LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO-Può il Museo Egizio di Torino diventare una palestra per pilates?
Teodoro De Giorgio
http://www.huffingtonpost.it/teodoro-de-giorgio/puo-il-museo-egizio-di-torino-diventare-una-palestra

Era il 3 marzo 2014 quando il complesso museale del Santa Maria della Scala di Siena, antico ospedale di origine medievale, veniva trasformato in palestra in cui saltare liberamente e ballare la zumba al ritmo di musica disco tra affreschi, pale d'altare, dipinti e statue, col plauso - per giunta - delle pubbliche istituzioni. Lo spettacolo, come dimostrano ancora oggi i video che documentarono quell'iniziativa, fu altamente indecoroso, non solo perché venne compiuto in spregio dell'identità civica, religiosa e culturale di una città e di un popolo, quello senese, ma quel che è peggio perché venne profanato un luogo ancora oggi intriso di sofferenza, come rivelano gli affreschi che mostrano la cura dei poveri e degli infermi. A distanza di tre anni, la storia si ripete in uno dei più importanti musei del mondo dedicati alla civiltà egizia: il Museo Egizio di Torino. Il 24 ottobre scorso la Galleria dei Re è stata adibita a palestra in cui praticare, in tenuta rigorosamente ginnica, stretching, pilates e l'immancabile zumba. Gente di tutte le età - come dimostra questo video - ha saltato, ballato, sudato e si è dissetata a ridosso delle millenarie sculture, circolando a piedi scalzi e appoggiando borse, indumenti e asciugamani umidi ovunque. Questo indegno spettacolo, associato all'assenza di adeguata sorveglianza e di misure a protezione delle opere d'arte, ha inevitabilmente prodotto l'alterazione del microclima interno alla struttura: le immissioni, infatti, di quantitativi elevati di umidità, generata dal sudore umano, di particellati inquinanti e di materiali organici, che tendono a depositarsi sulle superfici scultoree e a favorire la proliferazione di microrganismi, alterano i parametri microclimatici ideali per la conservazione delle opere. L'umidità, com'è noto, se non monitorata a dovere produce reazioni chimiche deteriogene, che accelerano il degrado delle superfici e determinano l'instabilità dei supporti. Per queste ragioni, il mantenimento all'interno dei musei e degli edifici storici di un microclima ottimale è condizione indispensabile (e imprescindibile) per garantire la sopravvivenza del patrimonio culturale. Condizione che non può essere trascurata neppure per il breve arco di una serata.

Ora, non ci vorrebbe uno storico dell'arte per comprendere quanto queste iniziative siano per loro natura fuori luogo in un museo, che non è un contenitore di manifestazioni o di attività sportive a corpo libero ma un luogo che acquisisce, conserva ed espone le opere d'arte al fine di produrre e di favorire la conoscenza. Finalità che, a giudicare da questa tipologia di eventi, negli ultimi tempi non sembra essere tra le priorità istituzionali dei musei italiani, compresi quelli ecclesiastici, come nel caso - nientemeno - del Museo Diocesano di Milano che nella sala secolare dell'Arciconfraternita del Santissimo Sacramento organizza, e promuove anche sul proprio sito web ufficiale, corsi di pilates circondati dai dipinti sei-settecenteschi dedicati ai miracoli operati dall'Eucaristia e destinati a essere esposti in Duomo in occasione della solennità del Corpus Domini.

E se il Codice dei Beni culturali è fermo nel sostenere che i beni culturali non possono essere adibiti a usi incompatibili col loro carattere storico o artistico o che siano pregiudizievoli per la loro conservazione (articolo 170) resta da appurare quali ragioni abbiano spinto la direzione del Museo torinese a dare il via libera a questa sconsiderata iniziativa e, soprattutto, se la locale Soprintendenza sia stata preventivamente informata e se abbia rilasciato parere positivo.

I musei convertiti in palestre in cui tonificare i muscoli "circondati da un'atmosfera suggestiva" (cit.) rappresentano l'ennesimo capitolo di una crisi culturale volta a spersonalizzare i luoghi della cultura, a privarli delle loro reali funzioni educative e a trasformarli da monumenti della civiltà in monumenti dell'inciviltà.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news