LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NEW JERSEY-Datemi un tratto e riconoscerò Picasso
GIULIANO ALUFFI,
Repubblica, 24/11/2017

I ricercatori hanno creato un critico darte con una rete neurale Sa distinguere in un attimo le opere originali dalle imitazioni


Datemi una sola linea e vi riconoscerò un Picasso dice Ahmed Elgammal, e ad essere curiosa non è solo laffermazione ma il fatto che Elgammal non è un critico darte. Tuttaltro: è il direttore del laboratorio dintelligenza artificiale alla Rutgers University, nel New Jersey.
Così, a identificare i grandi artisti da un solo tratto di pennello, matita o carboncino non è Elgammal in prima persona, ma un software da lui sviluppato e che promette di non lasciarsi sviare dai trucchi che fino a oggi lhanno fatta passare liscia a grandi falsari come Eric Hebborn.
Da quando ho realizzato la prima versione del programma per riconoscere lo stile dei grandi pittori, due anni fa, mi sono arrivate molte richieste da musei e gallerie per un software che potesse riconoscere i falsi.
Quel software non ne era ancora in grado: un falsario che avesse dipinto un quadro con lo stile di Van Gogh lavrebbe ingannato spiega Elgammal.
Così ho coinvolto nel nuovo progetto Milko Den Leeuw, esperto autenticatore dellAtelier for Restoration of Paintings dellAja. Lui ha suggerito di usare il metodo della pictologia, una sorta di grafologia dellimmagine, ideato negli anni Trenta da Maurits van Dantzig. Per Dantzig i singoli tratti di matita, pennello o carboncino che un pittore lascia sul foglio o sulla tela, la loro lunghezza, i loro angoli sono come una vera e propria firma che contraddistingue lautore anche quando, nel corso degli anni, cambia stile o soggetti e scene da ritrarre.
Una firma molto difficile da falsificare, perché inconscia, non mediata dalla ragione e legata soprattutto alla naturalezza del gesto: quello che per Picasso è stato un movimento del braccio naturale quanto il respirare, per un falsario che cerca di imitarlo diventa un calvario di continue esitazioni e artifici che lasciano sulla tela tracce troppo piccole per locchio umano. Ma non per il software, che ha memorizzato le forme di decine e centinaia di migliaia di tratti per ogni pittore.
Questo è il motivo per cui la pictologia non ha realmente mai attecchito presso gli esperti. È arduo per locchio umano caratterizzare i singoli tratti di un artista: un dipinto può averne migliaia. E poi lesperto dovrebbe prima aver fatto la stessa minuziosa analisi per centinaia di opere note di ogni pittore: cosa improponibile. Invece per un computer è facile e immediato analizzare queste grandi quantità di dati minuscoli e sfuggenti spiega Elgammal. Il nostro software scompone lopera da valutare in tutti i suoi tratti, e li analizza uno per uno.
Assegnando una probabilità vero/falso a ogni tratto e poi giudicando il disegno nel suo insieme.
La precisione è notevole: gli originali vengono riconosciuti come tali in più dell80 per cento dei casi, mentre i falsi dautore Elgammal ha commissionato la loro realizzazione a quattro artisti sono stati smascherati nel 100 per cento dei casi.
Oggi per distinguere tra falsi e originali si usano soprattutto tecniche come lanalisi chimica della superficie del dipinto o della tela, con spettroscopie o datazione tramite gli isotopi spiega Elgammal. Ma non sono sistemi a prova di truffatore.
Basta pensare a come il grande falsario Eric Hebborn che, mai smascherato da altri, per assurgere alla fama dovette autodenunciarsi pubblicando nel 1997 un Manuale del falsario riuscì a prendersi gioco del mondo. Hebborn usava a suo vantaggio la logica: fingeva di trovare schizzi preparatori delle opere dei grandi maestri.
Disegni che nessuno aveva mai visto, ma che si sapeva per certo fossero stati realizzati: lesistenza delle opere finali lo provava.
Alla sua straordinaria maestria nel disegno, Hebborn univa sapienza chimica: se voleva realizzare un falso schizzo di Rembrandt, usava come supporto una pagina bianca strappata da un libro del Seicento. E così anche il microscopio era gabbato.
Il software di Elgammal invece indifferente allestetica, alla logica e alla chimica ma brutalmente efficiente non gli avrebbe lasciato scampo.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news