LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NEW JERSEY-Datemi un tratto e riconoscerò Picasso
GIULIANO ALUFFI,
Repubblica, 24/11/2017

I ricercatori hanno creato un critico darte con una rete neurale Sa distinguere in un attimo le opere originali dalle imitazioni


Datemi una sola linea e vi riconoscerò un Picasso dice Ahmed Elgammal, e ad essere curiosa non è solo laffermazione ma il fatto che Elgammal non è un critico darte. Tuttaltro: è il direttore del laboratorio dintelligenza artificiale alla Rutgers University, nel New Jersey.
Così, a identificare i grandi artisti da un solo tratto di pennello, matita o carboncino non è Elgammal in prima persona, ma un software da lui sviluppato e che promette di non lasciarsi sviare dai trucchi che fino a oggi lhanno fatta passare liscia a grandi falsari come Eric Hebborn.
Da quando ho realizzato la prima versione del programma per riconoscere lo stile dei grandi pittori, due anni fa, mi sono arrivate molte richieste da musei e gallerie per un software che potesse riconoscere i falsi.
Quel software non ne era ancora in grado: un falsario che avesse dipinto un quadro con lo stile di Van Gogh lavrebbe ingannato spiega Elgammal.
Così ho coinvolto nel nuovo progetto Milko Den Leeuw, esperto autenticatore dellAtelier for Restoration of Paintings dellAja. Lui ha suggerito di usare il metodo della pictologia, una sorta di grafologia dellimmagine, ideato negli anni Trenta da Maurits van Dantzig. Per Dantzig i singoli tratti di matita, pennello o carboncino che un pittore lascia sul foglio o sulla tela, la loro lunghezza, i loro angoli sono come una vera e propria firma che contraddistingue lautore anche quando, nel corso degli anni, cambia stile o soggetti e scene da ritrarre.
Una firma molto difficile da falsificare, perché inconscia, non mediata dalla ragione e legata soprattutto alla naturalezza del gesto: quello che per Picasso è stato un movimento del braccio naturale quanto il respirare, per un falsario che cerca di imitarlo diventa un calvario di continue esitazioni e artifici che lasciano sulla tela tracce troppo piccole per locchio umano. Ma non per il software, che ha memorizzato le forme di decine e centinaia di migliaia di tratti per ogni pittore.
Questo è il motivo per cui la pictologia non ha realmente mai attecchito presso gli esperti. È arduo per locchio umano caratterizzare i singoli tratti di un artista: un dipinto può averne migliaia. E poi lesperto dovrebbe prima aver fatto la stessa minuziosa analisi per centinaia di opere note di ogni pittore: cosa improponibile. Invece per un computer è facile e immediato analizzare queste grandi quantità di dati minuscoli e sfuggenti spiega Elgammal. Il nostro software scompone lopera da valutare in tutti i suoi tratti, e li analizza uno per uno.
Assegnando una probabilità vero/falso a ogni tratto e poi giudicando il disegno nel suo insieme.
La precisione è notevole: gli originali vengono riconosciuti come tali in più dell80 per cento dei casi, mentre i falsi dautore Elgammal ha commissionato la loro realizzazione a quattro artisti sono stati smascherati nel 100 per cento dei casi.
Oggi per distinguere tra falsi e originali si usano soprattutto tecniche come lanalisi chimica della superficie del dipinto o della tela, con spettroscopie o datazione tramite gli isotopi spiega Elgammal. Ma non sono sistemi a prova di truffatore.
Basta pensare a come il grande falsario Eric Hebborn che, mai smascherato da altri, per assurgere alla fama dovette autodenunciarsi pubblicando nel 1997 un Manuale del falsario riuscì a prendersi gioco del mondo. Hebborn usava a suo vantaggio la logica: fingeva di trovare schizzi preparatori delle opere dei grandi maestri.
Disegni che nessuno aveva mai visto, ma che si sapeva per certo fossero stati realizzati: lesistenza delle opere finali lo provava.
Alla sua straordinaria maestria nel disegno, Hebborn univa sapienza chimica: se voleva realizzare un falso schizzo di Rembrandt, usava come supporto una pagina bianca strappata da un libro del Seicento. E così anche il microscopio era gabbato.
Il software di Elgammal invece indifferente allestetica, alla logica e alla chimica ma brutalmente efficiente non gli avrebbe lasciato scampo.



news

07-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 7 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news