LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Cultura, Franceschini: 2018 non sia solo celebrativo ma sia inizio di una svolta
https://agcult.it/2017/12/07/cultura-franceschini-2018-non-sia-solo-celebrativo-sia-inizio-svolta/

Ci sono 3 grandi ragioni perché bisogna spingere in questa direzione: economia, identità europea e antidoto contro le paure. Ringraziamento a Silvia Costa per il suo lavoro


In questa legislatura sia il governo che il Parlamento, con il coinvolgimento positivo delle opposizioni, hanno investito in cultura: aumentando le risorse, il budget, approvando nuove leggi per cinema, libro, teatro e musica, a tutela del patrimonio culturale italiano. Abbiamo lanciato un messaggio importante immediatamente dopo gli attentati di Parigi, dicendo che avremmo investito 1 euro in sicurezza e 1 euro in cultura, e questo è stato fatto con i governi Renzi e Gentiloni. Lo ha ricordato il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, nel corso del suo intervento al Forum europeo della cultura in corso a Milano. In questi quattro anni ci sono stati anche cambiamenti importanti nelle politiche europee, che hanno visto limpegno di commissione, ministri della cultura e Parlamento europeo. Per questo grazie a Silvia Costa che ha dato grande impulso a questa strategia.

Abbiamo discusso molto dei temi della protezione del patrimonio culturale minacciato nel mondo. Ha detto bene il presidente del Pe, Tajani, con parole che condivido integralmente: bisogna investire in cultura e lavorare sulle cose fatte in questi anni per trasformare le scelte in politiche culturali da marginali a centrali. Sono stati fatti passi in questo anche su nostra iniziativa. Ricordo il primo G7 della cultura, che non era mai stato fatto. Firenze è stata importante sia per levento che per il documento conclusivo. E ho chiesto al Canada di continuare questa prassi. Abbiamo fatto passi avanti nelle organizzazioni internazionali, come le risoluzioni Unesco e delle Nazioni Unite sul patrimonio culturale minacciato da terrorismo e calamità naturali.

Il 2018 non deve essere solo un momento celebrativo ma deve essere linizio di un percorso, di una svolta: dobbiamo investire in cultura. Ci sono 3 grandi ragioni perché bisogna spingere in questa direzione. Linvestimento in cultura è la scelta attraverso la quale passa molto del destino dellEuropa nei prossimi anni. Il primo motivo è che si tratta di una scelta economica, lEuropa ha una capacità attrattiva di turismo enorme, che nessuno nel mondo ha. Bisogna poi investire in industrie culturali e creative: lEuropa in materia di contenuti culturali ha fatto scelte importanti, ma abbiamo giocato troppo in difensiva; ora dobbiamo giocare in attacco, se giochiamo insieme come un unico mercato produttore di contenuti culturali, siamo i primi come consumatori e produttori, non ci sono Usa che tengono. Dobbiamo unirci e saremo i più forti a qualsiasi tavolo andremo.

Seconda ragione: investire in cultura significa costruire un identità comune, una cittadinanza europea. Questo è il mondo della mobilità e i giovani si sentono già europei. Per questo abbiamo promosso lErasmus della cultura, uno scambio fra musei, istituti e soggetti culturali. Terzo punto: investire cultura per superare e fronteggiare le paure. E necessario costruire ponti e non muri, ha concluso.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news