LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-La cultura fa bene allItalia. Intervista a Dario Franceschini
Anna Tuteur e Pasquale Quaranta
https://www.mark-up.it/la-cultura-fa-bene-allitalia/

Nuove risorse per lo spettacolo, musei più visitati, nuova legge per il cinema, la rinascita di Pompei: a colloquio con il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.
Nato a Ferrara il 19 ottobre 1958, Dario Franceschini è Ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT). Con il Governo Renzi è stato Ministro per i Rapporti con il Parlamento e Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle Riforme istituzionali nel secondo esecutivo DAlema e nel secondo governo Amato.
Lei ha fortemente voluto una nuova legge sullo spettacolo che rilancia il settore. Quali sono i punti di forza?
Innanzitutto laumento delle risorse: il Fondo Unico per lo Spettacolo cresce di 19 milioni di euro nei prossimi due anni e di 22,5 milioni di euro dal 2020. Dopo anni di tagli, le risorse tornano a salire. Inoltre viene esteso lArtbonus a orchestre, teatri, festival, centri di produzione teatrale e di danza, centri di distribuzione che potranno avvalersi del credito dimposta del 65% per favorire le erogazioni liberali finora riservato solo alle fondazioni liriche. Importante anche il sostegno statale alla musica popolare. Infine la delega al Governo per aggiornare la disciplina alle fondazioni lirico-sinfoniche.
A tre anni dallavvio della riforma museale quali sono i risultati raggiunti?
Numeri entusiasmanti: in quattro anni i visitatori sono aumentati del 18,5%, passando da 38,5 a 45,5 milioni di ingressi nei musei statali tra il 2013 e il 2016. Una tendenza confermata nei primi nove mesi del 2017 con un +9,4%. I musei, ormai autonomi, si sono aperti alle comunità di riferimento, hanno innovato la propria offerta culturale, sono entrati nellera digitale superando un divario significativo. Inoltre hanno beneficiato di nuove risorse: dei circa 4 miliardi di euro stanziati per i cantieri della cultura, ben 1 miliardo va ai musei.
Ci spiega il piano per la rinascita di Pompei e la sinergia tra Governo italiano e istituzioni comunitarie?
Il Grande Progetto Pompei è una sfida vinta dallItalia, portato ad esempio dalle
stesse istituzioni comunitarie come caso virtuoso di utilizzo dei fondi europei. In due anni sono stati interamente impiegati i 105 milioni messi a disposizione dalla Commissione nel 2011, restaurando 30 edifici, tra cui la Villa dei Misteri e la Casa dei Vetii, recuperando intere regiones, estendendo la copertura wifi a tutti gli scavi, realizzando un percorso di 3 km che consente piena accessibilità a una parte rilevante del sito. Dei 76 interventi finanziati, solo 3 sono da concludere.
Quali interventi sono previsti per il suo ministero nella legge di bilancio 2018?
Per la prima volta dallinizio della crisi del 2008 avremo risorse per confermare la card cultura per i diciottenni, assumere 200 nuovi professionisti dei beni culturali, promuovere la lettura, il turismo culturale e la valorizzazione del sistema museale nazionale.
Si sono appena conclusi gli Stati Generali del Paesaggio. Quali spunti ha ricavato per eventuali nuove politiche pubbliche in materia paesaggistica?
Lurgenza di procedere alla redazione dei piani paesaggistici con le Regioni. A quattordici anni dal varo del Codice dei beni culturali e del Paesaggio solo Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Puglia hanno portato a termine il percorso con il MiBACT. Il Lazio è a un buon punto, ma qui ci fermiamo. Il paesaggio è un patrimonio tutelato dalla Costituzione e le istituzioni devono rispondere al precetto costituzionale.
Cosa si può fare per regolamentare il mercato delle opere darte?
Contrastare il mercato illegale, tema al quale pensano egregiamente i Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale, e favorire il più possibile quello lecito. Anche pensando di prevedere che unopera sia stata realizzata da settantanni, e non da cinquanta come adesso, per essere vincolata e quindi limitata nella sua commerciabilità. È una questione urgente, perché stiamo parlando di artisti di peso internazionale degli anni Sessanta come Burri, Fontana, Manzoni.
Quali sono gli obiettivi della riforma sul cinema italiano?
Innanzitutto la crescita e la stabilizzazione delle risorse pubbliche a sostegno dellindustria cinematografica: la legge istituisce un fondo cinema di 400 milioni di euro, 150 in più rispetto al passato, alimentato con un meccanismo di autofinanziamento che incentiva la filiera a investire. Importanti sono anche le misure per attirare le grandi produzioni internazionali: il nostro cinema ha altissime professionalità artistiche e tecniche, grandi capacità ricercate a livello mondiale che ora costituiscono una grande attrattività per le industrie cinematografiche mondiali.



news

25-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 25 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news