LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BOLOGNA - Riemerge dall'oblio l'antico cimitero ebraico
PAOLA NALDI
08 novembre 2017 LA REPUBBLICA



Il sepolcreto di età medievale, con le sue 408 tombe ritrovate in via Orfeo, è il più grande d'Italia: se ne erano perse le tracce cinque secoli fa


DISPOSTE in ordinate file parallele, 408 tombe ebraiche di epoca medievale sono tornate alla luce in un fazzoletto di terra compreso tra via Orfeo, via de' Buttieri, via Borgolocchi e via Santo Stefano. Bologna ritrova così l'antico cimitero di cui si erano perse le tracce, il più grande fino a oggi noto in Italia, il secondo per estensione in Europa.

Le cronache passate ci hanno tramandato la violenza con cui nel 1569 le tombe vennero distrutte, lasciando una comunità senza le sue radici e privando, materialmente, la città di un pezzo di storia e di cultura. Fu infatti in quell'anno che, attraverso la bolla "Hebraeorum Gens", papa Pio V donò l'area alle suore di San Pietro Martire con l'ordine di "disseppellire e far trasportare, dove a loro piaccia, i cadaveri, le ossa e gli avanzi dei morti: di togliere affatto, oppure raschiare e cancellare le iscrizioni e altre memorie scolpite nel marmo .

Dopo quasi cinque secoli, quella furia distruttiva è diventata realtà da leggere nei resti emersi durante uno scavo condotto dalla Soprintendenza tra il 2012 e il 2014: 150 tombe manomesse, nessuna traccia delle lapidi, solo le spoglie dei corpi, qualche lembo di vestiario e una sessantina di oggetti tra anelli, collanine e gioielli d'oro, ambra e pietre. Il cimitero è stato ricoperto, le ossa e gli oggetti ora verranno studiati. Inizialmente abbiamo trovato delle sepolture che si potevano riferire al complesso monacale, ma quando abbiamo visto la disposizione in file parallele, insolite nella pratica cattolica, abbiamo capito che si trattava di un cimitero ebraico spiega Renata Curina della Soprintendenza - Al Museo Medievale sono conservate quattro stele del periodo, le uniche sopravvissute, ma non sapevamo da dove provenissero. Oggi lo abbiamo scoperto. L'evento è di tale portata che è stato annunciato ieri in Cappella Farnese dalle autorità: il sindaco Virginio Merola, il Rabbino capo di Bologna Rav Alberto Sermoneta, il presidente della comunità ebraica Daniele De Paz, il Soprintendente Luigi Malnati, il rettore Francesco Ubertini. Con la scoperta di questo sito avviamo un progetto di studio che metterà insieme competenze diverse, per certi versi simile a quanto avviene per il Nettuno, ha assicurato il rettore. Infatti il Dipartimento di Scienze biologiche dell'Alma Mater, insieme a studiosi delle Università di Firenze, Cambridge e Dublino, condurrà analisi morfologiche, microbiologiche, molecolari e tomografiche per ricostruire la vita della comunità. Gli archeologi studieranno i materiali che poi, secondo Malnati, potrebbero essere collocati al Museo Ebraico di Bologna. Non rimarrà quindi che dare degna sepoltura alle spoglie e per questo Sermoneta ha chiesto al Comune la possibilità di avere un pezzo di terreno nell'attuale cimitero ebraico, accanto alla Certosa.






news

22-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news