LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TRAPANI-Mafia e traffici illeciti di opere d'arte, sequestrati i beni di Gianfranco Becchina
Federico Castelli Gattinara
www.ilgiornaledellarte.com, 16/11/2017

Ne abbiamo parlato tante volte, sempre in resoconti di traffici illeciti e scavi clandestini, restituzioni da parte di privati e musei americani e non solo, processi e rinvii a giudizio. Gianfranco Becchina, oggi 78enne, è un tassello chiave della big conspiracy che per decenni ha saccheggiato lItalia di tanti beni archeologici scavati, esportati e venduti illegalmente allestero, anche se il mercante darte si è sempre dichiarato innocente. Per Becchina le vacche grasse sono durate fino al 2001, quando la festa è finita in un maxisequestro a Basilea, sede della galleria Antike Kunst Palladion che gestiva con la moglie, di circa seimila oggetti tra vasi, affreschi, mosaici, statue e frammenti spesso ancora da restaurare, un archivio di 136 faldoni di documenti e ottomila fotografie di reperti. Dieci anni dopo Rosalba Liso, gup del Tribunale di Roma, decideva il suo rinvio a giudizio per associazione a delinquere e la confisca non solo delle antichità requisite a suo tempo, rientrate in Italia a gennaio 2009, ma anche di quelle ancora in Svizzera e ritratte in foto, materiali quasi tutti italiani provenienti da Sicilia, Campania, Puglia e basso Lazio. Ricordiamo che Becchina è colui che vende al Getty Museum per 10 milioni di dollari un kouros falso, che tratta reperti nuragici per miliardi di lire, che cede al museo di Toledo in Ohio uneccezionale hydria di Vulci e ancora al Getty il più grande vaso dipinto dal ceramografo pestano Assteas, restituito poi allItalia.
Ora la Direzione investigativa antimafia di Trapani ha deciso il sequestro dellintero suo patrimonio (Becchina da tanti anni si era ritirato nella natia Castelvetrano dove produce uno squisito olio verde da esportazione) valutato oltre 10 milioni di euro, compreso il Castello di Bellumvider, uno dei castra exempta (castelli direttamente amministrati dalla corona, Ndr) di Federico II di Svevia diventato poi residenza dei principi di Castelvetrano, Tagliavia e Pignatelli Aragona Cortés.
Laccusa, sostenuta da collaboratori di giustizia ma non soltanto, è di aver trafficato per decenni con un boss mafioso del calibro di Matteo Messina Denaro, finanziandone la latitanza. Lattenzione del quale per larte e la gestione della rete legata agli scavi clandestini in Sicilia risalirebbe addirittura al padre Francesco, che secondo alcuni collaboratori di giustizia sarebbe stato dietro il furto dellEfebo di Selinute nel 1962.



news

07-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 7 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news