LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piazza Mercanti cura d'urto per il rischio crolli dalle facciate
FEDERICA VENNI
04 novembre 2017 la Repubblica



PIÙ di un milione di euro per evitare che il Palazzo della Ragione cada a pezzi e per scongiurare incidenti. Dopo una prima tranche di lavori sul tetto, iniziati lo scorso febbraio in seguito a numerose cadute di calcinacci, conclusi e costati 830mila euro, oggi parte la fase due sulle facciate, con una spesa prevista di 450mila euro. Perché con i ponteggi allestiti nove mesi fa, si è scoperto che non erano solo le coperture a perdere pezzi, ma anche i muri.
Resta al palo, invece, per mancanza di finanziamenti, il progetto approvato nel 2015 dalla giunta Pisapia che voleva avviare un grande restauro. Un piano per cui, per un primo lotto di interventi, il Comune aveva stanziato un milione di euro ma che la giunta Sala ha deciso di congelare in attesa di trovare i fondi per coprire un cantiere da aprire e chiudere in un'unica soluzione. Una spesa allora stimata in circa otto milioni di euro. In attesa di metterla a bilancio o di trovare eventuali finanziatori, si procede perciò con le opere più urgenti. Conclusa la prima fase che ha riguardato la copertura, il sottogronda e la fascia marcapiano (la riga di mattoni che segna la divisione tra un piano e l'altro) si inizia con la facciata: in questa fase gli operai lavoreranno sugli intonaci e sugli elementi ornamentali, perché il sistema di fissaggio non tiene più. Ad accorgersene è stato proprio chi stava già lavorando sul tetto. Le infiltrazioni, negli anni, dovute al deterioramento della gronda hanno intaccato anche le facciate e da qui l'urgenza di un restauro di tutto il palazzo. Dopo i crolli più significativi avvenuti nel 2013 e nel 2016, lo spazio della Loggia e del Palazzo sono stati transennati, con il divieto di utilizzo dell'immobile. L'urgenza non solo di evitare incidenti, ma anche di riportare l'edificio alle sue funzioni, sta accelerando i lavori, definiti dalla giunta in accordo con la soprintendenza ai Beni architettonici: Grazie al ponteggio e al cantiere aperto per il tetto spiega l'assessore ai Lavori pubblici Gabriele Rabaiotti ci siamo resi conto della necessità di un intervento urgente sugli intonaci del piano più elevato e di alcune parti ornamentali delle trifore. Il cantiere dovrà durare cinque mesi. Per quanto riguarda invece il grande progetto di restauro pianificato in era Pisapia, non ci sono ancora né i tempi né i fondi: Restano da progettare e quindi appaltare precisa Rabaiotti il restauro delle grandi finestre ellittiche e l'adeguamento interno del Palazzo, lavori per i quali servirà uno stanziamento dedicato all'interno del bilancio comunale. Non escludiamo di procedere con un bando per la sponsorizzazione .
Un po' di storia: la costruzione del Palazzo della Ragione, luogo deputato alle assemblee cittadine e alle ordinanze comunali, risale al 1228. Dal 1771 al 1961 ha ospitato l'Archivio notarile, mentre tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta è stato restaurato e da allora è diventato uno spazio espositivo, destinato ad ospitare importanti mostre fotografiche. L'ultimo intervento in ordine cronologico, esclusi quelli partiti quest'anno, è del 2014, con la verifica della stabilità degli intonaci.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news