LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Progetto shock a palazzo Pecci Blunt una toilette nella chiesina barocca
LUCA MONACO
05 novembre 2017 LA REPUBBLICA




NELLA cappella gentilizia (un metro per due) al primo piano di palazzo Pecci Blunt, all'Ara Coeli, nascerà un gabinetto. La proprietà assicura che il luogo di preghiera non è mai stato consacrato. Eppure i nuovi servizi igienici soppianteranno l'altare, ancora oggi perfettamente centrato alla parete, fiancheggiato da due angeli- cariatidi: ecco dove spunterà una toilette sovrastata dai putti, nel vano decorato con affreschi barocchi.

I lavori non sono mai iniziati. Il progetto è stato approvato cinque anni fa dalla Soprintendenza di Stato e prevede una serie di interventi all'edificio tra i più importanti di Roma, rimasto intatto per Seicento anni dinnanzi la scalinata michelangiolesca del Campidoglio. La porzione più pregiata, in vendita su Sotheby's a una base d'asta di 3,5 milioni di euro, è proprio il primo piano. La "fuga" dei saloni (quattro vani) concepita da Giacomo della Porta e impreziosito dalla fascia di affreschi realizzati da Taddeo e Federico Zuccari, fratelli e interpreti di primo piano del Manierismo, verrà spezzata da un separé in vetro per dare vita a due ambienti distinti. Così per la galleria dei paesaggi, con affaccio su via Tribuna di Tor de' Specchi, affrescata nel 600 da Gaspard Dughet, dove nasceranno un secondo bagno e uno spogliatoio. Non poteva certo mancare la cucina. Dove? Nella loggia firmata da Raffaellino da Reggio, nell'ala del palazzo che affaccia sul cortile interno e il relativo colonnato.

Opere non ancora realizzate, ma che fanno discutere. Gli interventi sono stati approvati dalla Soprintendenza statale ben prima dell'accorpamento. Alla guida non c'era ancora Francesco Prosperetti, che adesso si sta occupando della questione. Il piano, così concepito, secondo gli esperti dei beni culturali non intacca la natura dell'immobile. Un gioiello costruito nei primi anni del XVI secolo dalla famiglia Albertoni che nel 600 assunse il nome della famiglia papale in estinzione Altieri. Alla fine del Cinquecento passò a Mario Fani che lo fece ristrutturare da Giacomo Della Porta. Nella metà del Seicento diventò la prima residenza a Roma della famiglia di origine senese Ruspoli; quando questa, nel 1745 si trasferì nel palazzo in via del Corso, l'edificio venne venduto ai Malatesta. Sul finire dell'Ottocento, infine, fu acquisito dai Pecci Blunt.

Nel 2011 il produttore cinematografico e televisivo Pietro Valsecchi acquisì il piano terra (poi rivenduto) il primo piano (ora in vendita) e il secondo. In Soprintendenza ricostruiscono anche l'iter burocratico che afferisce agli ultimi 15 anni: l'immobile fu frazionato senza autorizzazioni poi riunificato con un progetto approvato proprio dai Beni culturali. Secondo gli esperti architetti il separé non intaccherebbe la struttura dei saloni, perché da realizzarsi in vetro e di un'altezza inferiore a quella dei soffitti: non arriverebbe ai cassettoni. Stesso discorso per il gabinetto nella cappella. L'altare, ravvisano in Soprintendenza, è una struttura mobile, posizionata lì intorno al 1920, l'epoca alla quale risalirebbero gli affreschi sovrastanti. Sei anni fa precisa Valsecchi avevo acquistato il palazzo per farne la sede di una fondazione di arte: ma per avere i permessi è passato troppo tempo e ho deciso così di spostare la sede un altro palazzo storico, sempre a Roma. Quindi, venendo meno l'interesse per la fondazione, a malincuore ho deciso di venderlo aggiunge il produttore chi lo comprerà potrà usufruire di una proprietà già in ordine. Con un progetto studiato dagli esperti del settore e approvato da tutti i tecnici della Soprintendenza statale, che tuttavia potrà anche essere modificato.




news

16-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news