LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA-Turismo: i tesori nascosti del castello di Adrano
Salvo Fallica
Repubblica, 11/11/2017

Visitare il castello di Adrano vuol dire fare un viaggio all'indietro nel tempo che non si ferma al secolo XI, quando venne edificato il maniero normanno. L'itinerario storico-culturale ci porta temporalmente molto più lontano. E questo è possibile perché all'interno della struttura normanna vi è un Museo regionale che è ricco di tesori archeologici. Un museo diretto da Nello Caruso, architetto ed esperto di beni culturali e di storia.
Nei diversi piani del castello vi sono reperti archeologici che ci raccontano una storia plurimillenaria. Utensili, porzioni di vasi, strumenti in selce ed ossidania che risalgono al VII-V millennio a.C. (e che potete osservare nella nostra fotogallery), stiamo parlando di una fase della presenza dell'umanità che risale ad oltre 8 mila anni fa. Ovvero, siamo alle origini della civiltà in Sicilia che non a caso ebbe un suo significativo sviluppo nella fertile Valle del Simeto della quale i territori di Adrano fanno parte. Nel museo vi sono anche parecchi reperti archeologici della metà del II millenno a.C. che testimoniano l'evoluzione nella creazione di anfore, coppe ed altri oggetti da parte degli abitanti locali. Ed il ritrovamento di villaggi in molti dei territori vicini al fiume Simeto mostra come vi fosse una progressiva crescita civile nel corso dei millenni.
Non a caso questi luoghi divennero centrali nel periodo greco ed in quello romano, le vere origini storiche del mondo che viviamo. Splendido lo spazio dedicato alla ceramica attica. Afferma la studiosa locale Chiara Longo: Attraverso la ricostruzione della civiltà millenaria dei luoghi simetini possiamo meglio capire la storia dell'intera Sicilia.
E' il periodo greco a rappresentare una delle vette culturali della storia di questi territori e dunque del museo adranita, dove vi sono anche altri reperti preziosi sul piano storico-culturale ed esteticamente pregevoli (si pensi al busto fittile femminile raffigurante Persefone) ed i significativi utensili ritrovati sempre nei luoghi della valle del Simeto dalla grattugia di bronzo alla lucerna, che risalgono alla fine del V secolo a.C. - inizi del IV. Molto interessante la visione di un elmo in bronzo di tipo calcidese. E non potevano mancare reperti dell'antica città sicula del Mendolito, capitelli e colonne in pietra lavica. Il sito di Mendolito si trova a circa 8 chilometri da Adrano, vicino al fiume Simeto.
In questo luogo sono state trovate delle scritture anelleniche (non greche) segno di una civiltà indigena culturalmente autonoma ed avanzata. Nel castello vi sono anche reperti di epoca romana. E vi è uno spazio all'ultimo piano dedicato all'arte moderna. Una riflessione specifica merita il castello normanno, che così come quello di Paternò ha delle notevoli similitudini con i dongioni normanni in terra francese ed i castelli medievali dell'Inghilterra meridionale. Sono ancora più originali per l'uso della pietra lavica. E non solo. Spiega il direttore del Museo Nello Caruso: In età normanna (XI e XII sec.) i dongioni hanno avuto un duplice compito: di controllo del territorio conquistato ma anche di elemento di coesione sociale, diversamente dal periodo svevo in cui, come scrive Cardini, 'Il castello federiciano è un fattore di controllo centralistico, chiamato a egemonizzare un territorio ma proprio per questo a restarne estraneo'. Caruso aggiunge: Il dongione di Adrano è formato da due organismi a loro modo distinti: luno riferito alla struttura prettamente normanna dellXI secolo, possente parallelepipedo di pianta rettangolare, laltro da una cinta bastionata - con rinforzo di torri angolari - che circonda il dongione, da considerare come il risultato di addizioni realizzate a partire dalla seconda metà del XV secolo. Da ammirare anche la cappella di epoca medievale situata al secondo piano del castello con la parte absidata che è stata ricavata nello spessore murario della parete di levante. Caruso chiosa: Essa è riccamente ornata da costoloni modanati a crociera, posti su pilastri a sezione semicircolare, da capitelli e da chiave scultoria agli incroci. Questi elementi definiscono uno spazio che rimanda allarchitettura sveva, per cui sono da ritenere sicuramente frutto di addizioni posteriori. La nicchia presenta una finestra-feritoia orientata 'ad solem orientem' e un sovrastante catino con la rappresentazione del Cristo Pantocrator. Suggestiva è anche la visione delle mura di ronda al piano superiore, luogo essenziale per i soldati per controllare il territorio.



news

18-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 18 febbraio 2018

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

Archivio news