LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nuova vita per la Certosa si aprono le celle dei frati
Maria Cristina Carratù
09 dicembre 2017 LA REPUBBLICA



È nata a metà del XIV come centro monastico dei Certosini, sostituiti nel 1958 dai Cistercensi. Ma l'era degli ordini di clausura sembra ormai alle spalle della Certosa del Galluzzo, pronta a passare, per la prima volta nella sua lunga storia, ad una gestione decisamente più aperta al mondo. Tempo pochi giorni, e il 14 dicembre l'arcivescovo Giuseppe Betori, dopo averla ricevuta in concessione dal Demanio, affiderà la chiave del complesso alla Comunità di San Leolino, società di vita apostolica composta da laici e religiosi che dal 1986 ha sede nella Pieve di San Leolino a Panzano in Chianti, nota per la sua attività spirituale ispirata al Concilio Vaticano II e per la particolare attenzione alle istanze culturali contemporanee. Una comunità viva e dialogante, insomma, che si propone non solo di riportare in funzione un complesso sotto utilizzato, ma soprattutto di riavvicinarlo alla " città" in senso lato, cioè alla società e al mondo, da cui è rimasto troppo a lungo separato. Il programma di rilancio è intenso e già pronto nelle sue linee- base: La Certosa diventerà un luogo dinamico e aperto, di accoglienza, animazione spirituale, studio e ricerca, una vera Città dello Spirito, ma dotata anche di una proposta culturale a largo raggio, capace di parlare a tutti spiega don Alessandro Andreini, uno dei membri della Comunità di San Leolino ( 8 in tutto, 4 religiosi e 4 laici, metà dei quali resteranno a Panzano). D'ora in poi, insomma, si salirà' sull'antico Montacuto del Galluzzo non soltanto per visitare il Museo e la Chiesa, la pinacoteca con gli affreschi del Pontormo e il Palazzo Acciaiuoli, i chiostri e le antiche celle dei frati, ma anche per partecipare a eventi culturali e convegni ( il primo, già in calendario, sulla poetessa Margherita Guidacci), incontri di formazione e giornate di studio, visitare mostre, incontrare guide spirituali, consultare libri, o magari trascorrere qualche giorno in meditazione. Oggi c'è un enorme bisogno di coscienza critica e di capacità di lettura di fenomeni complessi, e il rapporto fra Vangelo e cultura promuove e potenzia ogni aspetto dell'essere umano, spiega il superiore di San Leolino Carmelo Mezzasalma, sottolineando

come tipico della società apostolica l'incontro con le persone, con la molteplicità delle loro culture e delle loro fedi, e soprattutto con i non credenti, oltre le distinzioni fra chi è consacrato e chi no, e coinvolgendo il più possibile i laici.

Il lavoro da fare è tanto, ma siamo pronti, affiancati dai molti amici e frequentatori già a disposizione , dice don Andreini. Fra i tanti interventi, sono previsti (in stretto rapporto con la soprintendenza, cui il Demanio ha affidato la tutela del complesso e che a breve avvierà il restauro del Palazzo Acciaiuoli) il recupero di alcuni spazi monumentali da tempo chiusi o non agibili, come la Cripta e l'appartamento dei Papi Pio VI e Pio VII, la realizzazione di nuovi bagni per il museo e di un ascensore per i disabili, e, grazie anche a un accordo con gli Amici dei Musei, il rilancio delle visite, da tempo ridotte al lumicino, con un aumento dei percorsi, orari più lunghi, e personale qualificato. In agenda è anche la ristrutturazione dell'ala già adibita dai Cistercensi a foresteria, da destinare ad una Casa per ferie dove alloggiare le moltissime persone , dice don Mezzasalma, che si prevede arrivino anche alla Certosa, come già a San Leolino, da ogni parte d'Italia.

Il progetto prevede inoltre la riapertura della grande biblioteca, da cui i monaci hanno portato via tutti i libri, ma che sarà presto arricchita da due straordinarie donazioni appena ottenute dalla Comunità: quella del fondo librario ( oggi custodito dalla Società internazionale per lo studio del medioevo latino, Sismel) appartenuto a don Baget Bozzo, il sacerdote e teologo scomparso nel 2009 noto per il suo controverso impegno in politica, e quella della biblioteca del grande filosofo e storico delle religioni Elémire Zolla. E non solo: siccome per gestire al meglio la nuova' Certosa serviranno soldi, la Comunità ha già in previsione la ricerca di fondi tramite sponsor privati, campagne di fundraising, la partecipazione all'Art Bonus, e accordi con operatori turistici qualificati perché promuovano la Certosa nelle loro visite. Senza disdegnare il rilancio dell'attività commerciale, in primis dei tradizionali distillati (un tempo) dei monaci.





news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news