LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - LE RAGIONI DI UN DISSENSO
di Paolo Ermini
Corriere Fiorentino 12 Nov 2017





Le battaglie si vincono con la tenacia, cercando di convincere chi la pensa diversamente. Repetita iuvant, insomma, ma non a Firenze, dove su alcune delle ultime scelte di Palazzo Vecchio abbiamo più volte espresso unopinione contraria senza mai ricevere una risposta di merito, ma piuttosto unirritazione mal trattenuta. Succede nella città in cui lopposizione si mobilita solo su obiettivi mirati, quasi sempre legati alla ricerca di consenso, mentre la voce di chi a Firenze ci vive viene per forza calamitata dai comitati sorti qua e là e che hanno caratteristiche anche molto diverse tra loro. Ce ne sono alcuni che hanno una coloritura politica più evidente, altri che sono solo lespressione del disagio di tanti cittadini in cerca di risposte. Qualche volta, più semplicemente, di qualcuno che ascolti. E rappresentarne le motivazioni su un giornale non significa diventare il giornale dei comitati, come qualcuno si azzarda a dire in Comune, ma fare da piazza (virtuale) delle idee. Con due obiettivi: evitare che nessuno possa accampare alibi (Non era a conoscenza del problema...) e sottrarre ogni motivo di malumore alla strumentalizzazione delle forze politiche che sullindifferenza delle istituzioni costruiscono le loro fortune. Come si è visto con lintrusione di CasaPound nella manifestazione civilissima dei residenti che si è tenuta una settimana fa in piazza Indipendenza. Perché ignorare per mesi ogni appello o fare promesse che poi non si realizzano? Un organo di informazione dovrebbe proprio servire a rendere più veloce il rapporto tra chi governa e chi è governato: è lABC di quella realtà complicata ma preziosa che si chiama opinione pubblica. Il sale di ogni comunità democratica. Magari, a forza di ripeterlo, lo si capirà anche da queste parti.

Quanto al merito, vale la pena ribadire che abbiamo apprezzato moltissimo lo sforzo che il sindaco e la sua giunta stanno facendo per fermare la trasformazione di Firenze in un mangificio, cercando di salvare lidentità di alcune strade del centro e quello che resta della rete dei negozi storici. Così come fa ben sperare limpegno per ridisegnare la mappa dei mercati e per dare nuove regole al commercio ambulante, oppure la volontà di riavvicinare il corpo della polizia municipale ai fiorentini grazie alla figura del vigile di quartiere, anche se incombe il rischio di trasformarne la figura in un raccoglitore di sfoghi fini a se stessi.

Quello che però serve è unidea complessiva di città, il disegno di una Firenze proiettata nel futuro, la prospettiva di una realtà metropolitana che grazie anche ai vantaggi della tecnologia possa contare su una rete integrata di trasporti, sullefficienza dei servizi, sulla pluralità delle sue vocazioni. Da difendere e rilanciare. E allora sorprende linsistenza con cui il sindaco da giorni parla della riqualificazione dellOltrarno citando il rifacimento di tante sue strade, a cominciare dal selciato (orribile: rimetteteci le pietre) di piazza de Nerli e dalla nuova scenografia alberata di piazza del Carmine. Cancellare le buche, rifare le zanelle, ripianare marciapiedi sconnessi è indispensabile, ma non è così che si salverà il quartiere, da San Niccolò a San Gaggio e al Torrino di Santa Rosa. Non basta il belletto. E lo diciamo come residenti che ogni giorno toccano con mano miserie e nobiltà di una Firenze che vuole restare ancora se stessa. Non è il belletto che può ridare ossigeno ai laboratori e alle botteghe, agli artigiani e ai negozianti. LOltrarno deve vivere la sua vita di giorno, non ridursi a una quinta teatrale per la movida. E per gli show in bicicletta degli spacciatori che imperversano nelle sue notti. La pedonalizzazione del Carmine senza avere prima costruito un grande parcheggio (lì sotto o in piazza Tasso o a Porta Romana) è stato un errore madornale che ha esasperato esercenti e abitanti. Ora, dopo gli anni del vuoto ben protetto dalla staccionata in stile vecchio ranch (ma la soprintendenza dovera?) davanti alla basilica dei carmelitani nasce un boschetto. Con panchine. Di notte diventerà una nuova centrale di droga e degrado. Lo vedremo. Ma ancora più sorprendente è stato il no con cui è stata bocciata la proposta di ripristinare subito la Ztl no stop per bloccare linvasione notturna delle auto in centro, avanzata (coraggiosamente, visti gli interessi in ballo) dallassessore Giorgetti. Ogni decisione in merito è rinviata a quando entreranno in funzione le nuove tramvie, ha detto il sindaco. Come se la tramvia fosse la nuova frontiera di Firenze, la linea di demarcazione tra passato e futuro. La svolta ci sarà, e sarà vistosa. Ma la tramvia taglia fuori mezza città, dal Campo di Marte a San Frediano e certamente non arriverà in centro né toccherà le zone dello sballo. Di più: la tramvia non è una metropolitana e non arriverà né a Prato né nella Piana, da cui a sera giungono a Firenze migliaia di giovani. Perché allora fare finta di non vedere il delirio e rimandare la sterzata? Perfino i gestori dei locali si sono accorti che la corda è diventata troppo tesa e hanno chiesto più controlli in strada, contro gli abusi di ogni tipo. E invece tira, tira, tira. Come può finire ce lo ricordano i giochi della nostra infanzia.



news

18-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 18 febbraio 2018

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

Archivio news