LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Mibact, i ritardi del concorsone 70 assunzioni su 800 previste
Francesco Erbani
http://emergenzacultura.org, 10/11/2017

A un anno e mezzo dalla prova architetti, archivisti e altri esperti restano (per adesso) a casa. E a risentirne è il sistema della tutela



Viene presentato come il punto di svolta nella tutela dei beni culturali in Italia. Un punto di svolta atteso da troppi anni, che il ministro Dario Franceschini esibisce come un vano della propria gestione. Ma il concorso er assumere 5000 nuovi funzionari nelle esangui soprintendenze, in archivi e biblioteche ridotti a lumicino stenta a dare i suoi frutti. Bandito nel maggio 2016, avrebbe dovuto produrre effetti giù alla fine di quellanno. Nel frattempo il ministro è riuscito a portare da 500 a 800 i nuovi innesti. E spera di arrivare a quota 1000 con la nuova legge di stabilità. Ma anche il 2017 è avviato a chiudersi e appena un settantina sono le assunzioni realmente effettuate: una cinquantina id bibliotecari e una ventina di antropologi.Languono invece tutti gli altri, architetti, storici dellarte, archeologi e archivisti.
Le prove si sono svolte e le commissioni si sono pronunciate. I vincitori sono stati proclamati le graduatorie sono state fissate e pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale Accanto ai vincitori compaiono gli idonei. Però qualcosa si è inceppato. Trascorrono le settimane, i mesi e, nonostante le sollecitazioni di chi ha superato la prova e attende limmissione in ruolo, nulla accade. Nè si capisce con certezza dove siano gli intoppi.
E la prima volta, si sottolinea al ministero, che si bandisce un concorso di queste dimensioni e il motivo del ritardo nelle assunzioni, sinsiste, sono i ricorsi al Tar. Alcuni dei quali contestano i requisiti richiesti ai candidati o la posizione in graduatoria. Ma può essere solo questo il motivo? Cè chi ricorda che anche dopo precedenti concorsi furono presentati ricorsi. Eppure si procedette ugualmente alle assunzioni con riserva. Al Mibact ribattono che non è possibile operare in questo odo e che molto invece dipende alle diverse interpretazioni dei giudici amministrativi. Inoltre, assicurano, le assunzioni avverranno entro la fine di questanno. Aggiungendo che nel frattempo sono stati reclutati 45 nuovi funzionari amministrativi (non provenienti però dal concorso). In attesa che la situazione si sblocchi continuano a fioccare gli interrogativi su come opera il ministero. Unaltra ragione del ritardo può essere di tipo burocratico. E risale a un paradosso. Molti candidati, che da anni sono impiegati come funzionari, ma in modo assolutamente precario, hanno acquisito grandi competenze. E questo li ha indotti a presentare domanda per diverse classi di concorso, per esempio sia come archivisti sia come bibliotecari. E ad aver vinto per entrambi i ruoli. Insomma, potrebbe essere stata la spiccata preparazione di tanti concorrenti ad aver messo in crisi gli apparati ministeriali?
Il Mibac ha urgentissimo bisogno di rinforzare i propri organici, sia a Roma, nelle sue strutture centrali, sia soprattutto nelle soprintendenze territoriali o negli archivi, dove si esercita concretamente la tutela. Ma il compito è arduo e cono poco personale si fa anche fatica a smaltire le pratiche post concorso.
E così 91 archeologi hanno vinto il concorso e altri 112 sono risultati idonei, ma nessuno di loro ha effettivamente preso servizio.Lo stesso accade per gli storici dellarte (40 vincitori e 41 idonei, nessuno assunto), per gli archivisti (95 vincitori e 136 idonei, nessuno assunto) e per le figure di promotore e comunicatore (30 vincitori e 79 idonei, nessuno assunto). Per gli architetti siamo ancora più indietro. Il bando prevedeva 130 posti, ma si è ancora in attesa che venga pubblicata la graduatoria di merito. Come pure per i restauratori, ai quali si attribuivano 80 posti, ma è appena uscita la graduatoria degli ammessi allorale.
La situazione in molti uffici del ministero si è fatta pesante. In particolare in tante soprintendenze delicate, alle prese, senza il personale sufficiente, con le semplificazioni procedurali decise dalla riforma Madia, che impongono tempi brevissimi per le autorizzazioni paesaggistiche. Leta media dei funzionari supera i 55 anni e fra la fine di questanno e linizio del prossimo sono in tanti ad andare in pensione. Le nuove assunzioni non avrebbero coperto tutte le necessità. Ma una boccata dossigeno lavrebbero comunque assicurata. Sempre che giungano in porto al più presto.

Repubblica, 10 Novembre 2017



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news