LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CANOSSA-Dagli scavi emerge la scalinata del perdono Ecco il borgo sconosciuto
VALERIO VARESI
Repubblica, 03/11/2017

Tra i rovi, le roverelle e i carpini spunta una piccola città finora sconosciuta. Canossa, rupe fragile tra i calanchi dellAppennino reggiano, non era solo un castello, ma un importante centro politico amministrativo dove sincontravano il papa e limperatore, labate di Cluny e i dignitari di corte di mezza Europa e dove, nel famoso pellegrinaggio di Enrico IV in ginocchio da Gregorio VII dopo la scomunica, manda il primo vagito lo Stato laico del Vecchio continente.
A sostituire lidea della rupe solitaria con quella di una piccola città protagonista del travagliato e aspro undicesimo secolo sono gli scavi archeologici iniziati attorno al castello da parte di una équipe di studiosi delle università di Bologna e Verona dintesa con il Club alpino italiano, la Soprintendenza archeologica di Bologna, Reggio Emilia, Modena e Ferrara nonché di due sezioni reggiane dei Lions che hanno partecipato al finanziamento della ricerca.
Già dalla prima fase di unindagine che durerà anni, sono apparsi risultati sorprendenti. Per prima è apparsa la cinta muraria esterna di quello che doveva essere il borgo attorno al castello, molto più ampia rispetto a ciò che finora si supponeva. Quindi sono affiorati i basamenti murari di parecchie case e le tracce di vie di collegamento e persino la scalinata che Enrico IV avrebbe percorso per chiedere il perdono al Papa.
In alcuni casi sono ancora ben evidenti le nicchie scavate nellarenaria che costituivano linterno delle spartane abitazioni dellAlto Medioevo. In altri i fori lungo le murature di sasso vivo dove venivano infilate le travi del tetto e le scanalature per lo smaltimento delle acque piovane. Nel lato a est del castello sono spuntate le fondamenta di una torre che sicuramente rappresentava laccesso al borgo e quindi al castello. Non si sa ancora se si tratta di un ingresso secondario o di una porta importante, ma nulla vieta che con la fantasia si possa immaginare che limperatore di Germania Enrico IV sia passato da lì in quel nevoso e gelido inverno del 1077.
Quello che è certo spiega Paola Galetti, medievalista delluniversità di Bologna è che qui attorno cera un borgo molto popoloso: abbiamo trovato tracce di almeno 40 abitazioni e se supponiamo almeno cinque persone per casa, possiamo considerare un buon numero di abitanti. A ciò si aggiungano i dignitari della corte di Matilde e della famiglia dei da Canossa imparentata con mezza Europa, il seguito del papa, i soggiorni della nobiltà europea e degli abati. Insomma conclude Galetti si possono ipotizzare strutture di accoglienza, personale addetto al vettovagliamento, servitù, guardie e un buon numero di religiosi benedettini vista la presenza di un monastero . Quello che si prefiggono gli archeologi coordinati da Nicola Mancassola delluniversità di Verona, è di ricostruire per intero la topografia di Canossa anche con lausilio di un sistema laser-scanner e dei rilievi fotogrammetrici dallalto. Alla fine ne uscirà un modello virtuale di quella che adesso appare come una piccola città, in parte franata nel 400, nelle fasi storiche successive. Oggi questo luogo è un mosaico scompaginato: sulle sue diverse parti ci sono ancora incognite riguardo la datazione e non solo per quel che riguarda lemersione del borgo attorno alla rupe continua Galetti. Accanto allindagine archeologica e topografica, i ricercatori stanno catalogando ed esaminando anche i circa duemila reperti che sono stati raccolti nel tempo e che giacevano nel buio di un deposito. Una mole di testimonianze che vanno dal periodo della famiglia canossiana fino al soggiorno di Ludovico Ariosto per conto degli estensi di Ferrara. Unanalisi parallela che riguarda la vita quotidiana di queste epoche e gli eventi drammatici che hanno visto Canossa e il suo castello protagonisti di assedi. Sono spuntate le stoviglie usate probabilmente da Matilde e papa Gregorio VII, pentole in ceramica ancora rudimentali, cucchiai e coltelli di materiale ferroso povero. Ma anche, attorno agli anni del soggiorno ariosteo (1502), piatti in ceramica decorata sui quali ha forse consumato i pasti il poeta dellOrlando furioso. Tra i tanti reperti anche un saggio dellevoluzione dellartiglieria a partire dallassedio dei comuni di Reggio e Parma ai da Canossa nel 1412 e da quello di Ottavio Farnese, alleato del re di Spagna, contro la fortificazione estense nel 1575. Il primo uso delle bombarde si nota nelle palle di pietra sparate dalle antenate dei mortai. Ma ci sono anche palle dei più moderni cannoni dei Farnese costruite in metallo e molto più efficaci.
Un giacimento di storia, quindi, che le università protagoniste della ricerca candidano al premio Riccardo Francovich che ogni anno laurea il sito archeologico più importante dItalia.



news

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

20-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 febbraio 2018

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news