporre la sospensione, per una serie di incompletezze, degli interventi avviati dalla ditta Ep di Napoli nei locali dei Salesiani in via Martiri d'Otranto al quartiere Libertà. L'azienda di ristorazione campana aveva depositato la comunicazione di inizio lavori il 27 luglio scorso dopo aver chiuso un accordo economico con i Salesiani: la Ep, dietro un regolare contratto di locazione degli immobili interni in cui allestire un centro di produzione e confezionamento pasti, si era impegnata con l'istituto religioso a realizzare una mensa per i poveri e una scuola di formazione per cuochi.

Noi abbiamo solo chiesto di avere una mensa per i poveri e locali attrezzati con cucine per implementare azioni formative e occupazionali per i ragazzi del quartiere spiega don Francesco Preite così ci siamo aperti ai privati; la nostra, del resto, è una chiesa che non sta rinchiusa nella muffa, ma che si apre. Privati che, chiaramente, hanno il loro business nel mondo della ristorazione e hanno visto in questa operazione l'opportunità per realizzare un centro cottura con capacità produttiva superiore ai 6mila pasti. A loro spese e sotto la loro responsabilità precisa l'avvocato Michele Laforgia che segue l'istituto Redentore.

Il problema, però, è nato con la pubblicazione della gara triennale da 10,8 milioni di euro per le mense scolastiche del Comune di Bari. A presentare domanda di partecipazione, oltre alla ditta Ladisa che gestisce attualmente il servizio, è stata anche la Ep. L'azienda napoletana, che non dispone al momento di una struttura produttiva in città, si è avvalsa dell'opzione (prevista dal bando) di attestare l'impegno all'allestimento e all'attivazione del centro produzione e confezionamento pasti. Impegno preso proprio con i lavori all'interno del Redentore.

Sono partiti, però, esposti e segnalazioni da parte della concorrenza. E il Comune di Bari ha avviato le verifiche sulla legittimità delle attività edilizie in corso. Riscontrando senz'altro incompletezze, che hanno portato allo stop dei lavori. Ma indicando anche come la trasformazione della destinazione dell'immobile prevista dalla Ep spa non solo è urbanisticamente rilevante, ma appare di difficile attuazione in quanto in contrasto con la destinazione urbanistica di "servizio" per "attrezzatura scolastica" ad un uso "produttivo" di "preparazione pasti per grandi collettività". Insomma, per realizzare un centro cottura industriale per utenze esterne a quelle del Redentore concludono dalla ripartizione Urbanistica occorrerebbe una variante. Così la guerra delle mense, che per ora ha portato alla sospensione dei lavori nel Redentore, rischia di frenare o quanto meno rallentare l'aggiudicazione dell'appalto. Un pasticcio che è ora nelle mani del Comune di Bari.

Dal canto suo, invece, don Francesco assicura massima attenzione sul caso. I lavori devono essere fatti a norma e vigileremo affinché tutto sia in regola.

Del caso, trattandosi di un edificio sottoposto a tutela, è stata interessata anche la Sovrintendenza per i beni e le attività culturali di Bari.





news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news