LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Banca Intesa cala un poker di quadri nel suo santuario
TERESA MONESTIROLI
10 novembre 2017 LA REPUBBLICA

NONOSTANTE la posizione centralissima, a due passi da piazza Scala, in pochi la conoscono, messa in ombra dall'imponente facciata della Ca' de Sass. Ancora meno sono quelli che approfittano dell'apertura (tutti i giorni dalle 7,15 alle 18) per curiosare in quello che la storia dell'arte ha definito il capolavoro dell'architetto Francesco Maria Richini.

Eppure il Santuario di San Giuseppe di via Verdi è un piccolo gioiello da scoprire, non solo perché segna l'inizio del barocco a Milano, ma perché nasconde una storia curiosa: da quasi 150 anni è proprietà di una banca, prima la Cariplo, oggi Intesa Sanpaolo, e nel 1931, in un accordo fra Curia e Cassa di risparmio delle province lombarde, ricevette dal cardinale Schuster il riconoscimento come luogo di culto e il titolo di santuario.

Ad accendere i riflettori su una chiesa che stava scivolando nell'oblio sono i restauri, quasi terminati, dei quattro grandi dipinti seicenteschi e degli altari lignei che li sostengono, offuscati da una patina di sporco atmosferico che grazie all'attento lavoro di Carlotta Beccaria e Paola Strada sono tornati a splendere: lo Sposalizio della Vergine del Ceranino, pala d'altare grande 20 metri quadrati e lavorata in un cantiere allestito direttamente all'interno della chiesa perché era impossibile trasportarla; la Predica di San Giovanni Battista

del Montalto e la Fuga in Egitto di Andrea Lanzani invece sono trasferiti in laboratorio. Resta da concludere lo splendido dipinto di Giulio Cesare Procaccini Agonia di San Giuseppe, anche questo restaurato sul posto per via delle dimensioni, il primo quadro realizzato per il santuario nel Seicento, di cui però si hanno pochissime informazioni. Dovrebbe datare fra il 1620 e il 1625, negli ultimi anni di vita dell'artista, tra i maggiori pittori attivi a Milano nei primi decenni del XVII secolo. Un'opera che Procaccini volle chiaramente legare alla storia della città inserendo le figure di Sant'Ambrogio e San Carlo Borromeo al capezzale di Giuseppe, accanto a Maria.

Al di là dei dipinti e dell'edificio, costruito su un cinquecentesco Luogo Pio dedicato a San Giuseppe e consacrato nel 1616 da Federico Borromeo, è curiosa la storia del santuario. Di proprietà della Congregazione di carità dei luoghi pii elemosinieri, è passato nelle mani della Cariplo nel 1878 - l'atto notarile è conservato nell'archivio storico di Intesa Sanpaolo insieme al terreno su cui fu edificata la Ca' de Sass, con l'impegno di mantenere attiva la chiesa. Rimase all'istituto bancario fino al 1990, quando la fusione con il Banco Ambrosiano diede vita a Banca Intesa. Il patrimonio artistico di Cariplo restò di proprietà di Fondazione Cariplo racconta Giuseppe Guzzetti, presidente della fondazione , ma nel passaggio i vertici di allora decisero che il santuario doveva rimanere di proprietà della banca, cui era strettamente legato come luogo di culto frequentato da molti dei dipendenti . Tra essi Giovanni Bazzoli, presidente emerito di Intesa Sanpaolo, che racconta: Mi è capitato di venire spesso a San Giuseppe quando abitavo non lontano dalla sede di Intesa e con rammarico vedevo che era frequentata soltanto da turisti stranieri, mai da milanesi. Spero che questo restauro, che Intesa Sanpaolo ha sostenuto, aiuti a far conoscere il santuario e gli importanti esempi di pittura milanese del Seicento che contiene, testimoni di una florida stagione artistica che sarà protagonista della prossima mostra alle Gallerie d'Italia, "L'ultimo Caravaggio".



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news